Pagina 3 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 31

Discussione: Placcatura e laccatura: che differenza c'è?

  1. #21
    Moderatore L'avatar di Il_dario
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    CISNUSCULUM Isola_delle_noci_e_pappagalli
    Messaggi
    7,956
    Ci sono placcature a spessore , fatte con preparazione specifica e pulitura della lastra sottostante fatte in modo che il metallo riportato (argento o oro) una volta depositati siano durevoli nel tempo.
    Ci sono altri metodi che non garantiscono questa durata : ho avuto tra le mani un Borgani Pearl Gold e la doratura superficiale tendeva a venire via, la sensazione era che il trattamento galvanico effettuato era di base nichel sulla lastra di ottone e poi un successivo trattamento con deposito di finitura molto superficiale.


    Schiaccio e baratto ergo sum
    Metronomico della "Ostello Quarna Nightmare Band"
    Anche se gioco in casa "il_padrino della cupola"
    Sax_Gallery

  2. #22
    La procedura utilizzata per placcare in oro il mio Mark VI, è stata la seguente:
    - smontaggio dello strumento in ogni sua parte
    - pulitura di ogni singolo pezzo, ma senza utilizzo di agenti chimici o abrasivi potenti
    - immersione delle parti in vasca elettrolitica, assieme ad un lingottino di oro 24 carati
    Mi hanno spiegato che l'oro si sarebbe staccato dal lingotto per andarsi a depositare sulle parti dello strumento. Così almeno mi hanno spiegato.
    Io posso dire che il risultato è stato veramente straordinario. La cosa più soprendente è che tutta l'incisione sulla campana che prima era abbastanza sbiadita, adesso ha preso vigore ed è molto visibile oltrechè bella. Ora sono trascorsi credo più di quattro anni e ancora non ho dovuto nemmeno pulire con un pannol o strumento perchè è sempre come nuovo.
    S 991 Yanagisawa
    A Mark VI + Meyer NW
    T Mark VI + Dukoff fluted
    B Mark VI + Jody jazz

  3. #23
    Credo che il "lingottino" sia solo per scaldare gli animi... :)
    Di solito vengono usate soluzioni dove hai già soluzioni con discolti ioni di oro Au3+ (che poi andranno a "ridursi" sulla base metallica): questo permette di lavorare con amperaggi più bassi e bagni galvanici meno "tossici" (probabilmente il processo risultat anche più controllabile, in termini di uniformità di spessore.

    Ma mai dire mai... alla fine conta il risultato, no? :)

  4. #24
    Moderatore L'avatar di Il_dario
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    CISNUSCULUM Isola_delle_noci_e_pappagalli
    Messaggi
    7,956
    Spesso per le lavorazioni artigianali non usano le soluzioni , ma lingottini o polveri : infatti è più facile determinare "quanto" oro e stato usato e "quanti" euri far pagare.


    Schiaccio e baratto ergo sum
    Metronomico della "Ostello Quarna Nightmare Band"
    Anche se gioco in casa "il_padrino della cupola"
    Sax_Gallery

  5. #25

    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    manfredonia (FG)
    Messaggi
    559
    Il Borgani che ho io ha ancora la laccatura (o placcatura) ancora intatta, non considerando le normali macchie. Si tratta comunque di uno strumento del 1999. Evidentemente il quel periodo la procedura usata era piuttoto azzeccata, rispetto ad altre.
    Sax tenore Borgani Jubelee Madreperla oro. Dave Guardala Traditional (hand made) model
    Flauto Muramatsu SR con testata in oro 9k
    Sax soprano Yanagisawa S 900 bocchino JJ DV.

  6. #26
    Citazione Originariamente Scritto da Il_dario Visualizza Messaggio
    Spesso per le lavorazioni artigianali non usano le soluzioni , ma lingottini o polveri : infatti è più facile determinare "quanto" oro e stato usato e "quanti" euri far pagare.
    NO, ti prego non ricordarmi gli euro spesi............................
    S 991 Yanagisawa
    A Mark VI + Meyer NW
    T Mark VI + Dukoff fluted
    B Mark VI + Jody jazz

  7. #27
    Citazione Originariamente Scritto da Il_dario Visualizza Messaggio
    Spesso per le lavorazioni artigianali non usano le soluzioni , ma lingottini o polveri : infatti è più facile determinare "quanto" oro e stato usato e "quanti" euri far pagare.
    Infatti è una figata...
    Perchè così non paghi l'oro (o il materiale nobile) che si è depositato sullo strumento, ma paghi l'oro che si è staccato dal lingotto... e quindi paghi anche l'oro che è rimasto in soluzione.


    Partendo dalla soluzione... tutto diventa più semplice.
    Mi viene difficile pensare che dove fanno lavorazioni galvaniche non abbiano un minimo di attrezzatura di base che troveresti in un laboratorio chimico (per fare una titolazione, per esempio).

  8. #28
    Moderatore L'avatar di Il_dario
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    CISNUSCULUM Isola_delle_noci_e_pappagalli
    Messaggi
    7,956
    Ti viene difficile pensarlo perché sei un teorico e i libri che leggi insegnano la strada giusta da percorrere, spesso però nella realtá "artigianale" la pratica é diversa : non dico che sia giusta , solo diversa !

    Comunque , a peso o in soluzione , chiedono sempre parecchi soldini per fare i trattamenti galvanici "a regola d'arte"


    Schiaccio e baratto ergo sum
    Metronomico della "Ostello Quarna Nightmare Band"
    Anche se gioco in casa "il_padrino della cupola"
    Sax_Gallery

  9. #29
    Ciao Zard, a proposito di laccatura/placcatura, ma il SiverSonic Gold Inlay (quello con le foglie dell'incisione sulla campana in oro zecchino) e' "gold plated" nelle parti dorate del fusto e dello storto, come mi e' parso di capire in questo sito http://www.saxpics.com/?v=gal&a=1943 (questo alto viene appunto descritto "Finish: Gold Plated)? O ci si riferisce solo alle foglie dell'incisione sulla campana ed il resto e' laccato?
    Questo e' il gemello del mio http://www.saxophone.org/museum/saxo...en/327/viewAll e anche questo http://www.saxpics.com/?v=gal&a=1963 (in questo caso anche la custodia e' identica)
    Mi sembra che anche il tuo fosse così; ma lo hai ancora?
    Questo invece e' il "laquer" http://www.saxophone.org/museum/saxo...en/328/viewAll e anche questo http://www.saxpics.com/?v=gal&a=1966
    S MK VI
    A MK VI/KING SS '63/KING SS '71
    T MK VI/SBA/KING SS '64
    Clar. in SIb B&C RC/Patricola CL2
    Clar. in DO LaRipamonti 105

  10. #30
    Ti sembrerà strano, ma pur avendolo avuto tra le mani per anni non ti saprei rispondere con certezza. Fortunatamente l'ho venduto ad un mio carissimo amico/collega con il quale ci vediamo molto spesso. L'ho guarderò in quest'ottica e spero di poterti dare una risposta precisa.
    S 991 Yanagisawa
    A Mark VI + Meyer NW
    T Mark VI + Dukoff fluted
    B Mark VI + Jody jazz

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Discussioni Simili

  1. Restauro MK VII con placcatura in argento
    Di Rosario Giordano nel forum Contralto
    Risposte: 40
    Ultimo Messaggio: 11th December 2012, 13:15
  2. Risposte: 55
    Ultimo Messaggio: 27th December 2011, 20:49
  3. Problema con la laccatura
    Di manuelpg nel forum Manutenzione
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 12th February 2011, 20:28
  4. Laccatura si, laccatura no
    Di Simone Borgianni nel forum Manutenzione
    Risposte: 71
    Ultimo Messaggio: 23rd September 2010, 19:37
  5. rifare la laccatura
    Di ersasso nel forum Manutenzione
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 8th October 2008, 19:32

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •