Risultati da 1 a 14 di 14

Discussione: Ted Klum - Florida vs Tonemax

  1. #1

    Ted Klum - Florida vs Tonemax

    Apro questo nuovo post dopo aver utilizzato il tasto cerca e non aver trovato risposta ai miei dubbi �� La faccio breve, non ho la possibilità di provare i suddetti becchi e suono da un po’ un 10MFan Robusto 7** (108 tip opening) con ance Rigotti gold 3M. La domanda, anzi le domande, sono le seguenti:

    1. Quali sono le differenze più evidenti tra il Tonamax ed il Florida? Ho visto così tante video reviews che la pasta sonora ormai mi sembra molto simile, ma percepisco un pelo in più di proiezione sul Florida, ed un maggiore focus. Tutto il suono complessivo mi riporta alle sonorità otto link comunque. Per il tonamax invece sebbene senta una pasta sonora simile, avverto che sia più tagliente, anche se per certi versi più “smooth”..per intenderci più “morbido” nell’attacco. Ci sto azzeccando?

    2. Tip opening. Venendo da un 10MFan Robusto 7** con tutt’altre caratteristiche a livello di camera, tetto ecc..mi consigliereste di prendere un 7*(105) o un 8 (110)? Tra l’altro sul sito, ted klum dice espressamente che essendo bocchini handcrafted l’apertura può variare di +\- 0.2!

    Insomma la confusione mi pervade, qualcuno che li ha provati sa dirmi qualcosa in più?
    Grazie !!
    Tenore : Selmer Super Action II '80 405xxx -10MFan Robusto 7** - F.Louise Ultimate/Flexitone Bronze -Rigotti Gold 3M
    Alto : Buffet Crampon S400 Prestige ''Satin Vintage'' - Meyer 6M - F.Louise Pure Brass - La Voz Medium

  2. #2
    Se le differenze sui modelli in ebanite, sono quelle dei modelli in metallo (esiste un Florida in metallo... ma non esiste una Tonemax in metallo... ma semmai c'è c'è il Focustone)... la differenza è riassunta nelle differenze interne nella camera.
    Il ToneMax dovrebbe avere una camera più piccola ma un baffle meno importante rispetto al Florida (che a occhio sembra qualcosa di simile a un clone Otto Link).

    ... niente che tu non riesca a non "coprire" (in termini di sonorità) con il Robusto in ebanite (e ance NON Rigotti).

    Semmai, vista la grandezza dell'investimento per un Klum, valuta un chiver diverso sul Serie II.
    Per portare sul Serie II lapasta di suono che senti nei dischi ti serve un chiver più basso... vedi chiver Serie III o chiver Reference 54.
    Con il chiver Serie II originale (oltre alla pasta di suono meno complessa sulla banda di frequenze medie) a livello di emissione hai sempre un "effetto strano" quando usi imboccature con camere molto larghe, non hai mai quella "continuità" di suono che ascolti nei dischi (dove ascolti Mark VI e SBA, nella maggior parte dei casi).

  3. #3
    Grazie Tzadik, non avevo considerato l'idea del chiver! Farò delle prove appena possibile con entrambi i chiver ( serie III e reference 54) di un amico che possiede entrambi i sax in questione e poi deciderò
    Per quanto riguarda le ance cosa consigli di usare sul robusto? Ho suonato per qualche tempo anche con le Select Jazz 3M, ma poi son sempre tornato alle Rigotti..
    Invece per il Ted Klum vorrei prenderlo comunque ,potresti chiarirmi comunque questa cosa dei tip opening? come si fa a paragonare il tip opening di un Ted Klum con quello di un robusto? Credo forse ignorantemente che un Tonamax 7* non corrisponda ad un robusto 7*, sbaglio? Inoltre se come ho letto sul sito c'è un minimo margine di differenza, c'è il rischio che prendendo un 8 mi arrivi a casa un 0.112? E poi che si fa? ance più leggere?
    Tenore : Selmer Super Action II '80 405xxx -10MFan Robusto 7** - F.Louise Ultimate/Flexitone Bronze -Rigotti Gold 3M
    Alto : Buffet Crampon S400 Prestige ''Satin Vintage'' - Meyer 6M - F.Louise Pure Brass - La Voz Medium

  4. #4
    Personalmente posso di avere suonato con un tenore Serie II per quasi 11 anni... ne ho provati altri nel corso degli anni, Jubilee e pre-Jubilee.
    Non lo ritengo uno strumento "ottimale" per alcuni tipi di imboccature... e gran parte di questa "situazione" dipende dalla forma del chiver direi anacronistica (... anche rispetto ai chiver che la Selmer ha prodotto e produce).

    Le Jazz Select filed e unfiled sono molto più neutre delle Rigotti Gold/Wild... quindi puoi andare in direzioni diverse.
    Vicerversa le Rigotti sono meccanicamente più flessibili... però quello che esce è il suono Rigotti: piace o non piace è del tutto personale, ma ance Rigotti riducono (di molto) la componente di suono che dipende dal bocchino.


    Ogni persona probabilmente nel corso della sua vita sassofonista realizza che un determinato comfort riesce ad ottenerlo con una combinazione tra strumento, ance e imboccatura.
    ... e le combinazioni possono anche essere differenti, ma comunque garantire un certo comfort.

    Confronti possono essere impostati se confronti almeno imboccature che rientrano nella stessa "catagoria costruttiva".
    Se consideri (perché oggettivamente lo sono) i due Ted Klum citati come prodotti che "derivano" da Otto Link in ebanite del Passato, non puoi assolutamente dire lo stesso del Robusto, che è un'imboccature che va a coprire quei suoni (e non solo) ma non è un clone di un Otto Link (né dentro né fuori).

    Il Robusto è ovviamente più neutro.
    I Ted Klum citati (così come altre imboccature ispirate agli Otto Link) invece non sono neutri e non devono esserlo.

    Il Robusto però ha qualcosa che ritrovi in imboccatura antiche: va studiato a fondo per capirne le funzionalità.
    È una caratteristica singolare... singolare perché al giorno d'oggi colpisce di più (sul breve termine) qualcosa che ti da tutto e subito (anche se poi sul lungo termine magari ti stufa).

    I Ted Klum sono particolari come costruzione: i facing che utilizza Klum sono moooolto particolari e non ti restituiscono un feeling naturale e necessitano di un approccio molto fisico... e la cosa è fattibile su strumenti leggeri (Mark VI o SBA...) ma su un tenore Serie II potrebbe essere quasi qualcosa di faticoso da gestire.
    Secondo me, non sono prodotti da acquistare a scatola chiusa... specialmente se andranno usati su strumenti che hanno una storia più lunga nelle sonorità jazz (vedi Mark VI e SBA).

    (Il Robusto poi agevola alcune cose, vedi intonazione e omogeneità di suono...).

  5. #5
    Io da quando ho provato un chiver del serie III alleggerito sul mio serie II (su consiglio di tzadik) ho venduto quest'ultimo. Il serie III apre il suono e da meno resistenza (probabilmente dovuta ad una curva del chiver meno accentuata).....cosa che a me piace.
    Ma sono sensazioni personali,....magari a te questa cosa non piace.

    Per capire la differenza nei chiver guarda questo chiver.

    Sax tenore: Selmer SA80 II serie
    Imboccature: D'addario select jazz d6m refaced algola, Syos Chad LB 7.
    Sax alto: Grassi Professional 2000
    Imboccature: Selmer solist c* vintage, claude lakey 7*3

  6. #6
    Citazione Originariamente Scritto da globe81 Visualizza Messaggio
    Io da quando ho provato un chiver del serie III alleggerito sul mio serie II (su consiglio di tzadik) ho venduto quest'ultimo. Il serie III apre il suono e da meno resistenza (probabilmente dovuta ad una curva del chiver meno accentuata).....cosa che a me piace.
    Ma sono sensazioni personali,....magari a te questa cosa non piace.

    Per capire la differenza nei chiver guarda questo chiver.


    Qui ci sono tutti e tre i chiver:
    - Serie II
    - Serie III
    - Reference 54

    L'autore del video è lo stesso.


  7. #7
    Ragazzi l’idea di cambiare il chiver mi affascina alquanto, però sono anche in trattativa per un mark vi ed un vii..per questo sono dubbioso al riguardo 😅

  8. #8
    Non so quale sia la tua esperienza... ma passare da un Serie II a un Mark 7 non lo vedo proprio come un upgrade.

    Parte della comodità del Mark VI era nella leggerezza e parte nel chiver...
    Quando il chiver ha un forma molto diversa, la postura sarà molto diversa: per far questo test... non ti serve nemmeno un Mark VI, ma ti bastano un Serie III (con il suo chiver originale) o un Reference 54 (con il suo chiver originale)... o un Yamaha.
    Viceversa se provi un Mark VI con il chiver di un Serie II assisterai a qualcosa di non proprio piacevole: è una prova da fare se non altro per cultura personale.


    Ma il Serie II non è di per sé uno strumento problematico, ma è semplicemente uno strumento che è "pensato" per destinazioni d'uso diverse da jazz e musica leggera.

  9. #9
    Ma l’upgrade sarebbe il mark vi..per quanto riguarda il mark vii è di un collega che lo vende qui vicino e molti che lo hanno provato me ne hanno parlato strabene quindi mi sto sentendo anche con lui più che altro per provarlo perché sono veramente curioso! E se dovesse suonare veramente come dicono non sarebbe male come strumento di background una volta tolto il serie ii

  10. #10
    io suono abitualmente con un tonemax ebanite 8 stella .
    rispetto ai robusto (ne ho in questo momento due un 8 stella e un 9 ) il klum mi oppone maggiore resistenza ma in compenso mi consente di avere un suono più centrato.)

    è un bocchino che utilizzo indifferentemente su un sba su un mk6 e su un grassi degli anni settanta .
    (a differenza di altri bocchini questo mi consente di suonare il mo standard a prescindere dal sax,)
    ho provato un tonemax in metallo ma era un 7 stella troppo chiuso per i miei gusti aveva caratteristiche simili al link in metallo una via di mezzo tra un florida ed un babbit.
    il modello florida di ted klum mai provato.
    sax tenore selmer sba 1948 mk6 m 114906 bocchino francois louis

    ancia di plasticazza (bari) m

  11. #11
    Grazie per le preziose informazioni tzadik e fcoltrane! Io comunque oggi pomeriggio ho provato il mark vii di un amico che me lo ha lasciato per quale giorno..ragazzi non ci credevo!! È un 280xxx...che suono!! Il mio SA80 seconda serie, è uno dei migliori che io abbia mai provato..ne ho cambiati tre e provati molti di più...che botta. Un suonone, il sax è molto più leggero rispetto al mio SAII, suona con un soffio ( tranne che per le basse dal do in giù, quelle so fanno tirare un po’) volume corpo e un bellissimo focus e precisione delle medio alte...non avevo mai provato un mark vii, ma se sono tutti così son parecchio belli! Ho provato tre mark vi finora, e questo gli tiene testa benissimo

  12. #12
    Citazione Originariamente Scritto da Brizzy94 Visualizza Messaggio
    Grazie per le preziose informazioni tzadik e fcoltrane! Io comunque oggi pomeriggio ho provato il mark vii di un amico che me lo ha lasciato per quale giorno..ragazzi non ci credevo!! È un 280xxx...che suono!! Il mio SA80 seconda serie, è uno dei migliori che io abbia mai provato..ne ho cambiati tre e provati molti di più...che botta. Un suonone, il sax è molto più leggero rispetto al mio SAII, suona con un soffio ( tranne che per le basse dal do in giù, quelle so fanno tirare un po’) volume corpo e un bellissimo focus e precisione delle medio alte...non avevo mai provato un mark vii, ma se sono tutti così son parecchio belli! Ho provato tre mark vi finora, e questo gli tiene testa benissimo
    Guarda che se passi al mark VII poi dovrai per tutta la vita rispondere alla solita domanda " è un Mark VI?" e quando darai la risposta lo sguardo del tuo interlocutore si velera' di tristezza come se gli fosse appena morto il gatto preferito. Allora tu lo dovrai tirare su di morale dicendo (per evitare una inutile discussione che non gli farebbe cambiare idea di una virgola) "forse lo cambio con un SBA e bando alla avarizia!! facciamo girare l'economia di questo sventurato paese!!". Gli occhi gli brilleranno e tu continuerai a suonare contento il mark VII in un paese che tanto sarebbe rimasto sventurato uguale 😂

  13. #13
    Proprio vero gil! Non ho provato altri esemplari, ma questo è veramente veramente bellissimo!! Comunque tornando ai becchi ho ancora più confusione di prima...
    Ottolink new vintage? Drake reso chamber? Retro revival slant? Ted klum Florida? Ted klum tonamax ? Aiuto...

  14. #14
    Citazione Originariamente Scritto da gil Visualizza Messaggio
    Guarda che se passi al mark VII poi dovrai per tutta la vita rispondere alla solita domanda " è un Mark VI?" e quando darai la risposta lo sguardo del tuo interlocutore si velera' di tristezza come se gli fosse appena morto il gatto preferito. Allora tu lo dovrai tirare su di morale dicendo (per evitare una inutile discussione che non gli farebbe cambiare idea di una virgola) "forse lo cambio con un SBA e bando alla avarizia!! facciamo girare l'economia di questo sventurato paese!!". Gli occhi gli brilleranno e tu continuerai a suonare contento il mark VII in un paese che tanto sarebbe rimasto sventurato uguale 
    Alto Yamaha 875 EX Gold Plated
    Alto Signature Custom
    Flauto Muramatsu SR Heavy
    Flauto Briccialdi 9612 All Silver

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 registrati e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •