Risultati da 1 a 15 di 15

Discussione: Apollo twin-Electrovoice RE20-Conn12M-Home recording test-Che vi sembra?

  1. #1

    Apollo twin-Electrovoice RE20-Conn12M-Home recording test-Che vi sembra?

    E' da un po' di tempo che sto sperimentando registrazioni in Home recording, anzi "garage recording". Come registra la scheda audio Apollo twin sul sassofono? Come suona il plugin UA610B, versione software del pre valvolare? Ho usato un microfono Electrovoice RE20 ed il mio baritono Conn12M. Con che attrezzatura registrate? Come vi sembra il risultato? Lasciate un commento ed iscrivetevi al canale se vi appassiona il mondo del sax e del jazz in tutte le sue sfaccettature. Buon week end!

    P.S. Avete riconosciuto il brano su cui ho improvvisato nel video?

    www.fabriziodalisera.com nuovo album e nuovo sito web 2019.
    www.youtube.com/watch?v=CFcW_VQe7ko
    Fabrizio D'Alisera & Max Ionata "Crossthing" www.youtube.com/watch?v=PGZLj2tnhzk"
    Theo Wanne endorser

  2. #2
    Suona bene! Anche se piu o meno tutte le schede audio in circolazione suonano bene direi.
    Io uso una semplicissima Behringer UMC 204HD da 100 euro, perchè i preamplificatori sono molto silenziosi, con distorsione armonica molto bassa,e ha dei buoni driver....poi tutto il resto si fa in post produzione e li c'è tutto un mondo da scoprire!!!
    Comunque quando avrò voglia di spendere dei soldi, ho intenzione di comprare l'Arturia AudioFuse Black Rev2.....che è una scheda audio fantastica!
    Alto Yamaha 875 EX Gold Plated
    Tenore Rampone & Cazzani Performance
    Flauto Muramatsu SR Heavy

  3. #3
    Ciao Robinik, sicuramente negli anni il livello delle schede audio nel complesso è salito, ma a mio parere non suonano tutte bene.
    Io in post produzione faccio quasi zero, al massimo metto un pò di riverbero o dell'equalizzazione, ma sempre interventi molto misurati.
    Sicuramente le possibilità che si hanno in questo senso sono comunque molte, ma l'aspetto prioritario è fare una buona take, quindi buoni pre e buoni convertitori che catturino un suono in modo buono.
    L'Audiofuse ha buon hardware, bisogna vedere la latenza, ho letto che è meno bassa che in altre schede.
    Comunque quando si fanno queste scelte è ovvio che dipendano anche dalla potenza del computer.
    Potrebbe essere una buona scheda comunque, se la provi fammi sapere come ti sembra, sono curioso..
    www.fabriziodalisera.com nuovo album e nuovo sito web 2019.
    www.youtube.com/watch?v=CFcW_VQe7ko
    Fabrizio D'Alisera & Max Ionata "Crossthing" www.youtube.com/watch?v=PGZLj2tnhzk"
    Theo Wanne endorser

  4. #4
    Sinceramente, io di differenze tra le varie schede non le ho notate, nel senso che piu o meno, per quanto riguarda la traccia registrata nuda e cruda, si equivalgono....o comunque le differenze non sono apprezzabili, perchè tutto quello che vuoi aggiungere al tuo suono......colore, ed effetti, lo devi aggiungere tu dopo.
    La post produzione si fa per fare in modo che il tuo mix sia ascoltabile dai vari device, per fare si che la tua traccia audio si armonizzi con la base,
    quindi c'è una fase di mix....dove pulisci un po, elimini le frequenze inutili e amalgami la traccia audio con la base su cui hai suonato, e poi fai un mastering del mix che hai fatto, in modo che la tua registrazione si possa ascoltare bene sia su un impianto hifi, che su un cellulare.
    Ovviamente la cosa principale è fare una buona take, questo è indiscutibile, ma una registrazione cosi cosi mixata bene è meglio di una buona registrazione mixata male!
    Come latenza, in generale non ho mai avuto problemi con nessuna scheda audio.
    Alto Yamaha 875 EX Gold Plated
    Tenore Rampone & Cazzani Performance
    Flauto Muramatsu SR Heavy

  5. #5
    Ciao, le differenze con il suono nudo e crudo senza eq, effetti ed altro sono proprio l'essenza dei pre e dei convertitori della scheda.
    Prima dell'Apollo avevo una M audio economica e le differenze si notano, eccome.
    Ovviamente anche il microfono con cui registri deve essere buono, non ha nessun senso investire in una buona scheda per poi usarla con un microfono scadente.
    Dato che un microfono può durare 30, 40 o anche 60 anni, facendo una manutenzione ovviamente, è sicuramente molto più durevole della scheda.
    Un domani che cambi scheda poi usare il microfono che già hai, quindi avere un buon mic è sicuramente un buon investimento.
    Potersi registrare in casa con una buona qualità è proprio godurioso!!!
    www.fabriziodalisera.com nuovo album e nuovo sito web 2019.
    www.youtube.com/watch?v=CFcW_VQe7ko
    Fabrizio D'Alisera & Max Ionata "Crossthing" www.youtube.com/watch?v=PGZLj2tnhzk"
    Theo Wanne endorser

  6. #6
    Visto che ultimamente ho comperato una nuova scheda audio, mi allaccio a questo post.......
    si tratta della Arturia Audiofuse rev2, non è una scheda audio nuovissima, ma mi sento di consigliarla a chi vuole fare un upgrade della propria attrezzatura, e senza svenarsi avere una scheda audio con dei pre di qualità altissima, anche se paragonati a schede audio piu costose. Inoltre ha una serie di ingressi e uscite che la rendono davvero completa!
    Alto Yamaha 875 EX Gold Plated
    Tenore Rampone & Cazzani Performance
    Flauto Muramatsu SR Heavy

  7. #7
    Ciao Robinik, non l'ho mai provata, ma mi hanno detto diverse persone di cui mi fido che è molto buona.
    Sicuramente interessante la possibilità di avere in un piccolo spazio una dotazione molto ampia: insert, due uscite cuffie, phono, possibilità di collegare 2 speaker diversi, molto utile in fase di mix.
    Facci ascoltare qualcosa!
    www.fabriziodalisera.com nuovo album e nuovo sito web 2019.
    www.youtube.com/watch?v=CFcW_VQe7ko
    Fabrizio D'Alisera & Max Ionata "Crossthing" www.youtube.com/watch?v=PGZLj2tnhzk"
    Theo Wanne endorser

  8. #8
    E' troppo bello giocare con le daw,....
    Io invece più che una scheda performante darei più importanza ad un ambiente trattato acusticamente, sia in fase di registrazione che in fase di mixing /mastering!
    Ormai in postproduzione ci si fa davvero quello che si vuoi sul segnale, certo un segnale bello già di suo ti permette di fare delle microregolazioni......che è sempre un bene!
    Sax Soprano: J. Michael SP650
    Imboccatura: Bari 64
    Sax alto: Selmer SA80 II serie
    Imboccature: Vandoren Jumbo Java A45, Drake Contemporary VR 7, Selmer s80 c*
    Sax tenore: Selmer SA80 II serie
    Imboccature: Jody Jazz DV 8*, Selmer S80 D


  9. #9
    Ciao globe81, diciamo che ci sono molti aspetti che concorrono al suono finale.
    Io preferisco fare una buona presa, e fare il meno possibile in post.
    Non si rimedia equalizzando o ultilizzando compressori, limiter, riverberi ed altro ad una presa carente, fatta con microfoni o preamplificatori scadenti.
    Ovviamente hai ragione anche tu nel considerare l'ambiente.
    Alla fine sostanzialmente il microfono è come un orecchio che cattura lo strumento in un ambiente. Se l'ambiente suona male è ovvio che ne risentirà anche la registrazione.
    Bisogna anche capire il livello a cui vogliamo registrare, poichè cose buone sicuramente si possono fare, ma va sempre tenuto presente che non si può registrare come in uno studio, a meno di non spendere cifre esorbitanti e di avere le competenze professionali di un fonico.
    www.fabriziodalisera.com nuovo album e nuovo sito web 2019.
    www.youtube.com/watch?v=CFcW_VQe7ko
    Fabrizio D'Alisera & Max Ionata "Crossthing" www.youtube.com/watch?v=PGZLj2tnhzk"
    Theo Wanne endorser

  10. #10
    Il tuo discorso non fa una piega e tutto parte dal livello che vogliamo raggiungere. E' un po come il discorso sui sax, con tutti si può suonare e fare un pezzo, raggiungendo anche dei discreti risultati, ma sugli strumenti economici ci sono dei limiti oggettivi ed è così anche per l'elettronica!
    Sax Soprano: J. Michael SP650
    Imboccatura: Bari 64
    Sax alto: Selmer SA80 II serie
    Imboccature: Vandoren Jumbo Java A45, Drake Contemporary VR 7, Selmer s80 c*
    Sax tenore: Selmer SA80 II serie
    Imboccature: Jody Jazz DV 8*, Selmer S80 D


  11. #11
    Avete ragione entrambi, l'ambiente trattato acusticamente è importante, ma non sempre si può avere, e con un po di esperienza si puo sopperire e ottenere comunque risultati ottimi. In effetti la scheda audio ed il microfono da solo non bastano a fare una buona registrazione, e le differenze tra una scheda audio di mer......e una scheda audio top sono di fatto difficili da ascoltare, io l'ho cambiata solo perchè l'ho trovata in offerta a 100 euro in meno del listino e comunque mi servivano due uscite cuffie e altre caratteristiche molto interessanti che questa scheda audio ha, oltre alla qualità dei preamplificatori.
    Poi si sa che la registrazione dipende da molti fattori, e quasi sempre scheda audio e microfono incidono per un 30 per cento si e no.......io per esempio ho diversi microfoni, ma a volte, per certe cose, i risultati migliori li ottengo con un microfono da 20 euro imitazione dello Shure SM57......è tutto relativo e tutto dipende da cosa si vuole ottenere.
    Consiglio di farsi una scorpacciata di tutorial sull'audio recording, se ne trovano di molto validi in rete.
    Perchè come sempre, il miglior investimento e su se stessi.......quelli capaci ottengono risultati anche con materiale entry level, è pieno di esempi e dovrebbe far riflettere.
    Alto Yamaha 875 EX Gold Plated
    Tenore Rampone & Cazzani Performance
    Flauto Muramatsu SR Heavy

  12. #12
    Citazione Originariamente Scritto da bb Visualizza Messaggio
    Ciao globe81, diciamo che ci sono molti aspetti che concorrono al suono finale.
    Io preferisco fare una buona presa, e fare il meno possibile in post.
    Non si rimedia equalizzando o ultilizzando compressori, limiter, riverberi ed altro ad una presa carente, fatta con microfoni o preamplificatori scadenti.
    Ovviamente hai ragione anche tu nel considerare l'ambiente.
    Alla fine sostanzialmente il microfono è come un orecchio che cattura lo strumento in un ambiente. Se l'ambiente suona male è ovvio che ne risentirà anche la registrazione.
    Bisogna anche capire il livello a cui vogliamo registrare, poichè cose buone sicuramente si possono fare, ma va sempre tenuto presente che non si può registrare come in uno studio, a meno di non spendere cifre esorbitanti e di avere le competenze professionali di un fonico.
    Una buona registrazione è alla base di tutto, ma senza un buon mix e mastering tutto viene vanificato, perchè poi una buona registrazione devi renderla ascoltabile su tutti i dispositivi, ed è qui che serve sapere come fare, altrimenti è inutile sforzarsi di fare una buona registrazione.......dato che lo scopo è quello di rendere fruibile agli altri il tuo lavoro.
    Alto Yamaha 875 EX Gold Plated
    Tenore Rampone & Cazzani Performance
    Flauto Muramatsu SR Heavy

  13. #13
    Citazione Originariamente Scritto da bb Visualizza Messaggio
    Alla fine sostanzialmente il microfono è come un orecchio che cattura lo strumento in un ambiente. Se l'ambiente suona male è ovvio che ne risentirà anche la registrazione.
    Il microfono va equiparato a uno strumento musicale. La scelta di un microfono si fa seguendo la stessa logica di uno strumento: gusto personale, modalità e destinazione d'uso.
    Da qui non scappi, purtroppo.
    "Purtroppo" perché l'investimento può essere importante... molto importante.
    Non tutti possono permettersi (per esempio) costosi microfoni a nastro e attrezzatura per poterli utlizzare.


    Citazione Originariamente Scritto da bb Visualizza Messaggio
    Bisogna anche capire il livello a cui vogliamo registrare, poichè cose buone sicuramente si possono fare, ma va sempre tenuto presente che non si può registrare come in uno studio, a meno di non spendere cifre esorbitanti e di avere le competenze professionali di un fonico.
    Se desideri avere un "prodotto audio" (o audio da solo, o audio di un filmato) di qualità è necessario avere attrezzatura di qualità.
    L'audio - la parte sonora - di un contenuto creato per essere condiviso sul web è l'unica cosa fisica che ti arriva... è aria che si muove e nel bene o nel male ti arriva.
    Se non è di qualità, anche la parte video (per esempio) perde di valore e di interesse.

    È ridicolo pensare che con un scheda audio Behringer o una Focusrite Scalet... si riescano a ottenere risultati simili a quello che ottieni con un prodotti professionali (che costano 5/10 volte tanto... costo a canale).
    Semmai bisogna essere educati alla ricerca del dettaglio: questo fa la differenza.

  14. #14
    Citazione Originariamente Scritto da tzadik Visualizza Messaggio
    È ridicolo pensare che con un scheda audio Behringer o una Focusrite Scalet... si riescano a ottenere risultati simili a quello che ottieni con un prodotti professionali (che costano 5/10 volte tanto... costo a canale).
    Semmai bisogna essere educati alla ricerca del dettaglio: questo fa la differenza.
    Per me l'unica cosa ridicola è leggere alcuni tuoi interventi, eppure non sei uno stupido, anche se spesso insisti nel dimostrare il contrario! Sarebbe ridicolo pretendere di usare una scheda audio behringer o Focusrite se ti chiamassi David Bowie, o Michael jackson, anche se.......nella storia, non è raro che grandi artisti abbiano registrato alcuni dei loro pezzi in home studio con attrezzatura basica, a dimostrazione che quello che conta sono le competenze e la creatività, non i soldi che spendi nei materiali.
    La giovanissima Billie Eilish ha inciso il suo primo disco in casa,con suo fratello,e hanno usato una scheda audio Universal Audio Apollo 8 Quad, un microfono AT2020, e hanno mixato tutto usando Logic pro e i plugin che Logic fornisce di base su Pc Apple.
    Se tu conoscessi bene come avviene un processo di registrazione, le fasi che lo seguono e quali sono i fattori che determinano il risultato finale, forse eviteresti di fare il fenomeno e comportarti da sapientone scrivendo certe stupidaggini......
    Nessuno dice che con una scheda audio Behringer puoi registrare a casa ed ottenere lo stesso risultato che otterresti registrando al Black Rock Studios di Santorini, ma puoi comunque ottenere un risultato.......se sai cosa fare!
    Microfono:
    Il microfono è molto soggettivo, puoi comprare il microfono piu costoso sulla terra, avere un asta portamicrofono in oro massiccio, ma scoprire che quel microfono non rende al meglio con la tua voce, magari risulta che con il tuo timbro e con il tuo modo di cantare o di suonare, la resa migliore la ottieni con tutt'altro tipo di microfono, questo spiega perchè negli studi di registrazione, anche famosi, trovi ogni genere di microfono, dal piu costoso alla Cinesata di ultima, proprio perchè le persone che lavorano in questo mondo sono piuttosto creative, e ricercano determinati effetti e suoni, senza farsi condizionare da luoghi comuni e schemi mentali.
    Percui, il microfono migliore non è quello piu costoso, ma è quello che suona meglio per te, con il tuo modo di cantare e suonare, e che si adatta meglio al luogo in cui registri......e non è sempre uguale, perchè per alcune cose puoi desiderare un altro risultato e quindi devi cercare e sperimentare, fino a che non trovi quello che stai cercando.
    Scheda Audio:
    La scheda audio deve fare ben poco, deve convertire il segnale sonoro che tu le invii......quello che viene richiesto e che sia il piu trasparente possibile, non deve fare altro, percui, contrariamente a quelli che scrivi, potresti tranquillamente fare una prova, registrare con una scheda audio Behringer in uno studio di registrazione professionale e non accorgerti della differenza, perchè poi il suono viene trattato...ed è li che inizia il vero lavoro di uno studio di registrazione.....
    tutto quello che c'è prima serve solo a facilitare le fasi principali.
    Ti faccio un esempio stupido, cosi riesci a capire anche tu.......se io devo fare un foro su una lastra di metallo da 10mm posso usare una normale punta da ferro, ma se uso una punta al cobalto ci metto meno tempo perchè me la fora come il burro, però tu alla fine vedresti un foro.......un foro è un foro, non risuciresti a distonguere con che punta è stato fatto! Ecco, per la scheda audio è uguale......una registrazione è una registrazione, le differenze che puoi avvertire sono determinate non tanto dalla attrezzatura usata, ma da chi quella attrezzatura la sta usando. Io potrei registrare nello stesso studio di registrazione di Eric Marienthal, ma alla fine il risultato che otterrei sarebbe esattamente lo stesso di quello che ottengo ora in casa mia..........ma certo sarebbe migliore se ci fosse un fonico a posizionarmi il microfono e darmi suggerimenti, e dopo la mia registrazione venisse mixata e masterizzata da un professionista.

    Comunque stiamo parlando di cose conosciute, di cui è facile farsi un idea cercando in rete, dove è possibile trovare esempi e spiegazioni da parte di professionisti in questo settore. E basterebbe avere un minimo di buon senso per rendersi conto che quello che piu conta non è il microfono da 4000 euro, ma è sviluppare le proprie competenze e capacità.
    Alto Yamaha 875 EX Gold Plated
    Tenore Rampone & Cazzani Performance
    Flauto Muramatsu SR Heavy

  15. #15
    Moderatore L'avatar di Il_dario
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    CISNUSCULUM Isola_delle_noci_e_pappagalli
    Messaggi
    10,647
    @robinik , concetti che possono essere espressi tranquillamente senza offendere le persone .

    grazie


    Schiaccio e baratto ergo sum
    Metronomico della "Ostello Quarna Nightmare Band"
    Anche se gioco in casa "il_padrino della cupola"
    Sax_Gallery

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 registrati e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •