PDA

Visualizza Versione Completa : Sax e compressore



PJ
8th October 2009, 22:52
Ciao a tutti,
suono spesso live e con gruppi dove ci si trova coinvolti nella classica "gara" del rialzo del volume.
A questo tipo di competizione non posso partecipare a causa del mio mic a condensatore (AKG C419P) che è estremamente sensibile e va in larsen se solo tocco le manopoline del mio preamp, sto imparando a smanettare sulle frequenze con qualche discreto risultato.
Tuttavia noto che spesso molte frequenze vengono coperte dagli altri (specialmente i medio - bassi che il mio chitarrista letteralmente distrugge), stavo valutando 2 ipotesi:
- un mic dinamico (ma quale?)
- un compressore.

La domanda è molto semplice: cosa ne pensate? Ha senso per voi? :lol:

FrankRanieri
8th October 2009, 23:26
Al limite un mic dinamico, ElettroVoice (detto anche il cannone...) che si comporta come un condensatore...
Però direi seriamente ai tuoi compagni di gruppo di suonare più piano, sennò non ha senso... :mha!(
Frank

KoKo
8th October 2009, 23:29
fate la gara al ribasso del volume, che è meglio per tutti se volete veramente suonare insieme :D
una volta che avete un volume omogeneo del gruppo è pure piu' semplice farlo uscire fuori se dovete suonare in grandi spazi.

tzadik
9th October 2009, 11:33
:BHO:

Generalmente un clip si utilizza proprio quando ci sono problemi di innesco: nel senso che la capsulina del clip rimane molto più vicina alla sorgente (lo strumento) e quindi si riesce ad avere un isolamento migliore.
Non è soltanto una questione di ripresa bisogna anche tenere conto che nel microfono non entri altra roba... Un clip dovrebbe scongiurare questo.
Personalmente ho provato recente il C519 che è simile al tuo C419... e non mi è piaciuto per niente: 1) molto rumoroso, sia elettronicamente sia meccanica (tirava dentro parecchio i tasti), 2) troppi medio alti e "poco spessore". È un clip secondo me adatto a un trombone, per un sax...

Detto questo la cosa più logica da fare è una gara "al ribasso"...
Prima però comincerei a chiedermi dove si origina il larsen: spie, PA... etc, etc... valutando la tipologia di casse che utilizzate come spie e/o come PA e come sono trattate (eventuale equalizzazione)
Anche un preamplificatore può fare la sua buona parte in negativo: spesso sono presenti 2 manopole gain/drive e output/trim. Aumentando una delle 2 tu senti un aumento di volume ma non è la stessa cosa aumentare una o l'altra manopola!

Un compressore serve praticamente a niente per eliminare il feedback... fa altre cose interessanti ma non evitare il feedback

Federico
9th October 2009, 15:50
Quoto tzadik sul fatto che con il comp. non si elimina il feedback :mha...: Se ti vuoi prendere un buon dinamico ti consiglio il Sennheiser MD 421 detto il biscottone http://cgi.ebay.it/Sennheiser-Mikrofon- ... 286.c0.m14 (http://cgi.ebay.it/Sennheiser-Mikrofon-MD-421-II-Professional-Audio-MD421_W0QQitemZ120476825909QQcmdZViewItemQQptZDE_E lektronik_Computer_Audio_Hi_Fi_Mikrofone?hash=item 1c0cfa7935&_trksid=p3286.c0.m14)

FrankRanieri
9th October 2009, 15:55
Sai che io l'ho avuto il "biscottone" MD421-II e non mi è piaciuto tantissimo...non so perchè ma non lo sentivo vivo...sicuramente io non sono stato in grado di settarlo bene ma con i condensatori mi sento più a mio agio...
De gustibus...non sputakkiandum est... :ghigno:

Federico
9th October 2009, 16:04
Sai che io l'ho avuto il "biscottone" MD421-II e non mi è piaciuto tantissimo...non so perchè ma non lo sentivo vivo...sicuramente io non sono stato in grado di settarlo bene ma con i condensatori mi sento più a mio agio...
De gustibus...non sputakkiandum est... :ghigno:

Caro Frank, sicuramente i condensatori sono meglio senza ombra di dubbio, ::saggio:: però se ha problemi di volume, di larsen o suoni con un marshall distorto dietro le spalle, dei costretto ad usare un dinamico :zizizi))

FrankRanieri
9th October 2009, 16:07
Caro Frank, sicuramente i condensatori sono meglio senza ombra di dubbio, ::saggio:: però se ha problemi di volume, di larsen o suoni con un marshall distorto dietro le spalle, dei costretto ad usare un dinamico :zizizi))

Ciustissimo...!! :zizizi))
Io lo usavo in casa per registrare qualcosa in tranquillit* ma non mi piaceva molto il suono...

tzadik
9th October 2009, 16:17
Io ho avuto l'MD-441... e usato parecchie volte il MD-421... tra i 2 preferisco il 441... però ***** rispetto ad altri dinamici sembrano veramente "tappati". :mha...:
In compenso se trovi un vintage con tutto i pezzi diventa un bel pezzo da collezione... quando ho rivenduto il 441 che era del '74, ci ho guadagnato sopra: l'ho venduto a un collezionista che l'avrebbe comprato anche se non funzionante (botta di culo!)... :mha!(

Poi però ho comprato un paio di dinamici SUPER! :yeah!)

FrankRanieri
9th October 2009, 16:23
Io l'ho rivenduto allo stesso prezzo di acquisto, ma era davvero immacolato...

tzadik
9th October 2009, 16:36
Anche il mio ex 441 era immacolato... ma era un "vintage"... :lol:

PJ
10th October 2009, 11:41
Ragazzi, mi sono spiegato male.
Il mio quesito è: dato che non posso giocare alla gara a rialzo perchè con il mio microfono a condensatore va subito in larsen e dato che giocando con l'equalizzazione ho ottenuto discreti risultati, un compressore mi aiuterebbe ad emergere nel marasma di suoni collettivo?

Ma soprattutto, nelle condizioni cui sono solito suonare, ha senso un mic a condensantore oppure mi conviene cercarne uno dinamico?
Eventualmente quali dinamici validi a clip ci sono in giro? Io mi muovo tantissimo mentre suono, il biscottone sarebbe davvero un limite!

tzadik
10th October 2009, 13:15
La risposta "generale" al tuo quesito è: no, un compressore non potrebbe aiutarti!

Torno a ribadire, la gara al rialzo si può limitare, se hai a che fare con professionisti si suona bene anche senza avere volumi da stadio sul palco!
Il larsen può essere generato da un insieme da fattori... è inutile aggiungere pezzi alla catena, è più importante capire a che livello si origina il larsen di preciso!
Un compressore cosa fa? Un compressore prendere l'energia di un certo segnale e la ridistribuisce meglio durante la durata di questo segnale, in modo da avere una "densit* di energia" più uniforme nell'arco di durata del segnale, per fare questo "comprime".

Come ho gi* ribadito, anche se non hai un clip proprio professionale, da un clip ci caverai sempre fuori più volume che non da un microfono fisso per i motivi spiegati sopra... detto questo se il microfono "fischia" vuol dire che c'è qualche cosa che non va nella gestione! (anche se hai un clip molto "rumoroso" non può che essere così!)

Clip dinamici che io sappia ne esistono: forse solo quello della SD Systems (e c'era il D409 della AKG: in-usabile sul sax!!!), ma visto che non hai ancora capito perchè fischia è inutile cercare altri clip... poni il caso che il problema sia una eccessiva premplificazione su un banco economico (con conseguente incrudimento nel suono), con un microfono a clip il problema verrebbe ulteriormente amplificato perchè su un dinamico hai bisogno di ancora più preamplificazione

Saxmachine
17th October 2009, 17:19
piuttosto che di un compressore tu avresti bisogno di una cassa spia, o di un ear-monitor.
un microfono a condensatore non risolverebbe i tuoi problemi anzi li aggraverebbe non poco.

tzadik
17th October 2009, 20:08
Un clip ha senso a condensatore... un clip dinamico rischia di essere troppo "veloce" e di suonare molto molto "frammentato"...

Penso che il problema di PJ sia indipendente dal tipo di monitoraggio: i volumi con una spia wedge possono comunque alzarsi perchè devi considerare anche eventuali amplificatori vari ed eventuali e la batteria (se il batterista non suona bene se suona piano... e capita anche tra i professionisti, l'unica è il plexiglass).

Il monitoraggio in ear... è quanto mai delicato se vuoi usare le cuffiette... con una certa facilit* ha senso che tutti abbiano le cuffiette... in quel modo riesci ad abbassare i volumi ma soprattutto eviti il feedback.... però per essere quasi "certo" non avere feedback dovresti eliminare ogni tipo di spia wedge quindi ogni possibilit* di rientro: ok che sulle centraline ear-monitor ci sono i limiter... prova immaginare se ti si innesca un fischio a 5000/6000 Hz del SM58 del cantante dritto nelle orecchie!

Senza considerare che per ottenere un buon suono in cuffia... ti va via molto più tempo e ogni variazione di livelli diventa molto più delicata...

La soluzione più plausibile, SECONDO ME, rimane quella di avere delle "spie" vere e proprie per il monitoraggio... spie non cassa da PA: quindi diffusori possibilmente più precisi e con una minore diffusione delle frequenze... e possibilmente avere quelle spie "equalizzate" ad hoc.

http://www.youtube.com/watch?v=dIDqyrKvytg