Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 15 di 15

Discussione: CD da non perdere

  1. #11
    Guarda... siccome conosco molto bene Mario Marzi, gliel'ho chiesto direttamente a lui!

    Attualmente non si trova perché è uscito con la rivista, ma fra non molto dovrebbe uscire per la casa discografica EMI CLASSICS!!! Non so se rendo l'idea... lo trovi anche nel negozio sotto casa se vuoi...
    Sop
    (R&C R1J in rame - Ottolink TE ('80) 7 - Marca Jazz 3,5)
    Alto
    (Selmer Mark VI - Jody Jazz 7 - Claude Lakey 5*3 - Marca Jazz 3)
    (R&C R1J in rame - Soloist E - Legťre Signature 2 e 3/4)
    http://www.atemquartet.com

  2. #12
    Visitatore
    Ciao a tutti, ritorno dopo un po' d'assenza. Il sax per me è una ferita ancora aperta, perché è sempre stato il sogno della mia vita. Purtroppo ho aspettato troppo...avrei dovuto iniziare a settembre scorso, ma per problemi alla schiena e per paura di aggravarli col peso dello strumento, ho permutato il mio sax con un flauto traverso. L'anno scorso, però, mi sono interessato all'uso del sax in musica classica, perché ne sono appassionato, e vi consiglio il sito di questo autore: http://www.dimitrinicolau.it
    Lui scrive molto per strumenti a fiato ed ha scritto anche dei concerti per sax notevoli. Io ne ho sentiti 2.

  3. #13
    ciao teo,ho ascoltato questi cd,ma secondo il mio maestro,almeno mondelci o marzi ,non sono il massimo almeno per il vibrato che usano...lui proviene da scuola francese e mi ha consigliato totaro,delangle...e altri..sinceramente a me piace marzi e mondelci...ma anche bornkamp.In definitiva tu che ne pensi...pensa..una volta mi stava ascoltando albonetti e il mio maestro..e diedero due pareri contrastanti(naturalmente) sul tipo di espressione...che fare?
    Alto Selmer SA80 II - Meyer-
    Tenore Conn Transitional
    Tenore Selmer SA80- Brancher -Vandoren T20
    Baritono Conn Transitional

    http://www.myspace.com/giuseppedoronzo

    http://www.myspace.com/freemindsquartet

  4. #14
    Ciao!

    Io non so chi sia il tuo maestro, e quindi non posso giudicare e comunque non lo farei in ogni caso.
    So solo che tutti i nostri insegnanti vengono dalla scuola francese, così come gli stessi Mondelci e Marzi!! Si sono diplomati da Londeix al corso superiore negli anni 80.
    Da qui bisogna capire se per noi (ovvero noi stessi) l'espressione e la tecnica espressiva che fa uscire dal sassofono la scuola francese è adatta al nostro strumento, al repertorio che si sta eseguendo, e così via.
    La scuola italiana che ha per capostipiti questi due grandi esecutori si distacca in alcune parti dalla scuola francese, e una di queste √® il suono e l'espressivit√* dello strumento, considerando la scuola francese un p√≤ piatta e afona.
    Io personalmente la penso in questo modo, poi ognuno è libero di pensare al sassofono come vuole.
    Secondo me, il suono prodotto dalla scuola francese è innanzitutto impersonale, sembrano tutti lo stesso sassofonista, come delle macchine. Inoltre produce un suono abbastanza chiuso e piccolo, che a mio parere non è il suono naturale del sassofono.
    Qualcuno potrebbe dire che i primi sassofoni avevano questo tipo di sonorit√*.. √® vero.. ma si √® subito evoluto in sassofoni molto pi√Ļ armonici e duttili fino ad arrivare al Mark VI che dal mio punto di vista √® il TOP.

    Io consiglio di far scorrere l'espressivit√* che si ha dentro senza costrizioni particolari, basta non andare fuori contesto per il repertorio che si sta studiando.
    Il vibrato è una tecnica che in ogni epoca ha avuto le sue evoluzioni e un bravo interprete sa adeguare il vibrato a seconda del brano e dello stile. Non c'è un solo vibrato, come non c'è un solo linguaggio musicale riferito allo stile.

    Dai nostri maestri dobbiamo prendere quello che di buono c'è da prendere, ma solo tu puoi decidere quello che buono e quello che non lo è... quello che per me è buono te l'ho detto, poi vedi tu!

    ;)

    Teo
    Sop
    (R&C R1J in rame - Ottolink TE ('80) 7 - Marca Jazz 3,5)
    Alto
    (Selmer Mark VI - Jody Jazz 7 - Claude Lakey 5*3 - Marca Jazz 3)
    (R&C R1J in rame - Soloist E - Legťre Signature 2 e 3/4)
    http://www.atemquartet.com

  5. #15
    capito,il mio maestro piacciono i libri di londeix,ma non la sua espressivit√*,forse √® questo che lo rende cos√¨..vab√®...
    grazie ;)
    Alto Selmer SA80 II - Meyer-
    Tenore Conn Transitional
    Tenore Selmer SA80- Brancher -Vandoren T20
    Baritono Conn Transitional

    http://www.myspace.com/giuseppedoronzo

    http://www.myspace.com/freemindsquartet

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 registrati e 1 ospiti)

Discussioni Simili

  1. Jazz Icons - 6 DVD da non perdere
    Di Filippo Parisi nel forum Novitŗ in CD e DVD
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25th October 2011, 20:47
  2. Brecker,Watts,Evans,Turrentine da non perdere
    Di STE SAX nel forum Files dal Web
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 23rd March 2010, 00:35
  3. Dewey con Jarrett (Puma, non lo perdere =))
    Di KoKo nel forum Files dal Web
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 23rd July 2009, 22:18

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •