Risultati da 1 a 11 di 11

Discussione: Cervicalgia... Una brutta roba

  1. #1

    Cervicalgia... Una brutta roba

    Ciao a tutti, volevo condividere con la community una mia disavventura (tutt'ora in corso) che, purtroppo, mi sta fortemente limitando la pratica col sax. La cervicalgia mi è piombata così all'improvviso senza alcun trauma. Le cause probabili presumo siano l'aver dormito per diversi mesi su un letto sballato oppure aver lavorato al computer (nell'arco di un anno) per diverse ore al giorno in una posizione poco ergonomica.
    La cosa fastidiosa è che i dolori si manifestano soprattutto nel braccio sinistro: spalla, tricipite, bicipite, polso, dita, bruciori ai muscoli, ai tendini, con annesse vertigini e formicolio alle dita. Mi tira tutto il braccio se imbraccio il sax, mi fa male se sto seduto (col sax), di meno se in piedi; in generale, è la posizione a L del braccio sinistro sul sax che attiva i dolori. Questo problema perdura da quasi 2 mesi. Dopo la fisioterapia, tens (scosse elettr alla cervicale) i dolori si sono un po' attutiti ma restano comunque un impedimento per il sax. La terapia e gli accertamenti, cmq sono ancora in corso. Qualcuno di voi ha avuto esperienze simili (spero di no!)? Se sì, è una cosa che si può curare (se necessario, anche chirurgicamente)? O dovrò conviverci vita natural durante? :-p
    ScalaQuaranta
    Yamaha YAS 480
    Becchi: Yamaha 4C - Ottolink 7* ebanite

  2. #2
    Serve il Doc. È tanto che non lo leggo...
    T 10M 1936 - Mark VI 1968 - Sequoia Silver mpc Vibra Master Gerber 8, EB 8, GS Slant 7*, Soloist LS 8
    A 6M 1926 - B&S Series IV 2001 mpc Super Jazz Gerber 6, Syos custom 7
    S Conn Gold Plated 1926 - Sequoia K91 mpc Vintage Gerber 8, Eolo NS 72, Syos custom 8
    Digital Emeo - Cl Buffet RC 21/7 + Flicorno soprano Grassi :)

  3. #3
    Come ti capisco...Io invece sto lottando da almeno 1 mese e mezzo con la lombo cruralgia alla coscia sinistra, dolori tremendi che devo sopportare in qualche modo (gli antidolorifici mi fanno poco o nulla, e credo che nei primi giorni mi hanno dato dei farmaci troppo leggeri, così di certo ho perso tempo ulteriore, aumentando le mie sofferenze ). Oggi va un pò meglio, ma fino almeno a ieri è stato drammatico; poi l'osteopata, nell' ultima seduta, mi ha toccato forse "duramente", e sono tornato a casa ben più indolenzito rispetto a poco prima quando ero venuto via per raggiungere il suo studio. Ovvio, sono a casa in mutua; ed ho fatto pure diverse notti insonni, per il male che mi dilaniava la coscia.
    Lo so che ci vorrebbe DocMax, ma mi sa che è impegnatissimo...
    Ti faccio tanti auguri, speriamo di uscirne al più presto.

  4. #4
    Buona e rapida ripresa anche a te, gil68!

  5. #5
    Scala quaranta, ti ho girato un mp... Ciao.. Nico
    Sax Tenor mark vi
    Navarro bahia metal
    Navarro hr

  6. #6
    Grazie, Nico. Letto e risposto

  7. #7
    Ciao, ci sono passato anni fa.
    Il mio consiglio: affidati a un bravo ortopedico/neurologo.
    Nel mio caso c'era un'ernia cervicale e ci ho tirato dentro per diversi mesi.
    Ora però sto bene, faccio solo esercizi di mantenimento.
    Ovviamente non scendo nei particolari perché non sono un medico, ma i sintomi sono gli stessi.
    Ciao.

  8. #8
    Grazie 1000 anche a te, asparagus

  9. #9
    Ciao.
    Ti consiglio, da fisioterapista quale sono, di farti valutare e trattare da un fisioterapista che sia specializzato in Terapia Manuale, che è la branca della fisioterapia che si occupa di gestire i disturbi neuro-muscolo-scheletrici.
    Lascia stare la terapia elettrica e strumentale (dato che hai citato le tens): non esiste alcuno studio che ne dimostri l'efficacia.
    Nel momento valutativo, il fisioterapista farà sia l'esame soggettivo (anamnesi) che l'esame fisico, compresi test specifici per indagare la salute della componente meccanica del sistema nervoso (i test neurodinamici) e i test di conduzione (esame di sensibilità, forza, riflessi) e individuare quali siano le eventuali interfacce meccaniche che lo disturbano, per poi trattarle.
    Sax tenore: Selmer MKVI;
    Sax soprano: Yamaha Yss 82zrs (silver);.
    Sax baritono: Yanagisawa B-WO10.

  10. #10
    Aggiungo che, da come descrivi il problema, un'ipotesi potrebbe essere quella di una sindrome da compressione del nervo ulnare ( dato che il problema aumenta con il gomito piegato e in posizione seduta), che trova potenziali ostacoli nel tratto cervicale, toracico ma anche nella prima costa, nella spalla e nel gomito. Quello che intanto puoi fare è aumentare il tuo livello di fitness generale (attività aerobica moderata), per aumentare apporto sanguino sia del nervo (stimolando i vasi nervorum) che di tutte le strutture potenzialmente coinvolte, per migliorarne la salute.
    Sax tenore: Selmer MKVI;
    Sax soprano: Yamaha Yss 82zrs (silver);.
    Sax baritono: Yanagisawa B-WO10.

  11. #11
    Grazie infinite per i tuoi suggerimeniti, Novecento!

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 registrati e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •