Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13

Discussione: Bocchino sax tenore per uso orchestrale

  1. #1

    Data Registrazione
    May 2013
    Località
    Roccapiemonte
    Messaggi
    657

    Bocchino sax tenore per uso orchestrale

    Salve,
    Sto per comprare un nuovo bocchino per suonare musica classica in ambito orchestrale.
    Ho gia' chiesto in passato consigli riguardo vari bocchini per tenore.
    Ora sono davvero indeciso tra un Selmer S80 D o un E, anche se alcuni mi hanno detto che un'ottima imboccatura e' un s90 180.
    Li ho trovati entrambi sul mercatino dell'usato:
    1) S80 E anni 80 a 85 euro compresa spedizione
    2) S80 D anni 90 a 90 euro esclusa spedizione.
    Ho voluto puntare su questi due bocchini diciamo vintage perche' molti dicono che suonano meglio di quelli moderni.
    Ora passando alle caratteristiche delle imboccature ho verificato che cambia di poco solo il Tip Opening quindi le differenze sono minime penso; ma un mio amico mi ha detto che la "lettera D" ha un suono falsato anche se non ho capito in che senso.
    Spero che qualcuno possa darmi delle delucidazioni a riguardo anche se so bene che si dovrebbero provare prima i bocchini prima di comprarli.
    P.S.
    Finora ho suonato con un T20 ma non e' per niente classico da come mi aspettavo.
    Sax alto: Selmer III - Vandoren AL3 - Ligature: Rovner Versa - Vandoren 3 1/2
    Sax tenore: Yamaha PLUTUS1 YTS-480 - Vandoren T45 Blu

  2. #2
    Moderatore L'avatar di Il_dario
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    CISNUSCULUM Isola_delle_noci_e_pappagalli
    Messaggi
    9,157
    É vero che si dovrebbero provare i bocchini prima di comperarli , ed alcuni negozi lo permettono (gratis o a pagamento) mentre il mercato dell’usato difficilmente lo concede e soprattutto se si tratta di imboccature “standard di modesto valore” .Ma appunto per questo , visto l’esiguo investimento e la possibilità di rivendita senza grandi perdite: comperali entrambi, ti rendi conto di persona delle differenze e poi rivendi quello che non ti soddisfa (uno o entrambi) .My two cents


    Schiaccio e baratto ergo sum
    Metronomico della "Ostello Quarna Nightmare Band"
    Anche se gioco in casa "il_padrino della cupola"
    Sax_Gallery

  3. #3
    Tra un D ed E non mi pare che ci sia grande differenza. Casomai, credo che la differenza è più netta tra un C** ed E, se non addirittura tra C* ed E.
    Poi dipende sempre in che esemplari ci si imbatte. Direi anche di non farsene una grande "malattia"; se quello che prenderai andrà bene agli altri membri della formazione classica, ed in particolar modo al direttore, avrai risolto il problema. In tali casi (gruppo di sax classico, così come nelle bande) non si può tenere tanto conto dei gusti personali riguardo ai bocchini, a quanto leggo qua e là su questo Forum.

  4. #4
    Del resto so che, tra bande e formazioni classiche, di solito tutti i componenti devono avere tassativamente Selmer S 80 con scarsa apertura C*...forse l'unica vera alternativa sono i Vandoren Optimum, dato che i Vandoren V5 come il tuo sembrano ora un pò in "ribasso".

  5. #5

    Data Registrazione
    May 2013
    Località
    Roccapiemonte
    Messaggi
    657
    Citazione Originariamente Scritto da gil68 Visualizza Messaggio
    Del resto so che, tra bande e formazioni classiche, di solito tutti i componenti devono avere tassativamente Selmer S 80 con scarsa apertura C*...forse l'unica vera alternativa sono i Vandoren Optimum, dato che i Vandoren V5 come il tuo sembrano ora un pò in "ribasso".
    Si, e' vero.
    Io ho avuto modo di provare un C* ma non mi sembrava un granche, mentre il concept che a livello sonoro era molto tappato.
    Un altro buon bocchino sarebbe un TL3, ma quando lo provai non lo sapevo proprio suonare diciamo, anche se l'ho usato con una 3 e 1/2 usata che su quel tl3 mi sembrava ultra leggera, anche soffiando pianissimo.
    Sax alto: Selmer III - Vandoren AL3 - Ligature: Rovner Versa - Vandoren 3 1/2
    Sax tenore: Yamaha PLUTUS1 YTS-480 - Vandoren T45 Blu

  6. #6

    Data Registrazione
    May 2013
    Località
    Roccapiemonte
    Messaggi
    657
    Ho appena ricevuto le foto del S80 D anni 90 ma era tutto scolorato e marroncino, quindi gli ho detto che non lo prendevo al tizio.
    Ora sto aspettando una risposta dal tizio del S80 E anni 90 se e' ancora disponibile, il quale dalle foto mi sembra come nuovo. Per info c'e' modo di vedere effettivamente se e' degli anni 80 o di produzione moderna?
    Foto del S80 E in questione:
    https://ibb.co/FXzzhfr
    https://ibb.co/L5Z67yb
    Sax alto: Selmer III - Vandoren AL3 - Ligature: Rovner Versa - Vandoren 3 1/2
    Sax tenore: Yamaha PLUTUS1 YTS-480 - Vandoren T45 Blu

  7. #7
    Se vuoi ho un selmer s90 190 con cap a legatura originale che non uso più e potrei vendertelo (è in ottime condizioni). Se vuoi possiamo sentirci in privao.
    Sax tenore: Selmer SA80 II serie
    Mouthpiece: Guardala MBII wwbw

  8. #8
    Tanto per mettere le cose in chiaro, sulla produzione di imboccature (Selmer): https://www.saxforum.it/forum/showthread.php/26203 L'ossidazione dell'ebanite si rimuove abbastanza facilmente.

  9. #9

    Data Registrazione
    May 2013
    Località
    Roccapiemonte
    Messaggi
    657
    Contattato in pm globe81.
    Piu' che altro io so che la scolorazione e' cangerogena e che quando arriva a questo punto il bocchino non suona affatto bene.
    Foto del becco in questione:
    https://ibb.co/93Dnmbv
    https://ibb.co/sKwsTB4
    Sax alto: Selmer III - Vandoren AL3 - Ligature: Rovner Versa - Vandoren 3 1/2
    Sax tenore: Yamaha PLUTUS1 YTS-480 - Vandoren T45 Blu

  10. #10
    L'ossidazione porta zolfo in superficie. Rimuovi l'ossidazione e l'ebanite torna "nera". Il bianco sono residui di tartaro... sì quello che l'igienista ti gratta via dai denti una volta ogni due anni: si rimuove pure quello. La cosa strana è che la maggior parte delle cose che la gente porta a contatto con la bocca (o cose che vanno a contatto che altre cose che poi finiscono in bocca) vengono lavate ad ogni uso... vedi piatti e posate. Un'imboccatura non è una cosa che ingerisci ma comunque la porti a contatto con la bocca e rimane in modo prolungato a contatto con la bocca: gran parte della gente non presta la stessa attenzione sulla parte igienica... per queste cose. Il bocchino che tu stesso stai vendendo presenta ossidazione esterna, probabilmente dovuta alla luce solare (più in generale dovuta all'esposizione all'aria). E secondo te avrebbe "smesso di funzionare" a causa di qualche traccia di ossidazione? Se la tua logica fosse corretta, un bocchino in ebanite andrebbe "gettato nella spazzatura" ogni 12/18 mesi (anche prima in alcuni casi), cioè al comparire dei primi segni di ossidazione. Selmer e Vandoren sarebbero felicissimi di ciò, ma sta cosa gli si ritorcerebbe contro. Ma di fatto, storicamente, un bocchino in ebanite puoi usarlo per decenni senza alcun tipo di problema. Puoi credere alle leggende metropolitane, ma la realtà fisica delle cose è ben differente. Certo... l'igiene (anche non personale) riamane una cosa molto importante, secondo me.

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 registrati e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •