Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 20

Discussione: Scheda Audio U-PHORIA Behringer- utilizzo

  1. #1

    Scheda Audio U-PHORIA Behringer- utilizzo

    Dunque:
    ho letto il manuale ma mi rimangono dubbi sul funzionamento effettivo



    per es.:

    Tasto 3 - LINE/IST non noto differenze se premunto o no
    tasto 4 - serve per quando si connettono i jack?
    Tasto 5 - scrivono "no latency" quando attivato....in realtà l'unico effetto che ottengo è che se attivato ho un volume più basso.

    qualcuno di voi che la possiede può dare chiarimenti?

    Grazie

  2. #2
    Io ho la 204 che non ha il tasto direct monitor, maal suo posto ha il controllo tramite manopolina che funge da mixer, quindi non so spiegarti esattamente cosa succede con il tasto direct monitor, a me sembrava meglio poter agire tramite mixer e ho scelto la 204....infatti con il mixer posso decidere quanto volume voglio in cuffia, e se ascoltare piu forte la base, o sentire piu quello che suono col sax....in genere preferisco ascoltare bene la base........però questo non so quanto influisca sul ritardo di latenza, credo cambi poco, la latenza "penso" dipenda dalla qualità in generale della scheda audio.
    Per quanto riguarda il tasto pad, te lo dico con mie parole, serve quando registri con uno strumento che ha molti picchi acuti e mette in crisi il gain...in quel modo diventa meno sensibile e contieni gli sbalzi sonori, ma io con il sax non lo uso, l'ho provato, ma se tieni il microfono non troppo vicino alla campana, non serve usarlo......ma è una possibilità di regolazione in piu, che devi provare per capire a cosa serve e se ti serve.
    il tasto line instr credo distingua tra registrazione di uno strumento tramite microfono, oppure diretto...come una chitarra elettrica tramite jack.
    Alto Yamaha 875 EX- Alto Selmer Mark VI, flauto Muramatsu SR Heavy - flauto Briccialdi 9612.

  3. #3
    Grazie.
    Il volume in cuffia lo regolo col la manopola (9)....solo che chiaramente abbasso o alzo tutto (base e sax)
    Inoltre non so se sia normale ma nelle cuffie ho un ritorno del sax (penso sia il normale ritardo dovuto al tempo tra l'ingresso nel microfono e l'uscita nelle cuffie)....per ovviare a questo fastidio per ora sposto le cuffie in modo da avere nell'orecchio solo la cuffia con la base su cui suono.

  4. #4
    Io con la mia non ho questo problema grazie al mixer, con cui regolo se ascoltare piu base o piu sax in cuffia, e non sento il ritorno del sax che tu dici.
    Dovresti controllare se hai la possibilità di applicare queste regolazioni via software, io purtroppo non sono particolarmente bravo in queste cose e non posso aiutarti.
    Alto Yamaha 875 EX- Alto Selmer Mark VI, flauto Muramatsu SR Heavy - flauto Briccialdi 9612.

  5. #5
    Se colleghi cavi bilanciati... Line/Inst non fa niente perchè ha effetto sul l'ingresso jack.
    Probabilmente è un selettore di impedenza... o anche più "economicamente" un pad.

    Il segnale (Hi-Z) che arriva da uno strumento (chitarra/basso elettrico) è molto più basso dal segnale (Low-Z) che arriva da una tastiera... quindi se colleghi una chitarra hai tutti i dB di guadagno automatico.
    Se colleghi una tastiera... avrai un segnale attenuato in entrata.

    Il pad è generale, funziona anche sull'ingresso XLR: dipende da quanto è potente il segnale in ingresso.
    Di solito puoi lasciarlo attivato, così aumenti il guadagno (se usi microfoni dinamici) e fai lavorare meglio i convertitori della scheda.

    Se usi microfoni a condensatore devi attivarlo altrimenti mandi in clip i pre (o quella cosa che la Behringer definisce come "preamplificatori").


    Direct Monitoring probabilmente significa che il segnale in uscita (dalle uscite) non viene processato e tu lo senti come entra...


    I manuali della Behringer sono molto chiari di solito (anche nelle spiegazioni)... prova ad andare avanti nei capitoli dedicati e sicuramente ci sarà un approfondimento.


    È un prodottino che vale quello che costa, non aspettarti miracoli.

  6. #6
    È un prodotto che vale come tutti i prodotti nella fascia di prezzo entro le 300 euro, perchè piu o meno si equivalgono tutti in questo range, Presonus, Focusrite, Bheringer, Steinberg, etc.
    cambia qualche dettaglio tipo numero di ingressi e di uscite, ma la qualità degli preamplificatori è sulla stessa fascia, e quelli della Bheringer sono tra quelli che vanno meglio, tra l'altro, e sono anche molto silenziosi .
    Le differenze cominciano a sentirsi quando si superano le 600 euro, ma nel caso delle registrazioni a livello casalingo nemmeno cosi tanto penso, perchè con una scheda audio piu professionale, anche tutto il resto della attrezzatura e persino le nostre capacità di saperla sfruttare dovrebbero essere diverse.
    Io prima avevo una scheda audio Presonus, che ho prestato e non mi è stata piu restituita, e i preamplificatori erano abbastanza peggio di questi che ho ora, percui sono molto soddisfatto della mia Bheriger, penso che abbia un eccellente rapporto qualità prezzo, è costruita come un carroarmato rispetto ad altre anche piu costose, e la ritengo tra le migliori opzioni disponibili tra le schede audio entri level, tra tutte quelle disponibili.
    Salendo di livello , no.........allora le altre marche hanno prodotti piu validi, anche perchè la Bheringer nemmeno le produce le schede audio professionali, si è concentrata a fare bene le entri level, e tranne tzadik, che sappiamo il fenomeno che è, tutti quelli che l'hanno provata hanno parlato bene dei suoi preamplificatori Midas.
    Alto Yamaha 875 EX- Alto Selmer Mark VI, flauto Muramatsu SR Heavy - flauto Briccialdi 9612.

  7. #7


    ... probabilmente perchè rispetto a 10 anni fa' ci sono più prodotti e meno qualità.

    In base a cosa valuti la qualità dei convertitori e quella dei preamplificatori?


    Piuttosto che comprare una scheda Behringer nuova, cercherei (come ho già suggerito in varie occasioni) un prodotto usato di fascia più alta.

  8. #8
    Potrei risponderti facendoti la stessa domanda, e tu come fai a dire; "quella cosa che Bheringer definsce preamplificatori" ?
    Rispetto a 10 anni fa ci sono sicuramente più prodotti, e la qualità è aumentata, come inevitabilmente succede col passare del tempo, dall'invenzione della ruota ad oggi, la qualità dei preamplificatori delle schede audio entri level piu o meno si equivale, e chiunque sa bene che in questa fascia di prezzo non è che se compri una scheda audio da 150 euro ha i preamplificatori migliori di quella da 100 euro, entro questa fascia di prezzo quello che determina il prezzo sono il numero di ingressi e di uscite e la qualità costruttiva in generale. Lo step successivo si ha sulle schede audio dai 600 euro in su perchè utilizzano una tecnologia piu avanzata per processare il segnale in maniera ultra veloce ed eliminare i problemi di latenza anche per i flussi di lavoro piu pesanti, ma a livello nostro vanno benissimo quelle entri level.
    Comunque tranne te, tutti quelli che hanno testato le schede audio Bheringer dicono che siano ben fatte e che la qualità dei preamplificatori sia di ottimo livello, e io ti confermo che, avendono provate diverse, tra cui Presonus, che ho avuto e diverse altre di miei amici, ti posso confermare che entro le 300 euro si equivalgono tutte, e secondo me la Bheringer è la scheda con il miglior rapporto qualità prezzo!
    Alto Yamaha 875 EX- Alto Selmer Mark VI, flauto Muramatsu SR Heavy - flauto Briccialdi 9612.

  9. #9
    Se ci sai fare con il missaggio e mastering anche con una scheda economica tiri fuori delle ottime registrazioni. In postproduzione si può fare di tutto anche trasformare un mic behringer in neumann....diciamo che è come il sax....se chi ci sta dietro è bravo ti tira fuori numeri da paura anche con sax da studio. Naturalmente delle differenze ci sono, ma nell'ambito dell'home recording sono superflue.
    Sax tenore: Selmer SA80 II serie
    Imboccature: Guardala MBII wwbw, Atti phyton, Otto Link Tone Edge 8, Vandoren jumbo java T75.
    Sax alto: Buffet Crampon evette
    Imboccature, jumbo java a45, claude lakey 6*3

  10. #10
    OT Mode On


    A quel livello lì... il pre praticamente non c'è (non è separato fisicamente dal convertitore) e il convertitore è quello che è.
    Su schede di fascia più alta cominci ad avere un premplificatore vero e proprio.

    Io mi sono spesso ritrovato dal vivo non le schede Behringer ma i famosi e amati/odiati X32... e quello che vedi sulle schede arriva da lì. Non mi ci metto neanche... né con Behringer né con Focusrite di fascia bassa.
    E...


    Ripeto... meglio prendersi una scheda di fascia più alta con qualche anno alle spalle usata firewire (Motu, TC, Apogee... per una RME devi alzare un po' il budget) piuttosto che una scheda il cui nome non corrisponde al sentimento che dovrebbe creare nelle persone (Euforia).

    Citazione Originariamente Scritto da globe81 Visualizza Messaggio
    Se ci sai fare con il missaggio e mastering anche con una scheda economica tiri fuori delle ottime registrazioni. In postproduzione si può fare di tutto anche trasformare un mic behringer in neumann...
    Di solito riempi di compressione aggiungi compressione in maniera inappropriata... ed esageri con effetti di ritardo: ottieni cose smooth jazz... ma suoni smooth jazz brutti.
    Un mix smooth jazz può anche essere bellissimo, ma non lo fai con hardware/outboard economico.

    Ma la qualità è anche negli ambienti dove registri... miracoli non ne fai.



    OT Mode Off

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 registrati e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •