Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 17

Discussione: il rapporto fra sopranista e riparatore

  1. #1

    il rapporto fra sopranista e riparatore

    Lo sappiamo tutti : il soprano oltre ad essere ostico nell'intonazione ed emissione , lo è anche nella meccanica per ragioni fisiche e di dimensioni.
    Di seguito una breve esposizione dei fatti: Principiante e di mediocrissima tecnica su contralto, proprietario di un bellissimo R&C dritto del 2005 che ha sempre fatto bella mostra di sè e poca musica . Difficoltà tecniche e meccanica non in ordine le cause, ma anche scarsa attitudine del proprietario, più volte tentato dal venderlo, non so perchè ma non l'ho mai fatto pur avendo un discreto mercato lo strumento in esame. Ho voluto tentare la carta del riparatore : un artigiano che mi ritamponasse lo strumento e me lo rendesse più fluido , più intonato, in una parola: più FACILE.
    Nell' hinterland della mia città ho contattato l'unico artigiano presente( forse anche della mia regione) Pino Scalzo di Gimigliano (CZ) al quale ho affidato strumento , aspirazioni e patemi.
    Il risultato di quelle mani di "fata" : intonazione migliorata di molto , meccanica idem , soddisfazione e voglia di imparare da parte del proprietario idem con patate.

    Dove voglio andare a parare è presto detto : una manutenzione di ottima fattura a chi è più utile al bravo sopranista o al principiante? Per me la seconda delle due , ma c'è un'altro quesito : quanti di Voi hanno desistito dall'approfondire col soprano scoraggiati da difficoltà di intonazione e di emissione e fra questi quanti avrebbero amato questo bellissimo strumento se fossero stati assistiti e "curati" da un ottimo riparatore?
    Grazie a Quanti di Voi prenderanno parte alla discussione
    il mio set up è in evoluzione e lo sto ancora cercando :
    "la ricerca del suono può durare una vita"

  2. #2
    Moderatore L'avatar di Il_dario
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    CISNUSCULUM Isola_delle_noci_e_pappagalli
    Messaggi
    9,406
    Hai portato l’esempio del soprano , ma io parlerei del sax in generale: tutti i saxofoni sono dotati di una meccanica complessa che deve essere mantenuta in efficienza quindi, a mio parere, una manutenzione di ottima fattura giova sopratutto allo strumento .
    Con uno strumento in ordine sia il professionista , che magari con la sua perizia riuscirebbe ad ovviare a piccoli difetti, che il principiante ne trarrebbero enorme vantaggio.

    My Two Cents


    Schiaccio e baratto ergo sum
    Metronomico della "Ostello Quarna Nightmare Band"
    Anche se gioco in casa "il_padrino della cupola"
    Sax_Gallery

  3. #3
    La mia esperienza:

    son propenso a credere che se parti con uno strumento "a posto" la vita poi ti sorride!

    non avevo alcuna intenzione di accattarmi un soprano ma un manigoldo di questa chat mi ha messo in mano uno splendido R&C saxello dorato 24k....beh mi son trovato subito non bene ma benissimo e garantisco che le mie capacità sono al limite della sufficienza! poi l'acquisto del Saxello è sfumato nel giro di 24h ma poi ho provveduto alla bisogna con uno YSS 475II che solo a guardarlo suona! dunque se non vuoi tribulare più di tanto, partire con uno strumento ben settato ti facilità il cammino

  4. #4
    Mi pare stranissimo che un Rampone ancora recente non fosse ben regolato.
    Magari se te l'hanno venduto per corrispondenza può starci che avesse subìto maltrattamenti nella spedizione; ma mi sembra che di solito li imballano molto bene (ulteriore involucro di polistirolo e cartone intorno alla custodia che lo contiene). Strano, davvero strano.

  5. #5
    Sostenitore SaxForum L'avatar di nikoironsax
    Data Registrazione
    Feb 2014
    Località
    Provincia di Novara (Piemonte)
    Messaggi
    1,835
    Quoto Dario... è un discorso che va fatto per qualsiasi taglio di sax e soprattutto, ma non solo, per un principiante o comunque un non professionista. La ma intenzione periodica è sempre necessaria in ogni caso...sarebbe come non portare la macchina a fare tagliando e revisione mai, per poi lamentarsi che ha dei problemi. Tra l'altro non si evince in nessuna parte del primo post che lui avesse comprato il sax nuovo dalla fabbrica... quindi può anche darsi che lo abbia preso di seconda mano con già necessità di manutenzione...anche se comunque a mio avviso, rampone& cazzani non punta sulla precisione costruttiva centesimale, ma sulla qualità sonora e qualità dei materiali...non sono strumenti facilissimi. Se cerchi uno strumento facile compri uno Yamaha da studio. Se cerchi un sax particolare con QUELLE qualità timbriche, compri rampone.

  6. #6
    Rispondo con ritardo a tutti e vi chiedo scusa: Il R&C l'ho comprato usato ma in ottime condizioni nel 2010 , ovvio che tenendolo fermo per anni necessitasse di un po di cura, vero pure che ho un contralto Borgani comprato nel 93 che è molto più resistente all'incuria e all'oblio , ma come sapete e mi insegnate il soprano è uno strumento mediamente più esigente e più "dispettoso" del contralto, provate a suonare un soprano e un contralto entrambi cinesi , col primo sarete lontanissimi da una parvenza di intonazione , col secondo se siete bravi qualcosa l'azzeccate.
    Set up (non inorridite) dukoff florida 5m, rico 2
    il mio set up è in evoluzione e lo sto ancora cercando :
    "la ricerca del suono può durare una vita"

  7. #7
    Dice bene Dario questo vale per tutti i tagli ed a tutti i livelli. Posso solo aggiungere che il sassofonista (ed il principiante ancor di più) ha maggiore facilità ad individuare le magagne di suono-intonazione relativamente al soprano. Nel senso che se sei stonato col soprano ed hai un suono disomogeneo te ne accorgi in maniera traumaticamente disarmante. Con gli altri sax questo avviene in maniera diversa e si manifesta in maniera evidente solo alle estremità (registro basso afono e registro acuto strozzato) .
    Purtroppo l'intonazione negli strumenti a fiato soprattutto non è quella dell'accordatore.

    Per tornare poi alla differenza tra principianti e professionisti posso dire che la differenza è più di attitudine ed abitudine.
    nel corso degli anni ho conosciuto musicisti che erano in grado di sentire differenze sul suono e a percepire sfumature infinitesimali ed al contempo limitare al massimo gli interventi sul sax e creare un equilibrio nella posizione delle chiavi davvero atipica (con meccaniche molto molto alte)

    altri musicisti invece preferivano uniformità della meccanica molto molto più bassa .
    ed infine musicisti professionisti che si disinteressavano quasi del tutto da questo aspetto.

    Trovare un riparatore artigiano che sappia leggere le intenzioni del musicista e creare un " setup" a sua misura è davvero diffffffffffffffffficilissimo
    sax tenore selmer sba 1948 mk6 m 114906 bocchino francois louis

    ancia di plasticazza (bari) m

  8. #8
    Sostenitore SaxForum L'avatar di Bronx
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Località
    Bassano del Grappa/Vicenza
    Messaggi
    339
    Di uno strumento ben settato ne beneficiano tutti, dal principiante che altrimenti pensa di essere negato al virtuoso che sa far suonare anche una grondaia ma, inevitabilmente, destinerebbe una parte delle proprie capacità a compensare (quando umanamente possibile) lo strumento non in ordine.
    Questo a prescindere dal taglio.
    Il soprano poi è quasi uno strumento a parte, dove tutto è amplificato: non deve essere in ordine solo lo strumento, devi essere in ordine tu.
    Quando, nell'ambito della stessa sessione, passo dal soprano agli altri tagli, mi sembra di volare sia dal punto di vista tecnico che fisico.
    A mio avviso si sentono molto anche le differenze tra i quattro tagli dello strumento (dritto, collo ritorto, saxello e curvo): ognuno necessita di un approccio parzialmente diverso e, in tutti i casi, non si può prescindere da una corretta manutenzione e, di conseguenza, valorizzazione dello strumento.
    Concordo sull'altro aspetto evidenziato dall'intervento che mi ha preceduto: già ritengo l'attività del tecnico riparatore un'arte (ovviamente non mi riferisco ai cialtroni che si spacciano per tale, né a chi ritiene di potersi fregiare a pieno titolo della qualifica per saper sostituire una molla o fare due saldature), spesa in modo differente per diverse famiglie di strumenti.
    Ma operare sullo strumento per interpretare le esigenze dichiarate dal musicista o, meglio ancora, anticipandone le richieste leggendo il musicista prima dello strumento, magari fornendo sviluppi da questo non considerati, è un ulteriore sviluppo della professionalità del tecnico che porta davvero all'eccellenza e a territori che pochi frequentano.

    - - - Aggiornato - - -

    Di uno strumento ben settato ne beneficiano tutti, dal principiante che altrimenti pensa di essere negato al virtuoso che sa far suonare anche una grondaia ma, inevitabilmente, destinerebbe una parte delle proprie capacità a compensare (quando umanamente possibile) lo strumento non in ordine.
    Questo a prescindere dal taglio.
    Il soprano poi è quasi uno strumento a parte, dove tutto è amplificato: non deve essere in ordine solo lo strumento, devi essere in ordine tu.
    Quando, nell'ambito della stessa sessione, passo dal soprano agli altri tagli, mi sembra di volare sia dal punto di vista tecnico che fisico.
    A mio avviso si sentono molto anche le differenze tra i quattro tagli dello strumento (dritto, collo ritorto, saxello e curvo): ognuno necessita di un approccio parzialmente diverso e, in tutti i casi, non si può prescindere da una corretta manutenzione e, di conseguenza, valorizzazione dello strumento.
    Concordo sull'altro aspetto evidenziato dall'intervento che mi ha preceduto: già ritengo l'attività del tecnico riparatore un'arte (ovviamente non mi riferisco ai cialtroni che si spacciano per tale, né a chi ritiene di potersi fregiare a pieno titolo della qualifica per saper sostituire una molla o fare due saldature), spesa in modo differente per diverse famiglie di strumenti.
    Ma operare sullo strumento per interpretare le esigenze dichiarate dal musicista o, meglio ancora, anticipandone le richieste leggendo il musicista prima dello strumento, magari fornendo sviluppi da questo non considerati, è un ulteriore sviluppo della professionalità del tecnico che porta davvero all'eccellenza e a territori che pochi frequentano.

    - - - Aggiornato - - -

    Chiedo scusa problemi di linea hanno causato il duplice testo.
    Alto: Selmer Super Action 80 Serie I argentato 372xxx (1985)
    Tenore: Selmer Mark VII argentato 264xxx (1977)
    Set-up: studio...

  9. #9
    Citazione Originariamente Scritto da fcoltrane Visualizza Messaggio
    Dice bene Dario questo vale per tutti i tagli ed a tutti i livelli. Posso solo aggiungere che il sassofonista (ed il principiante ancor di più) ha maggiore facilità ad individuare le magagne di suono-intonazione relativamente al soprano. Nel senso che se sei stonato col soprano ed hai un suono disomogeneo te ne accorgi in maniera traumaticamente disarmante. Con gli altri sax questo avviene in maniera diversa e si manifesta in maniera evidente solo alle estremità (registro basso afono e registro acuto strozzato) .
    Purtroppo l'intonazione negli strumenti a fiato soprattutto non è quella dell'accordatore.


    Trovare un riparatore artigiano che sappia leggere le intenzioni del musicista e creare un " setup" a sua misura è davvero diffffffffffffffffficilissimo
    Bellissimo il concetto che nei fiati l'intonazione non è quella dell'accordatore
    il mio set up è in evoluzione e lo sto ancora cercando :
    "la ricerca del suono può durare una vita"

  10. #10
    Il sistema occidentale si basa sull'intonazione temperata.
    Se vai fuori... si sente.
    Se ne accorgono quelli che suonano con te.


    Gli strumenti non sono perfetti, non tutti.
    Quello che si cerca di fare è fare in modo che siano più omogenei possibili a livello di suono e intonazione... compatibilmente con la storia che ha avuto lo strumento.
    (Tanto più sono stati martoriati, tanto più è difficile ...)

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 registrati e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •