Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 16

Discussione: Sax Ida Maria Grassi, consigli

  1. #1

    Sax Ida Maria Grassi, consigli

    Ho trovato un annuncio per un sax ida maria grassi mod. professional matricola 44967 Italy 174330/70-U.S.A. ma sono titubante
    Il prezzo è sui 500 euro
    Qualcuno lo conosce e mi può dare informazioni?
    Grazie in anticipo

  2. #2
    Moderatore L'avatar di Il_dario
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    CISNUSCULUM Isola_delle_noci_e_pappagalli
    Messaggi
    9,470
    Se scorri un po’ qua e la sul forum troverai tutta una sezione dedicata ai sax Ida Maria Grassi con recensioni sulla produzione e sui modelli prodotti negli anni .
    Esiste anche un fan club della Ida Maria Grassi e troverai altro materiale

    Se utilizzi il boxino cerca nel menù in alto a destra


    Schiaccio e baratto ergo sum
    Metronomico della "Ostello Quarna Nightmare Band"
    Anche se gioco in casa "il_padrino della cupola"
    Sax_Gallery

  3. #3
    Amministratore L'avatar di Alessio Beatrice
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Pistoia (Toscana)
    Messaggi
    8,243
    E titoli CHIARI, che si capisca di cosa si parla nella discussione. Grazie
    Tenore: Rampone & Cazzani "R1 Jazz "
    Vandoren Jumbo Java T75 / Legatura Flexitone / Marca "Jazz" 2.5

  4. #4
    Grazie il dario trovato quello che mi hai detto sostanzialmente il sax grassi con la matricola riportatata dovrebbe essere prima degli anni 80
    Devo vedere se ne vale la pena visto il prezzo di 500 euro
    Scusa Beatrice sono nuovo e poco avezzo ai forum

  5. #5
    Ragazzi sono intenzionato ad acquistare un grassi professional 2000 ma voglio sentire i vostri pareri per quanto riguarda i modelli provvisti di fa# acuto e quelli sprovvisti.
    So che è difficile che qualcuno li abbia provati entrambi ma sicuramente qualcuno di voi sa quali differenze hanno questi sax con l'inserimento della chiave del fa#.
    Io ho avuto un solo sax senza fa# e la sensazione era di una qualità superiore nel registro acuto e sovracuto a scapito di una maggiore difficoltà nei passaggi cromatici.
    Voi cosa dite?
    Sax tenore: Selmer SA80 II serie
    Imboccature: Guardala MBII refaced Phil Tone, Selmer S80 D.
    Sax alto: Grassi Professional 2000
    Imboccature: selmer soloist D, claude lakey 8*3, vandoren jumbo java a45

  6. #6
    Io dico che per strumenti cosi datati l'imperativo e provarli e vedere come ti ci trovi, solo cosi ti puoi rendere conto se vale la pena o no spenderci dei soldi.
    Alto Yamaha 875 EX Gold Plated
    Alto Signature Custom
    Flauto Muramatsu SR Heavy
    Flauto Briccialdi 9612 All Silver

  7. #7
    Il mio problema non è questo.......ho cambiato tanti sax anche molto più vecchi, con tastiere molto diverse dalle attuali, meccanismi strani ecc ecc.
    Non ho mai avuto alti senza fa# acuto e quindi vorrei sapere l'influenza della chiave del fa# acuto sul suono e sui vari passaggi cromatici come si comporta.
    Vorrei delle opinioni personali e se qualcuno ha fatto già una prova su professional 2000 con e senza fa# ancora meglio.
    Sax tenore: Selmer SA80 II serie
    Imboccature: Guardala MBII refaced Phil Tone, Selmer S80 D.
    Sax alto: Grassi Professional 2000
    Imboccature: selmer soloist D, claude lakey 8*3, vandoren jumbo java a45

  8. #8
    Sostenitore SaxForum L'avatar di nikoironsax
    Data Registrazione
    Feb 2014
    Località
    Provincia di Novara (Piemonte)
    Messaggi
    1,855
    a mio avviso è solo questione di abitudine...se uno è in grado di adattarsi bene ai cambiamenti con un po' di esercizio ti ci adatti in fretta alla mancanza del fa# acuto...certo è che se avessi sotto mano un sax da provare qualche giorno prima di acquistarlo, potresti valutare bene la tua volontà di adattarti. inoltre 500€ non sono proprio pochi. Ma nemmeno troppo se il sax è suonabile senza ulteriori interventi.

  9. #9
    Allora ragazzi, dopo consiglio di un utente del forum estimatore del marchio mi sono deciso a comprare un sax alto grassi professional 2000 degli anni 88/89 senza chiave del Fa# acuto.
    Premetto che provenivo da un sax alto da studio, un Buffett Crampon Evette, che risultava molto intonato e molto spontaneo, ma sotto le mani mi è sempre sembrato un giocattolino.
    Qualche giorno fa mi è arrivato, in buone condizioni estetiche e con tamponi che avranno vita breve. Poichè non suonava l'ho smontato, ripulito, sistemato qualche sughero, controllate le chiusure e piegato qualche chiave (Prima di capire che la causa che rendeva afono e calante il RE della seconda ottava era il portavoce ce n'è voluto). Suonandolo ho constatato che il sax ha una solidità da sax professionale, in effetti la sensazione è quella di avere tra le mani un selmer (nonostante avesse le molle da cambiare). Ha una tastiera comoda e reattiva, le chiavi sono solide e non restituiscono quella sensazione che prima o poi possano piegarsi (cosa che invece mi capitava con il Buffet). Il suono è potente, scuro e non credevo così intonato. E' perfetto anche nelle note palmari della mano sinistra, dove di solito cresco a dismisura, anche se devo dire che tendono ad assottigliarsi parecchio (ma voglio provarlo anche con altre imboccature prima di dare colpa al sax). I subtone vengono che è un piacere nonostante il limite dell'imboccatura (un lakey 8*3) che poco si sposa con questa tecnica ed un registro medio molto nitido. L'unica cosa che mi ha un po destabilizzato è una forte resistenza, ma sicuramente è una questione di abitudine e per me non è una caratteristica negativo, insomma non mi dispiace tale resistenza. E' molto lontano da strumenti da studio, e spenderci per una rimessa a nuovo ci sta benissimo......questi sax sono da trattarli come professionali specialmente in un mercato dove chi la fa da padrona sono sax con costi decisamente più elevati. Per la chiave del Fa# acuto beh devo abituarmi e studiare quali posizioni usare per passaggi veloci mi Fa#. Vi invito a provarne qualcuno per ritrovarvi in quello che ho scritto. Peccato che una azienda che produceva sax di questa qualità ora ha spostato la produzione in oriente.
    Sax tenore: Selmer SA80 II serie
    Imboccature: Guardala MBII refaced Phil Tone, Selmer S80 D.
    Sax alto: Grassi Professional 2000
    Imboccature: selmer soloist D, claude lakey 8*3, vandoren jumbo java a45

  10. #10
    Moderatore L'avatar di Il_dario
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    CISNUSCULUM Isola_delle_noci_e_pappagalli
    Messaggi
    9,470
    Confermo , i Grassi di quel periodo sono ottimi strumenti ed assolutamente “professionali”.
    Solo una piccola precisazione : La Grassi non ha spostato la produzione in Oriente, semplicemente ha chiuso per problemi finanziari.
    Il marchio è stato acquistato da una ditta Italiana di grande distribuzione di strumenti e accessori musicali che si approvvigiona nel mondo dove i costi sono molto bassi e cosi anche per i saxofoni .

    ps. Come ti trovi con la leva del portavoce che si aziona “al contrario” ?


    Schiaccio e baratto ergo sum
    Metronomico della "Ostello Quarna Nightmare Band"
    Anche se gioco in casa "il_padrino della cupola"
    Sax_Gallery

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 registrati e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •