Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: diteggiatura palmare per pattern

  1. #1

    diteggiatura palmare per pattern

    ciao a tutti,
    causa Covid e periodo estivo, ho momentaneamente sospeso le mie lezioni in presenza col maestro.
    volevo chiedervi un consiglio tecnico-pratico. Mi sto allenando col pattern N° 38 del "Patterns for Jazz":



    Trasponendo questo esercizio in tonalità C#, come deve essere suonata la chiavetta (m. sinistra) relativa al C# basso di partenza? con il polpastrello del mignolo oppure col palmo (attiguo al medesimo mignolo)?

    grazie, buona giornata e buona musica
    ScalaQuaranta
    Yamaha YAS 480
    Becchi: Yamaha 4C - Ottolink 7* ebanite

  2. #2
    forse l'immagine incollata non è visibile
    in caso negativo, l'esercizio lo trovate nel seguente link: pagina 20, N° 38:

    https://pdfslide.net/documents/jerry...r-jazzpdf.html
    Yamaha YAS 480
    Becchi: Yamaha 4C - Ottolink 7* ebanite

  3. #3
    Non so se ho compreso bene quello che vuoi dire ma comunque la chiave del do# grave va pigiata con il polpastrello........... se dai troppo dito rischi di interferire con la chiave del si grave.
    Sax tenore: Selmer SA80 II serie
    Imboccature: Guardala MBII refaced Phil Tone, Selmer S80 D.
    Sax alto: Grassi Professional 2000
    Imboccature: selmer soloist D, claude lakey 8*3, vandoren jumbo java a45

  4. #4
    Forse è più lampante in tonalità B maj.
    Consideriamo la prima quartina di crome: B, C#, D#, B.
    Se per B, premo la chiave del B col polpastrello del mignolo (m. sinistra), per il C#, come va premuta la relativa chiavetta? Sempre col polpastrello del mignolo (facendolo scivolare dalla chiavetta del B)? Oppure si tiene ferma la mano (sinistra), polpastrello del mignolo sul B e quando arriva il momento di suonare C# si preme la relativa chiavetta con la falange centrale del mignolo?

    Finora io ho adottato la seconda opzione e non è mai capitato di discuterne a lezione.

    Ho fatto di mio, pensando che, nelle alte velocità, più ferma e vicina ai tasti è la mano, più fluida sarà l'esecuzione.

  5. #5
    Io ho invece adottato sempre la prima tecnica e cioè lo scivolamento e ti dirò che all'epoca del conservatorio il maestro ci faceva fare specifici esercizi per rinforzare il mignolo proprio in quei passaggi non per questo poi su quelle chiavi vi sono i roller che servono a facilitare lo scivolamento. Discorso diverso è il passaggio si con sib grave dovè è vero che vi è un roller grande ma li ci sono due tecniche che dipendono dalla lunghezza delle tue dita, chi ha dita corte preferisce scivolare, chi ha le dita lunghe rimane con il polpastrello sulla chiave del si mentre con un po di rotazione tocca la chave del sib con la parte esterne della falangina. Le differenze le noti direttamente tu facendo proprio quella quartina che hai indicato ........una delle due tecniche la troverai più veloce e spontanea dell'altra.
    Sax tenore: Selmer SA80 II serie
    Imboccature: Guardala MBII refaced Phil Tone, Selmer S80 D.
    Sax alto: Grassi Professional 2000
    Imboccature: selmer soloist D, claude lakey 8*3, vandoren jumbo java a45

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 registrati e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •