Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 16 di 16

Discussione: Consiglio scelta bocchino sax tenore

  1. #11
    Io nel suono di Bowen trovo semplicemente un po di buzz più che un suono graffiato ed è curiosa la sua impostazione........imbocca molto poco eppure tira fuori un bel suonone....sarebbe bello sentirlo dal vivo e non amplificato.
    Visto che hai in mente un suono, un becco ed un sassofonista ben preciso e tenuto conto che i vandoren sono di ottima fattura e non costano uno sproposito io ti consiglio di prendere proprio un vandoren java e di lì cercare di emulare Bowen trovando l'ancia giusta. Poi con il tempo vien da se crearsi un suono personale.
    Sax tenore: Selmer SA80 II serie
    Imboccature: Guardala MBII wwbw, Atti phyton, Otto Link Tone Edge 8, Vandoren jumbo java T75.
    Sax alto: Buffet Crampon evette
    Imboccature, jumbo java a45, claude lakey 6*3

  2. #12
    Infatti pensavo proprio di fare così.. Pensavo proprio di prendere il java T45 anche se mi chiedevo se per avere una maggiore proiezione bisogna andare su bocchini più aperti tipo 75.
    Cosa intendi per buzz?
    Soprano: L.A. Ripamonti Master Old Vintage, Jody Jazz HR* 7
    Tenore: Grassi Professional, Jody Jazz HR* 8

  3. #13
    Nessun buzz.
    Il concetto di suono di Bowen è molto Coltraniano.

    Se sei abituato a bocchini medio aperti, puoi prendere un bocchino medio aperto.
    Non ti serve necessariamente il T45 (che è circa un #6).

  4. #14
    Infatti riguardo all’apertura ho ancora dei dubbi, se scegliere un bocchino più chiuso e o più aperto.. illuminatemi per favore sui pro e i contro di ciascuno.
    Dimenticavo.. il “buzz” c’entra mica con il tipo di suono (bellissimo peraltro..) di questo sassofonista https://youtu.be/uSc-PbWW-lw ?
    Grazie mille!!
    Soprano: L.A. Ripamonti Master Old Vintage, Jody Jazz HR* 7
    Tenore: Grassi Professional, Jody Jazz HR* 8

  5. #15
    Il buzz che intendo io è quel suono contenente un leggero ronzio, per esempio a me veniva molto semplice con le plasticover e lo avverto anche in questo ultimo video che hai postato. Mettiti l'anima in pace che un suono come quest'ultimo non lo ottieni con un solo becco, con una sola ancia o altro ma è un insieme equilibrato di tanti fattori, impostazione, spinta, imboccatura, ecc ecc.......tu puoi scegliere un punto di partenza e modellarlo a tuo piacimento ma ce ne passa di acqua sotto i ponti prima di arrivare ad un suono del genere. Per quanto riguarda l'apertura del becco ti posso dire che io preferisco aperture più grandi in quanto puoi gestire più facilmente le dinamiche, tanto suono in più, più facilità nei bassi e nei subtones,........un becco chiuso ti da meno suono ma più semplicità nel controllo dell'ancia ed un attacco più immediato. E' una questione di gusti e di abitudine al becco. Hai un jody Jazz 8 quindi fossi in te non scendere sotto il t75 del vandoren tenuto conto che sicuramente sei abituato a questa apertura..
    Sax tenore: Selmer SA80 II serie
    Imboccature: Guardala MBII wwbw, Atti phyton, Otto Link Tone Edge 8, Vandoren jumbo java T75.
    Sax alto: Buffet Crampon evette
    Imboccature, jumbo java a45, claude lakey 6*3

  6. #16
    Certo, immagino che non si possa demandare tutto al bocchino o al tipo di ancia ance se credo che con certi bocchini e certe ance diciamo che diventa tutto un pochino più semplice..
    Anch'io pensavo di andare su un'apertura più grande, a maggior ragione se dici che bocchino più chiuso vuol dire meno suono.
    Soprano: L.A. Ripamonti Master Old Vintage, Jody Jazz HR* 7
    Tenore: Grassi Professional, Jody Jazz HR* 8

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 registrati e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •