PDA

Visualizza Versione Completa : Franceschini: Investiamo sul Jazz



Shadow
12th June 2014, 11:19
http://insideart.eu/2014/06/11/100896/

runtujazz
12th June 2014, 11:36
...aaaaaaaaalloraaaaaa stiamo a cavallo. Bella quella dei requisiti per accedere ai fondi, chissÓ quali saranno... doh!

docmax
12th June 2014, 13:25
Niente non Ŕ!

runtujazz
12th June 2014, 13:30
Niente non Ŕ!


...???

ptram
13th June 2014, 16:54
Mi aspetto uno dei soliti bandi in cui sembra di vedere il ritratto del beneficiario. Probabilmente dovrÓ essere un flicornista sardo trapiantato a Bologna, un pianista milanese con esperienze di trasmissioni didattiche in televisione e trasmissioni comiche alla radio, o un trombettista giuliano che ha suonato spesso con il pianista milanese.

La cifra stanziata dovrebbe bastare a garantire il sussidio a tre o quattro musicisti. La vedo dura impiegarla per una campagna di promozione su scala nazionale.

Paolo

runtujazz
18th June 2014, 17:32
...annuntio vobis che in questi giorni alla Casa del Jazz a Roma Ŕ in corso la Festa dell'UnitÓ...

ptram
18th June 2014, 17:36
Le cose capitano sempre per puro caso. Quando si dice, la forza del destino!

Pi¨ che un bando, una banda di... (boccaccia mia...)

runtujazz
21st June 2014, 17:44
Tanto per riprendere il discorso su come vengono fatte le cose in Italia e in particolare una che riguarda proprio Franceschini e un fiume di denaro che riguarda la musica (anche):

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/06/21/copia-privata-la-sconfitta-della-legalita-e-della-trasparenza/1035223/

fcoltrane
21st June 2014, 20:43
ed io che pensavo a Bob Franceschini ehehehehehe

Rag
22nd June 2014, 12:43
Trovo ridicolo qualsiasi intervento di questo genere. Lo stato che vuole salvare la musica? Dovrebbe prima cessare di essere la causa principale dei suoi (della musica) problemi.

grellesk
15th January 2015, 16:04
Da quello che ho letto il bando che e' scaduto lo scorso mese ha offerto mezzo milione di euro. Vediamo come saranno distribuiti questi soldi e soprattutto se creeranno cose positive anche per il territorio in cui vivono i musicisti.