Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 39

Discussione: Consiglio acquisto: Sequoia booster meraviglioso o Grassi profes 2000?

  1. #1

    Consiglio acquisto: Sequoia booster meraviglioso o Grassi profes 2000?

    Chiedo un consiglio ai veterani che hanno provato un po’ di tutto.
    Suono da poco un bellissimo sequoia Classic. Ho avuto occasione di visitare il creatore dei sequoia il mitico Buttus ed ho provato il modello booster: una favola!! Anch’io che sono un principiante sono riuscito a sentire una notevole differenza. E poi la professionalità, la ricerca continua della qualità e la passione che viene messa da questo artigiano andrebbe valorizzata e diffusa.
    Purtroppo non sono ancora pronto per investire 2.300€, anche se il rapporto qualità prezzo sembrerebbe incredibile.
    Un amico mi ha parlato molto bene del Grassi professional 2000 che si trovano a meno di 1000€: cosa ne pensate rispetto al sequoia?
    Hanno un bel suono o hanno un suono da “banda”?
    Sono facili ed intonati per un principiante?
    Quando lo rivenderò (prima o poi lo prenderò il sequoia booster) manterrà il suo valore o nel frattempo avrò dovuto spendere 500€ di riparazione vista l’età?
    Se poi qualcuno ne ha uno da vendermi (sul mercatino non ne ho trovati..) io poi venderò il mio classic.

    un sentito grazie anticipato a chi avrà voglia di dedicarmi qualche riga.
    Ciao

  2. #2
    Che mantengano il loro valore dubito molto, tutto quello che non è Selmer o Yamaha si svaluta molto, ma piu che svalutarsi in se per se, che sarebbe normale, il fatto è che risulta proprio difficile rivenderli.
    Comunque, tanto per parlare, io ho venduto uno Stewart Ellis che avevo, a 400 euro, e il nuovo proprietario ancora mi ringrazia, sono passati circa tre mesi, e ancora mi manda messaggi di ringraziamento per dirmi quanto è contento del suono di questo sax.......e che tutti i suoi amici gli fanno i complimenti e gli chiedono se lo vuole vendere!!! Direi che anche tra i Taiwanesi si puo trovare qualcosa di decente, percui io sono dell'idea che la cosa migliore sia:

    1) O comprare un sax che costa poco ma che va bene, e nel caso lo si debba rivendere al massimo si perdono 100/200 euro.....
    2) O comprare un sax di nota marca che è come avere un assegno in tasca.....

    Comprare un sax poco conosciuto, e che costa molto, è la combinazione peggiore dal punto di vista economico, ma se a te piace e hai intenzione di tenertelo a vita, il mio ragionamento decade immediatamente!
    Alto Yamaha 875 EX- Alto Selmer Mark VI, flauto Muramatsu SR Heavy - flauto Briccialdi 9612.

  3. #3
    Strumenti come Selmer e Yamaha (serie professionali) si svalutano molto di più di strumenti più economici: sono mercati un po' differenti comunque.
    Esiste una soglia psicologica per cui difficilmente un privato investe soldi per comprare uno strumento professionale comune da un altro privato.

    Mi è capitato di vendere un tenore Sequoia recente... venduto facilmente (in meno di un mese) e un prezzo pari al 9% in meno dello strumento nuovo.
    Lo strumento era in perfette condizioni estiche e funzionali: questo ha giocato parecchio sulla scelta dell'acquirente.

    Il Sequoia Booster può impressionare per le sue caratteristiche sonore uniche e piuttosto singolari.

    Il Grassi è uno strumento massiccio, un po' primitivo come meccanica.
    Affascina perchè tutto sommato era uno strumento abbastanza efficiente e con un volume sonoro leggermente superiore a quello che ci si aspetta da uno strumento "standard".
    Come per tutti gli strumenti con almeno 25 anni... se devi metterci sopra le mani e farci manutenzione, facilmente rischi di spendere 500/600€.


    Ti conviene vendere il Classic e con quello che raccimoli andare in cerca di un tenore Booster.

  4. #4
    Veramente grazie ad entrambe per i preziosi consigli ed il tempo dedicato.
    Mi ero fatto del Grassi 2000 una valutazione eccessiva allora sia per qualità sonora sia per la rivalutazione (c’è chi li considera dei Mark VI sottovalutati) e poi un usato è sempre un rischio se non sei in grado di valutarlo.
    Il marchio Sequoia è in effetti poco conosciuto e quindi poco ricercato anche se mi è sembrato di qualità molto alta per il prezzo. Meriterebbe molto più apprezzamento per la validità del progetto e per la persona che ci sta dietro (il Buttus) che si è guadagnato tutta la mia stima e supporto.
    Però ha ragione Robinik quando dice che si svaluta.... e trovarlo usato è quasi impossibile! E non voglio rimetterci troppo se un domani volessi venderlo.
    Quale sarebbe allora un’alternativa per un salto di qualità dal mio Sequoia Classic?
    Ancora grazie

  5. #5
    Tzadik, io intendevo dire di comprare un Selmer usato o un Yamaha usato, forse non mi sono spiegato bene......si sa che uno strumento nuovo come metti il piede fuori dal negozio costa un 35% in meno! Intendevo suggerire di comprare un Selmer usato o un Yamaha usato per via della rivendibilità, e a meno che non intendi tenertelo a vita, i marchi che piu girano e che piu si vendono bene sono i soliti due.....e se li compri usati quando li rivendi riprendi i tuoi soldi, o a volte ci guadagni anche.
    Alto Yamaha 875 EX- Alto Selmer Mark VI, flauto Muramatsu SR Heavy - flauto Briccialdi 9612.

  6. #6
    Citazione Originariamente Scritto da Pino Visualizza Messaggio
    Mi ero fatto del Grassi 2000 una valutazione eccessiva allora sia per qualità sonora sia per la rivalutazione (c’è chi li considera dei Mark VI sottovalutati) e poi un usato è sempre un rischio se non sei in grado di valutarlo.
    Sono strumenti che valgono quello che costano.
    Se ben "sistemati" sono strumenti robusti e affidabili.

    Mark VI & Co. giocano proprio in un altro campionato,

    Citazione Originariamente Scritto da Pino Visualizza Messaggio
    Quale sarebbe allora un’alternativa per un salto di qualità dal mio Sequoia Classic?
    Dipende cosa intendi per "qualità".
    Il Booster è pensato per generare tanto volume con poco sforzo (e poca esperienza) e ha un suono più penetrante.
    Il "Classic" invece... lo dice il nome stesso: è uno strumento più tradizionale.

    ... ma dipende sempre da come suoni e dalle tue capacità tecniche e fisiche.

  7. #7
    Citazione Originariamente Scritto da tzadik Visualizza Messaggio
    Sono strumenti che valgono quello che costano.
    Se ben "sistemati" sono strumenti robusti e affidabili.

    Mark VI & Co. giocano proprio in altro campionato
    Quindi Grassi non è un salto di qualità notevole. Per sentire la differenza bisogna passare Selmer (Sa II 80 già buono?) Yanagisawa Yamaha?

    - - - Aggiornato - - -

    Sono proprio un principiante ... che però comincia a capire qualcosa!?!

  8. #8
    Il Grassi è un salto nel vuoto!!
    Alto Yamaha 875 EX- Alto Selmer Mark VI, flauto Muramatsu SR Heavy - flauto Briccialdi 9612.

  9. #9
    Moderatore L'avatar di Il_dario
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    CISNUSCULUM Isola_delle_noci_e_pappagalli
    Messaggi
    9,142
    I Grassi “Professional 2000” o “Prestige” sono buoni strumenti ma occorre che siano in condizioni di dimostrarlo . Valgono il loro prezzo di mercato (600-1000 a seconda dei tagli ) e non si svalutano.
    Non conosco il Sequoia Classic , ma dalle recensioni lette qua e là deve essere il modello entry level per cui credo molto inferiore del Booster.
    Come ti é stato detto : se il tuo desiderio é il Sequoia Booster , mira a quello e non stare a comprare e rivendere altri strumenti tanto per fare. Se invece vuoi cambiare a prescindere perché il tuo non ti soddisfa , fissati un budget ed inizia a fare giri per negozi e mercatini dell’usato e prova gli strumenti senza fissarti su marche e modelli , può darsi che il “tuo sax” ti capiti tra le mani senza saperlo.


    Schiaccio e baratto ergo sum
    Metronomico della "Ostello Quarna Nightmare Band"
    Anche se gioco in casa "il_padrino della cupola"
    Sax_Gallery

  10. #10
    Citazione Originariamente Scritto da Pino Visualizza Messaggio
    Quindi Grassi non è un salto di qualità notevole. Per sentire la differenza bisogna passare Selmer (Sa II 80 già buono?) Yanagisawa Yamaha?

    Sono proprio un principiante ... che però comincia a capire qualcosa!?!
    A livello di omogeneità di suono e di intonazione (anche proprio nella produzione del suono) con un Selmer faresti sicuramente più fatica (se sei "proprio un principiante").
    Con il Yamaha probabilmenente faresti forse un po' meno fatica per quanto riguarda la produzione... il suono è quello Yamaha (nei vari modelli), deve piacerti.

    Il discorso non è a livello qualitativo, ma a livello "quantitativo" (più o meno suono).


    Citazione Originariamente Scritto da Il_dario Visualizza Messaggio
    Non conosco il Sequoia Classic , ma dalle recensioni lette qua e là deve essere il modello entry level per cui credo molto inferiore del Booster.
    Il Booster è fatto nello stesso identico materiale del Classic, stesso canneggio, stessa meccanica, stessi risuonatori. stesso chiver fatto nello stesso materiale.
    Il Booster ha una finitura galvanica differente e uno strato "vetrificato" sopra (a protezione).

    Sono semplicemente modelli differenti.
    Il Booster costa di più perché sopra l'ottone non c'è semplice laccatura.
    Ha caratteristiche sonore differenti.
    Nessun salto di qualità però.

    A livello sonoro, il risultato è che il Booster ha più volume e un suono più acido.
    Questa cosa attira molto i neofiti perchè con lo stesso sforzo (e anche senza grandi capacità fisiche) si ottiene un suono un po' più brillante e compresso... istantaneamente (a costo zero).


    Esisteva un modello Red Booster dove volume e acidità di suono erano ulteriormente incrementate... ma non esiste più per questioni di mercato.

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 registrati e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •