Pagina 2 di 6 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 60

Discussione: Nuove imboccature by Mattia Cigalini - Black One

  1. #11
    Citazione Originariamente Scritto da MartinaDamico Visualizza Messaggio
    per chi li ha provati, come sensazione e suono si avvicinano di più a un bocchino in ebanite o in metallo?
    Ciao Martina,
    Non saprei.. e' una cosa nuova, forse più simile al metallo classico.. boh!
    Sono iscritto alla newsletter del sito e ho sentito usarlo anche nella classica in un video

  2. #12
    Moderatore L'avatar di Il_dario
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    CISNUSCULUM Isola_delle_noci_e_pappagalli
    Messaggi
    9,407
    http://cigalinimusic.com/evento/pres...-per-saxofono/

    Per gli interessati, oggi la presentazione a Milano.


    Schiaccio e baratto ergo sum
    Metronomico della "Ostello Quarna Nightmare Band"
    Anche se gioco in casa "il_padrino della cupola"
    Sax_Gallery

  3. #13
    sabato 19 e' prevista una presentazione anche da Cavalli a Brescia, io credo di andare
    Presidente del SottoClub SA 80 Serie I
    socio onorario del club Mark VI Society

    tenor sax:

    Selmer SA80 serie I
    Grassi T460 Jazzy line

    sopr.sax:
    R&C R1

  4. #14
    A me un po stupisce che continuino a mettere su video promozionali uno più penoso dell'altro, da un punto di vista sonoro intendo.Come se contasse più il nome di chi prova il bocchino del becco stesso. Controproducente secondo me, magari sbaglio ma onestamente a me la voglia scappa... ma io non faccio testo
    Bluesax
    Ten. Selmer Super Action 80 serie I
    Ten. Amati Toneking Silver '57 (Stencil Keilwerth Toneking)
    Otto Link STM NY 7*,Dolnet '50 103, Atti PYTHON 8
    Lebayle 8, V16 T7 hr
    Sopr. Werner Roth Silver '60 - Super Session J

  5. #15
    Si, condivido. Ad una spinta commerciale cosi forte, che si avvale della collaborazione di musicisti molto bravi, penso sia un peccato non avere un supporto di video fatto come si deve. È vero che il suono lo fa chi soffia, ma nel 2016 oramai la prima cosa che si fa è cercare su YouTube un samples il più definito possibile.

  6. #16
    proprio per questo andrò' di persona a provarlo
    Presidente del SottoClub SA 80 Serie I
    socio onorario del club Mark VI Society

    tenor sax:

    Selmer SA80 serie I
    Grassi T460 Jazzy line

    sopr.sax:
    R&C R1

  7. #17
    Bene. Poi ci dirai, anche un parere seppur personale, sarà sempre meglio dei video messi su.
    Bluesax
    Ten. Selmer Super Action 80 serie I
    Ten. Amati Toneking Silver '57 (Stencil Keilwerth Toneking)
    Otto Link STM NY 7*,Dolnet '50 103, Atti PYTHON 8
    Lebayle 8, V16 T7 hr
    Sopr. Werner Roth Silver '60 - Super Session J

  8. #18
    salve ragazzi, sono reduce dalla prova presso Cavalli Musica a Castrezzato (BS).

    Innanzi tutto voglio ringraziare sia lo staff del negozio, sempre disponibile e paziente, e poi lo stesso Mattia CIgalini che ho apprezzato principalmente come persona (sul musicista cosa vuoi dire ...... basta ascoltarlo).

    Veniamo al dunque, ho provato esclusivamente il modello per tenore apertura H che corrisponde a un 115 circa (8 stella scala ottolink).
    L'aspeto e' gradevolissimo, il becco e' di un metallo scuro color antracite satinato, che deriva da una lega nella quale sono presenti minerali in intrusione, visibili ad occhio nudo.
    La forma esterna ricorda quella di un guardala o di un dukoff, tanto per intenderci ma l'innesto sul chiver e' sensibilmente più' lungo e ciio' fa si che il becco calzi in modo perfetto e sia stabile anche nel caso che si debba spostare lungo il sughero per trovare l'accordatura ideale.
    E' un becco stretto e sottile e per questo trovare una legatura ad hoc non e' semplice, il becco viene venduto con una legatura dorata a vite tipo ottolink stm ma un pelo più' lunga (nella confezione c'e' anche il cap).
    Volendo sostituire la legatura ne occorrerebbe una da soprano o da alto stretto ma quella in dotazione comunque funziona bene una volta fissata (la vite pero' e' un pochino dura e si fa fatica a stringerla con gradualità').
    Il becco e' molto confortevole da imboccare per via di un tetto non eccessivamente basso che consente una presa comoda e stabile. Io ho usato un salvabocchino in gomma per mia abitudine ma se ne puo' fare anche a meno giacche' il materiale non si scalfisce e non c'e' possibilità' di lasciare il segno dei denti.
    Internamente si presenta con una discesa senza scalino iniziale che invece e' presente alla fine della discesa prima di entrare nella camera, roll over non accentuato e un facing molto lungo che fa vedere bene l'inizio della camera (stretta).

    Come suona? Eccezionalmente bene.
    E' un becco che fila che e' un piacere, facile facile, resistenza mediobassa ma non per questo il suono che produce e' sottile, anzi ha un suono deciso e con una direzione precisa, suono molto netto anche se bello rotondo e morbido.
    L'ho paragonato al guardala crescent che avevo con me e devo dire che se la gioca benissimo sia in termini di volume (e non e' poco) che di personalità'.
    Il timbro e' caldo per essere un becco in metallo, sicuramente più' scuro del guardala ed e' perfetto proprio per fare jazz, escono dei soffiati bellissimi e dei sovracuti ottimi, si può' spingere finche' si vuole il suono non si rompe mai.
    Becco che dal basso in alto e' omogeneo, non ha picchi e rimane perfettamente equilibrato in tutto il range dello strumento.
    Insomma francamente non saprei trovargli un difetto, veramente.
    E' un becco che si adatta a tutti i generi ed anche chi ha poca dimestichezza secondo me puo' suonarlo talmente e' friendly e immediato.

    Il modello da tenore costa 399 euro e sul prezzo influisce sicuramente la produzione al momento di nicchia e la necessita' di scaricare a terra l'investimento sopportato per la ricerca e lo sviluppo.
    E' sicuramente un prodotto di fascia alta come qualità' costruttiva e pertanto se lo paragono ai suoi concorrenti di alto lignaggio tutto rientra nella normalità'.
    Vi consiglio, se avete occasione, di provarlo perché' possiate farvene una idea vostra ma vi assicuro sin da ora che ne varrà' la pena.
    Non ho una prova audio purtroppo e al momento dovete fidarvi della mia opinione.

    Grazie ancora a Mattia, persona di una modestia e cortesia esemplari rari da trovare in un musicista del suo livello (giuro che non mi ha regalato alcun becco .....), per avermi dato la possibilità' di provare le sue ottime imboccature.
    Presidente del SottoClub SA 80 Serie I
    socio onorario del club Mark VI Society

    tenor sax:

    Selmer SA80 serie I
    Grassi T460 Jazzy line

    sopr.sax:
    R&C R1

  9. #19
    Oh bene, se non altro una descrizione accurata, al di la dei pessimi video promozionali sentiti fino a questo momento.
    Bluesax
    Ten. Selmer Super Action 80 serie I
    Ten. Amati Toneking Silver '57 (Stencil Keilwerth Toneking)
    Otto Link STM NY 7*,Dolnet '50 103, Atti PYTHON 8
    Lebayle 8, V16 T7 hr
    Sopr. Werner Roth Silver '60 - Super Session J

  10. #20
    Cigalini e' uno splendido performer ma per sua stessa ammissione un pessimo commerciale, e probabilmente avrebbe bisogno di una promozione migliore e più' professionale attraverso video realizzati bene e spendibili soprattutto all'estero giacche' in Italia ha preferito la strada delle presentazioni "di persona" presso i maggiori rivenditori.
    Presidente del SottoClub SA 80 Serie I
    socio onorario del club Mark VI Society

    tenor sax:

    Selmer SA80 serie I
    Grassi T460 Jazzy line

    sopr.sax:
    R&C R1

Pagina 2 di 6 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 registrati e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •