Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 27

Discussione: I pionieri del sax: Edward A. Lefebre (1835-1911) Capitolo 2

  1. #1

    I pionieri del sax: Edward A. Lefebre (1835-1911) Capitolo 2

    Capitolo 2
    ADOLPHE SAX E LA NASCITA DEL SAXOFONO (circa 1840-1857)

    Quando Adolphe Sax inventò il suo sax (c.1840), apparve subito destinato ad avere successo con il suo innovativo strumento. Ebbe sostenitori addirittura prima di aver depositato il brevetto (1846) e non passò molto tempo che il saxofono fu presentato in pubblico per la prima volta presso la Salle Herz a Parigi nel febbraio del 1844.
    Hector Berlioz arrangiò e diresse un suo brano per coro, Chant Sacrée, per il debutto di un sestetto misto (2 trombe, bugle, saxofono basso, 2 clarinetti), composto da strumenti costruiti da Adolphe Sax; in questa performance Sax stesso suonò il sax basso.
    Jean Georges Kastner fu il primo compositore ad includere il sax in una composizione maggiore, includendo il sax basso nella sua opera Le dernier Roi de Juda, eseguito nel dicembre del 1844. Dalla fine del 44 per tutto il 45, Kastner e Sax collaborarono inseme per redarre il Metodo Completo e Sistematico per saxofono.
    Occorre notare che oltre agli esercizi, agli studi e alle trascrizioni di brani della tradizione operistica e sinfonica, Kastner incluse un grande numero di composizioni per saxofono: Variations faciles et brillantes per sax contralto e pianoforte, pubblicato indipendentemente dal metodo nel 1851 da Branous et Cie., un Sestetto scritto per l'intera famiglia dei saxofoni [prima opera per ensemble di sax della storia del 1844 Ndtrad]: 2 soprani in do, un alto in fa, due bassi in do e un contrabbasso in fa (questo lavoro p stato adattato dal saxofonista Sigurd Rascher adottando una strumentazione "moderna", quindi per saxofoni in Sib e Mib. Il lavoro è stato pubblicato da Ethos Pubblications nel 1982).
    A partire dal 1845, i saxofoni vennero incorporati negli organici delle bande militari francesi e, nel 1846, il governo francese approvò il brevetto. Successivamente venne pubblicato il metodo di Kastner. Per un breve periodo, dal 46 al 50, vennero offerti dei corsi di saxofono presso il Gymnase Musical a Paris. Diversi conservatori regionali in Francia offrirono dei corsi di sax come anche numerosi conservatori in Svizzera, Belgio, Spagna e Italia. Non è chiaro quando l'insegnamento del saxofono venne istituzionalizzato in Inghilterra; alcune bande militari Inglesi ebbero in organico saxofoni a partire dal 1848. Nel 1850 il direttore e impresario Louis Antoine Jullien presentò Mr. Souallé come saxofonista solista in un concerto a Londra e nel 1851 a Parigi.
    Negli anni a seguire, Souallé diede concerti in Europa, India e Australia. All'inizio del 52 fu Henry Wuille il saxofonista solista di Jullien, eseguendo la sua composizione "Fantasia" per saxofono e piano.
    A partire dal 1850, diversi compositori iniziarono a includere saxofoni nelle loro composizioni. Nel 1851 Limander de Nieuwenhove, un allievo di François Fétis incluse una parte di Sax Contralto nel suo Le Chateau de la barbe bleu. Da quel momento sia Fétis che Berlioz pubblicizzarono tessendone le lodi i "nuovi effetti" che potrebbero essere introdotti in orchestra utilizzando la famiglia dei saxofoni.
    In effetti, un quartetto di sax (S, A, A, Bs) fu incluso per la prima volta da J. F. F. Halévy nella sua opera Le Juif errant; nella prima tenutasi nel 23 aprile 1852 a Parigi, Adolphe Sax suonò ancora una volta il suo sax basso.
    Secondo Halévy: "Questo primo tentativo in musica di un ensemble di nuovi strumenti, i quali sono senza alcuna analogia, ci fa realizzare che effetti fino ad oggi ignoti possono essere ottenuti dall'orchestra sinfonica".
    Questo quartetto di sax, che appare solo nelle ultime pagine della partitura di Halévy, fu utilizzato per descrivere l'ascesa dello spirito in cielo.
    Siccome il compositore utilizza i saxofoni esclusivamente nel suddetto episodio, ciò può essere considerata una chiara dichiarazione di come Hlévy intendeva il timbro del saxofono. Come Berlios sentiva delle forti analogie con il timbro del violoncello, Halévy sentiva delle sonorità paradisiache e celestiali.

    Nel 1853-54, l'orchestra di Jullien attraversò l'atlantico per un tour negli Stati Uniti, eseguendo la Santa Claus Symphony (1852) del compositore di Philadelphia William Henry Fry che impiegò un sax soprano nell'organico. Fry utilizza anche un soprano, un tenore e un basso nel suo Hagar in the Wilderness e un tenore nel poema sinfonico The Dying Soldier, entrambi scritti e eseguiti nel 1854.

    Una delle prime composizioni per sax solista e grande organico strumentale (orchestra di fiati militare) è datata nel 1855: Les souvenirs de Paris di J. Garrouste.
    A parte il sax solista, l'orchestra militare francese La Garde Républicaine incluse in organico non meno di 8 sax (2 soprani, 2 alti, 2 tenori, 2 baritoni) a partire dal 1856. Jean Georges Kastner, amico di Sax non che primo a comporre opere per saxofono, incluse di nuovo due saxofoni nel suo Le voix de Paris.
    Nel corso della sua prima decade di vita, il saxofono fece nota la sua presenza egualmente nel continente europeo come in quello americano, e importanti compositi notarono questo strumento. Berlios, paladino di A. Sax e dei suoi strumenti, scrisse diversi articoli tra il 1840 e il 1850 offrendo supporto al saxofono.
    Nell'edizione rivista del A Treatise upon Modern Instrumentation and Orchestration, pubblicata nel 1855, Berlioz ricapitola il contributo di Sax alle famiglie di strumenti a fiato: "Il Signor Sax ha perfezionato diversi vecchi strumenti, come io ho già indicato nel corso di questo lavoro. In più ha colmato alcune lacune esistenti nella famiglia degli ottoni. Il suo merito principale ciononostante è la creazione di una nuova famiglia di strumenti completata soltanto diversi anni addietro, utilizzando un'ancia singola, un becco da clarinetto e costruito di ottone. Questi sono i saxofoni. Questa nuova voce data all'orchestra possiede rare e preziose qualità: dolce e penetrante nelle note acute, piena e morbida nel grave, profondo e espressivo nel suo registro medio. In somma è un timbro "sui generis", offrendo vaghe analogie con il suono del violoncello, del clarinetto e del corno inglese ed è vestito in un abito in qualche modo d'ottone il quale offre il suo particolare suono.
    Il corpo dello strumento è un cono parabolico di ottone munito di un sistema di chiavi. La sua agilità lo rende appropriato per passaggi di una certa velocità, come anche per delle graziose cantilene e pensierosi effetti.
    Il saxofono può essere utilizzato con grandi vantaggi in tutti i generi musicali, ma soprattutto nei brani lenti e dolci.
    Il timbro del registro acuto dei saxofoni gravi ha un qualcosa di travagliato e dolente mentre le note gravi al contrario hanno una calma grandiosa o per così dire, pontificale.
    Tutti i sax, e principalmente il baritono e il basso, hanno la capacità di aumentare il volume e di far morire il suono, con un risultato sonoro inaudito fino ai nostri giorni nel registro grave della scala degli effetti e in una certa maniera simile a quello dell'armonium.
    Il timbro del sopranino è molto più penetrante di quello dei clarinetti in Sib o in Do, ma senza la durezza e acidità comune al clarinetto piccolo in Mib. Lo stesso vale anche per il soprano. Nell'avvenire compositori talentuosi trarranno grandi vantaggi dal saxfono combinato con la famiglia dei clarinetti o introducendo lo strumento in altre combinazioni che sarebbe un'imprudenza provare a predire.
    Lo strumento può essere suonato con grande facilità; le posizioni sono simili a quelle dell'oboe e del flauto. I clarinettisti che hanno già famigliarità con l'imboccatura, possono diventare maestri del suo meccanismo in brevissimo tempo."

    Il saxofono sembra destinato alla grandezza, ma nonostante le grandi lodi, Berlioz non utilizzò mai il saxofono in un'opera originale.
    In ogni caso, è interessante (se non spiacevole) notare che la parte autografa de La damnation de Faust include due sistemi bianchi all'inizio dell'ultimo movimento “Ciel Scène” destinati a un sax in Mib a a un sax in Bb! Possiamo soltanto supporre il motivo per cui non vennero utilizzati. In certo senso è sorprendente come Franz Liszt sia stato piuttosto entusiasta riguardo alle creazioni di Sax.
    Dopo aver visitato Sax a Parigi, Liszt scrisse le seguenti parole a Joseph Joachim: "... Sax si è prodotto per il nostro beneficio sulla sua grande famiglia di saxofoni, saxhorn, saxtuba, etc... Alcuni di questi (specialmente i saxofoni alto e tenore) possono essere estremamente utili anche nella nostra orchestra regolare e l'insieme ha un effetto realmente magnificente."
    Nonostante questo promettente punto di vista sulla nuova famiglia di strumenti, Liszt non incluse i saxofoni in nessuna delle sue partiture. Questo fatto può essere spiegato dal fatto che l'etablishment musicale tedesco fu fortemente alleato con il costruttore di strumenti musicali Wilhelm Wieprecht, con il quale Sax ebbe aspri diverbi riguardanti i brevetti.
    Di certo non fece male avere importanti compositori come Berlioz e Liszt che parlano in favore di A. Sax e della sua nuova famiglia di strumenti, ma di sicuro se questi compositori avessero utilizzato il saxofono nelle loro partiture il futuro dello strumento come una voce stabile dell'orchestra sinfonica sarebbe stato più sicuro.
    Il compositore Gioacchino Rossini ha aiutato Sax ha far approdare lo strumento in Italia. Dopo aver udito per la prima volta il sax affermò che "è il più bel suono che abbia mai sentito".
    Nonostante attorno alla metà dell'800 si fosse virtualmente ritirato come compositore, Rossini convinse il Conservatorio di Bologna ad adottare gli strumenti di sax. Successivamente dei corsi di sax furono aggiunti al programma di studi. Rossini incluse dei sax nel suo La Corona d'Italia, scritto per banda militare nel 1868.
    All'inizio del 1855, Adolphe Sax avviò una piccola casa editrice a Parigi, pubblicando alla fine non meno di 36 composizioni per saxofono (solo e ensemble). A partire dalla fine del 1850 il saxofono in francia acquisì uno status che era riservato a strumenti con una ben più lunga tradizione. Classi speciali per militari vennero create presso il prestigioso Conservatoire de Paris a partire dal giugno 1857. Adolphe Sax stesso venne nominato come insegnante di sax. Ciò portò il saxofono all'attenzione di molti musicisti, compositori e all'etablishment musicale in generale. Fino a questo punto, solo una manciata di compositori sapeva dell'esistenza di questo strumento e ancora meno si sono cimentati nella composizione di opere originali. Tutto questo cambiò radicalmente nel 1857: a causa dell'istituzionalizzazione dell'insegnamento del sax di alto livello, si moltiplicarono le opere originali scritte per saxofono.
    Molti brani furono eseguiti dai saxofonisti durante gli esami sostenuti alla fine di ogni anno di studio (molte di queste composizioni furono pubblicate da Sax). Jean Baptiste Singelée, violinista belga, fu il primo tra il 1857 e il 1864 a scrivere per saxofoni al Conservatoire de Paris, scrivendo oltre trenta brani per sax solista e per ensemble di saxofoni di tutti i tipi. A Singelée è attribuita la composizione dei primi concerti e quartetti di sax (lungamente fuori catalogo, il suo Premier Quatuor op. 53 è stato ricostituito per strumenti moderni da J. M. Londeix nel 1977).
    Altri compositori Europei dell'800 hano dedicato opere per saxofono solista (e quartetto di sax) come ad esempio Joseph Arban, Friedrich Baumann, Léon Chic, Jules Demmersseman, Hyacinthe Klosé, Louis-Adolphe Mayeur, Raymond Moulaert, Jean-Nicholas Savari, Jérôme Savari, and Jean-Baptiste-Victor Mohr. Il compositore america no Caryl Florio contribuì componendo almeno due quartetti di sax, un quintetto per 4 sax e piano e un solo con accompagnamento orchestrale.
    Il saxofono godette di una relativa approvazione nell'arco di meno di due decadi e ancor prima del suo brevetto del 1846 furono scritte un metodo, repertorio originale e passi d'orchestra.
    Probabilmente il sax è un caso senza precedenti nella storia degli strumenti musicali per essere stato adottato in così breve tempo nelle orchestre militari e nei conservatori dell'Europa occidentale.
    Inoltre, preminenti compositori ottocenteschi hanno tessuto le lodi di Adolphe Sax e dei suoi saxofoni, favorendo l'utilizzo in orchestra sinfonica.
    Per permette al saxofono di sopravvivere e da ultimo per prosperare com strumento "colto", c'era (e c'è) bisogno di virtuosi in grado di presentare e provare i meriti musicali del saxofono.
    Compositori, direttori, musicisti e amanti della musica esposti a un'espressione artistica di alto livello proposta sul saxofono inizieranno ad intendere lo strumento come un attraente ed essenziale membro della famiglia dei legni.
    Il saxofonista virtuoso Edward A. Lefebre prese a cuore questa causa nella metà del 1850 divenendo un modello esemplare per il mondo con lo scopo di "portare lo strumento a una larga approvazione". Il suo lavoro si rivelò essere stupefacente.
    Dal sopranino al baritono R&C
    http://www.davidbrutti.com

  2. #2

    Re: I pionieri del sax: Edward A. Lefebre (1835-1911) Capito

    E qui si potrebbe aprire un bel dibattito in quanto dal mio punto di vista il fatto di essere un prodotto dell'era "industriale" (non parlo di procedimenti ma della mentalità e del modo di agire), nato quindi dalla combinazione di voler fornire uno strumento che possa aumentare le possibilità espressive dell'epoca e al contempo dalla necessità di fare cassa rifornendo i corpi bandistici militari, accaparrandosi i numerosi appalti, ha comunque contribuito a relegare lo strumento in una dimensione quasi esclusivamente bandistica e a tenerlo li fino all'alba del '900.

    Peraltro i saxofonisti dell'epoca assecondavano questa tendenza esibendosi in performance comprendenti brani di bravura di sicuro impatto per il pubblico ma di scarsissimo interesse musicale, tendenza che purtroppo ci portiamo dietro fino ad oggi (vedi ad esempio il Paganini fatto con il sax che oltre che essere di cattivo gusto porta indietro il nostro strumento all'alba dei tempi...)

    Per lo sviluppo del sax ha fatto di più una musicista dilettante e di sicuro mediocre (come ci è stato riferito da Debussy), ma amante della buona musica come la Hall piuttosto che tutti i virtuosi dell'800.
    Dal sopranino al baritono R&C
    http://www.davidbrutti.com

  3. #3
    L'avatar di Tblow
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Località
    quasi Austria o quasi Slovenia
    Messaggi
    1,052

    Re: I pionieri del sax: Edward A. Lefebre (1835-1911) Capito

    Grazie anche di questa interessantissima seconda parte :D
    un bel sax tenore
    un bel sax contralto
    qualche bel bocchino
    e ance LIBERE . . . sempre

  4. #4

    Re: I pionieri del sax: Edward A. Lefebre (1835-1911) Capito

    Ciao David è molto ineressante,potresti fornirci un riferimento bibliografico o una fonte anche per questo articolo?

  5. #5

    Re: I pionieri del sax: Edward A. Lefebre (1835-1911) Capito

    Molto interessanti entrambi i capitoli. Grazie per il tuo contributo.
    Tenore Selmer Mark VI
    Alto Cannonball Big Bell Stone Series
    Soprano Yamaha YSS 675
    Wind Control. Yamaha WX5

    My Music Blog: http://jazzsounddevelopment.blogspot.com/
    Sax On The Tube: http://saxonthetube.blogspot.it/

  6. #6

    Re: I pionieri del sax: Edward A. Lefebre (1835-1911) Capito

    Citazione Originariamente Scritto da Rag
    Ciao David è molto ineressante,potresti fornirci un riferimento bibliografico o una fonte anche per questo articolo?
    Stessa cosa!
    Sax soprano Yamaha 475 II, s90 170, ance vandoren 3 blu

  7. #7

    Re: I pionieri del sax: Edward A. Lefebre (1835-1911) Capito

    EDWARD A. LEFEBRE (1835*-1911): PREEMINENT SAXOPHONIST OF THE NINETEENTH CENTURY by JAMES RUSSELL NOYES
    Submitted to The Manhattan School of Music in partial fulfillment of the requirements for the degree of Doctor of Musical Arts
    Dal sopranino al baritono R&C
    http://www.davidbrutti.com

  8. #8

    Re: I pionieri del sax: Edward A. Lefebre (1835-1911) Capito

    riconfermo l'interesse per l'articolo, ma ci sono delle cose che non mi risultano, tipo l'acquisto di strumenti da parte del Conservatorio di Bologna ed altre cose sparse qua e là..sarebbe interessante indagare..
    magari nella tesi sono citate fonti e/o archivi ancora poco spolverati in Italia..tuttavia, ripeto, mi suona strano, non ho mai avuto la possibilità di avere della documentazione a riguardo né sono riuscito a risalire a niente del genere rovistando tra giornali, cronache mostre, cataloghi dell'epoca..
    Qualche anno fa il Galpin Society Journal mi ha passato, da controllare, un articolo di una studiosa fiorentina sul sax in Italia..a tratti era molto interessante, se riesco a trovarlo ve lo posto

  9. #9

    Re: I pionieri del sax: Edward A. Lefebre (1835-1911) Capito

    La fonte riguardante l'acquisto di sax da parte del conservatorio di Bologna è di Wally Horwood, Adolphe Sax: his life and his legacy, ed in ogni caso non mi suona strana visto che poco più di dieci anni dopo la Rampone inizia a fabbricare i primi sax (forse i primi sax di fabbricazione italiana?) come testimoniato presso il museo di Quarna dagli strumenti ivi conservati.
    Per quanto riguarda dei corsi di sax presso il conservatorio di Bologna, potrebbero essere stati dei corsi para-militari riservati esclusivamente a membri dei corpi di stato o semplicemente corsi complementari riservati a clarinettisti. Bisognerebbe chiedere in segreteria se hanno della documentazione relativa a quel periodo.
    In ogni caso, in Italia il sax arrivò presto, molto presto...

    Quali altre frasi ti risultano errate?
    Dal sopranino al baritono R&C
    http://www.davidbrutti.com

  10. #10

    Re: I pionieri del sax: Edward A. Lefebre (1835-1911) Capito

    E in ogni caso, questo capitolo è più una introduzione generale per capire su quale background storico si muoveva il nostro "eroe"
    Dal sopranino al baritono R&C
    http://www.davidbrutti.com

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 registrati e 1 ospiti)

Discussioni Simili

  1. I pionieri del sax: Edward A. Lefebre Capitolo 4-B
    Di David Brutti nel forum Saxofono classico
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 14th December 2012, 11:12
  2. I pionieri del sax: Edward A. Lefebre Capitolo 4-A
    Di David Brutti nel forum Saxofono classico
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 14th August 2012, 12:44
  3. I pionieri del sax: Edward A. Lefebre (1835-1911) Capitolo 3
    Di David Brutti nel forum Saxofono classico
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 11th May 2012, 09:04
  4. I pionieri del sax: Edward A. Lefebre (1835-1911) Capitolo 1
    Di David Brutti nel forum Saxofono classico
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 4th May 2012, 00:36

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •