Risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: Francois Louis Bob Berg Tenor mouthpiece

  1. #1

    Francois Louis Bob Berg Tenor mouthpiece

    Salve,

    Volevo conoscere opinioni/esperienze riguardo al setup usato da Bob Berg, soprattutto al "mouthpiece Francois Louis" in metallo che usava.
    Da quello che ho potuto capire, consultando il sito del costruttore, sembra non sia piu' in produzione e quindi sia stato prodotto in pochi esemplari.
    Se c'e' qualche utente che ha avuto la fortuna di averlo provato oppure ne sia in possesso, mi piacerebbe saperne di piu'.
    Questa curiosita' viene da una mia rivalutazione artistica e tecnica del grande artista che ci ha lasciato in eredita' delle delle incredibili registrazioni, finalmente disponibili su internet in libero ascolto.

    Grazie e saluti

    Steve

  2. #2
    Io non l'ho mai provato. Da quello che so, se dico una corbelleria, gli altri mi correggeranno,
    ma quelli non pi¨ in produzione erano i solid silver, fatti in argento massiccio, su specifiche
    tecniche dell'artista. Sono rari da trovare, ma i prezzi sono molto alti. Ne ho visto uno, non ricordo
    di quale artista, superava tranquillamente i 3000 euro.

    https://www.saxophone.org/tradingPost/viewItem/id/22114

  3. #3
    Be' l'argento massiccio qualcosa costa... Metti 2000 di materiale 500 di lavoro e 500 di prestigio e il gioco Ŕ fatto...
    E con proporzioni magari molto diverse (non ho idea del costo dell'argento)

    PS sono stato molto generoso... Difficile arrivare a 500 euro di materiale. Mettici la lavorazione, l'unicitÓ, il progetto, la raritÓ e il prestigio... Per me resta un prezzo folle

  4. #4
    700 euro al kg euro pi¨ euro meno.

  5. #5
    Infatti... Dubito che un bocchino d'argento massiccio arrivi a pesare pi¨ di 2/3 grammi, ma si queste stime lascio parecchio a desiderare

  6. #6
    Non inquiniamo il post del nostro amico, che Dario Ŕ sempre dietro l'angolo.
    comunque nel vintage/collezionismo/feticcio il prezzo non segue le normali
    regole di mercato.

  7. #7
    Citazione Originariamente Scritto da Luigi Cameo Visualizza Messaggio
    Non inquiniamo il post del nostro amico, che Dario Ŕ sempre dietro l'angolo.
    comunque nel vintage/collezionismo/feticcio il prezzo non segue le normali
    regole di mercato.
    stavo pensando esattamente le stesse cose - mi scuso con Ladiesis per l'inutile OT

  8. #8
    Intorno alla metÓ degli anni '80, Franšois Louis Ŕ stato uno dei primi ad offrire un certo livello di customizzazione sulle imboccature.

    Dov'era il posto migliore per poter offrire questi servizi? New York.
    Qual Ŕ il modo miglior per rendere popolare un prodotto? Far sý che qualcuno di veramente famoso usasse (con soddisfazioni questo prodotto).
    Chi era uno dei sassofonisti pi¨ "richiesti" in quel periodo, a New York? Michael Brecker... che era inarrivabile.
    Restava Bob Berg (e poi c'era Joe Lovano)... eravamo giÓ negli anni '90. Brecker ha cominciato a utilizzare prodotti Guardala forse intorno alla metÓ degli anni '80.

    Le imboccature in argento che Franšois Louis offriva erano ordinabili da tutti, anche se negli anni '80/'90 non era semplice come da quasi 20 anni a sta parte (con l'Internet).
    Non erano prodotti economici e il livello di personalizzazione non era chissÓ cosa.

    Il concetto di design dietro le imboccature di Franšois Louis (escludendo il moderno Spectruoso ML e i modelli in legno ovviamente) Ŕ semplice: dividere l'interno dell'imboccatura in tre zone, in sequenza: una zona dove l'aria viene compressa (accelerata), una zona dove l'aria viene espansa/rallentata e infine un'altra zona dove l'aria viene nuovamente compressa/accelerata.

    In base ai livelli di compressione/espansione delle varie zone, il buon Franšois riusciva a creare un po' di variazione nel suono e nella risposta.
    Negli anni 80/90 i facing utilizzati erano piuttosto "tradizionali", pi¨ avanti invece Franšois a sviluppato dei facing molto particolari che ancora oggi ritroviamo.

    A grande richiesta, Ŕ stato riproposto nel 2015/2016 un modello in metallo (bronzo argentato, non argento massiccio) ma contrariamente a quello che si pu˛ pensare, seppure ci siano delle similitudini estetiche, si trattava di un'imboccatura dalle caratteristiche sonore MOLTO differenti dal design disponibile negli anni '80/'90.

    Lo Spectruoso in argento originale era un'imboccatura per fusion, suono brillante, compatto... con un sustain davvero lungo e insolito (inteso come feeling mentre si suona).
    Lo Spectruoso in bronzo invece era un'imboccatura dal suono molto pi¨ scuro... quasi un Soloist o volendo un Selmer Metal Classic.

    Un po' di immagini:
    https://www.facebook.com/media/set/?...8653499&type=3
    https://www.facebook.com/media/set/?...4431722&type=3


    Le abilitÓ tecniche di Bob Berg si manifestavano anche prima che utilizzasse un'imboccatura, che ad oggi ha raggiunto quotazioni piuttosto alte.
    La scelta poi di utilizzare imboccatura brillanti, negli anni '80, era dovuta ad esigenze musicali, pi¨ che tecniche.

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 registrati e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •