Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 15 di 15

Discussione: Pulire il sax a intervalli aperiodici, solitamente molto saltuari

  1. #11
    Ecco, vorrei proprio sapere questo. Ma chi suona il sax per professione diverse ore al giorno tutti i giorni che fa?
    Si ferma per l'intervallo del pranzo o per andare a comprarsi un paio di scarpe e smonta, asciuga e pulisce tutto?
    Ogni sera smonta, asciuga, pulisce e ripone in valigia?
    Non ci credo nemmeno se lo vedo.
    Col sax sto iniziando e già mi sono rotto di montare e smontare. Ho ordinato un trespolo; lo metterò lì e smonteró solo chiver e bocchino. Lo puliró ogni tanto.
    Del resto suono anche clarinetto e basso. I tre bassi stanno in rastrelliera, mica in valigia e il clarinetto è sempre montato tranne il bocchino sul suo sostegno e finito di suonare solamente gli do una passata col pulitore. Poi lo smonto ogni tanto per ingrassare i sugheri.
    Del resto preferisco spendere il mio tempo suonando piuttosto che spazzolando con le ciglia gli strumenti. Conosco "bassisti" (si fa per dire...) che hanno una dozzina di bassi ma il loro tempo lo passano a fare setup, cambiare questo e quello, provare corde. Suonare... poco e male.

  2. #12
    Se suoni con una certa costanza (ogni giorno), dopo aver suonato lo asciughi con lo straccio e sei a posto. In tal caso, lasciarlo all'aria fa solo che bene perché così va via l'umidità rimasta. Ma se sei un clarinettista queste cose le sai bene.

    Lo si mette in custodia se non lo si suona ogni giorno.

    La mia domanda di inizio thread era specifica per uno strumento argentato che se lasciato sempre all'aria tende ad ossidarsi ... ma dopo il primo mese di possesso nel quale mi facevo un po' di pensieri, se ne sta bello sul trespolo a fianco degli altri sax.

    Come dici tu, il tempo che posso dedicare alla musica lo uso per suonare
    Tenore: Grassi Professional 2000, Borgani Jubilee - OL STM - Absolute ST - Ance varie
    Soprano: cinese senza nome - Bari Hr - Rico SJ 3

  3. #13
    Riporto la mia esperienza in merito alla manutenzione degli strumenti argentati.

    Qualche tempo fà, dovendo ritamponare il mio tenore argentato, mi sono informato sulla reale manutenzione degli oggetti silver plated in generale (oggetti, cioè, non in argento su cui è stato applicato un sottile strato di argento esterno mediante un bagno galvanico). Per fare questo ho contattato restauratori di oggetti antichi silver plated (argenteria d'epoca in generale).

    Il risultato è stato il seguente: l'ossido di argento "nero" che si forma con il tempo riguarda solo la parte più superficiale dello strato di argento applicato sull'oggetto. Gli strati sottostanti, in questo modo, non risentono dall'ossidazione. Strofinando questi oggetti con paste o creme si asporta la parte ossidata, tanto è vero che il "nero" viene via e rimane lo strato sottostante lucido non ossidato.
    Questa pratica ha due effetti, uno positivo ed uno negativo: quello positivo è che l'oggetto dopo esser stato pulito torna splendente, quello negativo è che con questa operazione si asportano porzioni dell'argentatura, con il rischio (nel corso degli anni e degli interventi di pulizia) di portare a nudo il materiale (in questo caso ottone) sottostante lo strato di argento.

  4. #14
    E' esattamente così: la patina che si forma è un solfuro di argento che è dovuta allo zolfo presente nell'aria. Questa forma uno strato protettivo nei riguardi del metallo sottostante.

    Ci può essere un "problema" però di troppo annerimento se una persona vive in un ambiente molto inquinato: una grossa presenza di zolfo nell'aria, dovuta a tanto traffico automobilistico, o a fabbriche, lo fa annerire abbastanza. Se invece si ha la fortuna di vivere in una zona meno esposta allora l'annerimento è poca cosa e lo strumento diventa solo un po' più scuro.

    Nel primo caso è utile (l'ha provato su mio suggerimento un amico che abita in centro città, sopra un incrocio trafficato) tenere in custodia e nella stanza dove si ha lo strumento, un po' di calcare (calcio carbonato) che "sequestra" lo zolfo dell'aria, così che l'annerimento è rallentato. Nel mio caso, avendo la fortuna di abitare lontano da fonti pesanti di inquinamento, risento meno del problema.
    Tenore: Grassi Professional 2000, Borgani Jubilee - OL STM - Absolute ST - Ance varie
    Soprano: cinese senza nome - Bari Hr - Rico SJ 3

  5. #15
    Io in passatp il mio tenore r1 jazz lo lasciavo sul trespolo e si anneriva in pochi mesi , ora le cose sono molto migliorate da quando , una volta asciugato lo tengo chiuso in custodia ma sopratutto quando sono a suonare tengo vicino a me un panno per argento e durante le prove nei momenti in cui non suono , sugli assoli degli altri passo il panno e così è sempre perfetto ..
    Tenore Selmer Mark VI 168000 - ottolink florida 8
    Tenore Selmer Mark VI 170000- ottolink 7
    Alto Selmer serie I - selmer D
    Saxello R1jazz - Vandoren v16
    Altello R&C num. 5 - Aizen 6
    Soprano diritto Yanaghisawa 992 in bronzo - Vandoren v16

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 registrati e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •