Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12

Discussione: Problema intonazione note acute - sax Ripamonti V- Jazz Custom VI

  1. #1

    Problema intonazione note acute - sax Ripamonti V- Jazz Custom VI

    ciao, chiedo se anche ad altri capita quello che è capitato a me. qualche mese fa ho acquistato un bellissimo ripamonti v jazz custom satinato argentato... suono pieno e poderoso, mi piaceva proprio molto. dopo qualche giorno però mi accorgo che le note acute (dal RE al FA, quella del palmo della mano sx per capirci) erano tutte crescenti, anche di un aquarto di tono. faccio provare il sax anche al mio insegnante, musicista professionista, che riscontra in effetti il problema. torno al negozio durante un workshop di un sassofonista / artigiano e insieme al venditore mi vendono un chiver da lui prodotto che grazie al flusso d'aria diverso in effetti corregge il problema di intonazione. per un pò suono con questo nuovo setup, ma la settimana scorsa ritiro fuori il chiver originale. il suono non è paragonabile, il chiver originale da un corpo bellissimo al suono che non voglio perdere.
    qualcuno ha sperimentato per caso la stessa cosa?
    ho chiamato anche in Ripamonti e in maniera molto disponibile mi hanno detto che adesso valutano il problema e mi fanno sapere
    intanto se qualcuno ha commenti in merito sono ben accetti
    grazie ciao
    Tenore: L.A. Ripamonti V- Jazz Custom-VI - Dukoff 8* / Aizen TSLS 9 / Drake SOS 8
    Alto: Selmer SA 80 II - Meyer 7
    Soprano: L.A. Ripamonti V-Jazz - Jody Jazz

  2. #2
    Hai fatto controllare lo strumento da un tecnico?

    Che il problema sia reale l'hai appurato... ma un tecnico può dirti se dipende da una errata messa a punto dello strumento o se dipende dal design dello strumento.

    Mi sembra strano che sia una questione di chiver però... se fosse il chiver i problemi li avresti più distribuiti sulle note dove apre il portavoce sul chiver (... ma non è solo quello purtroppo).
    Però è comunque una cosa che puoi verificare: ti basta suonare le note alte palmari palmari e verificare cosa succede all'intonazione.

    Per questi test usa sempre un paio di accordatori differenti.
    Se sono digitali, verifica di non usare pile ricaricabili.
    Verifica anche a quanto vuoi accordare (440 Hz o 442 Hz)... potrebbe essere semplicemente che lo strumento è settato diversamente dall'accordatura che stai misurando.

    (Puoi farti una tabellina in Excel... per visualizzare la divergenza percentuale tra 440 Hz e 442 Hz).


    Ci sono diversi aspetti da valutare per misurare l'intonazione di uno strumento: l'intonazione "statica" e il "pitch tendency".
    Alcuni strumenti su alcune zone tendono ad avere una intonazione più "caratteristica".
    Non sono cose immediate da misurare.

    Quando mi chiedono di valutare l'intonazione di uno strumento, premesso che lo strumento sia in condizioni tali da poter dire che l'intonazione non sia inizialmente influenzata altri fattori (tamponi che non chiudono...)... mi ci vuole più di qualche prova per comprendere bene almeno l'intonazione.

    L'ideale è sempre avere dietro 3 o 4 bocchini e ance di svariato tipo e rigidità.
    L'intonazione è influenzata sia da chi suona, sia da cosa stai usando per suonare lo strumento.

    Avere uno strumento molto alto in pitch non necessariamente significa che lo strumento suona meglio. Succede spesso che per impressionare chi suona, lo strumento venga settato "alto" di pitch... ma questo comporta conseguenze non trascurabili (e non preveidibili) anche sul suono.

    Inoltre ogni regolazione che fai lo strumento non influenza linearmente il pitch... quindi anche il tecnico deve essere sensibile.


    ... questo non toglie che sull'esemplare che hai possano esserci stati problemi in fase di costruzione o semplicemente un controllo di qualità che ha fallito.

  3. #3
    ho un sax tenore identico al tuo ma con finitura dark vintage satinato anno 2012
    non noto alcun problema di intonazione
    utilizzo una dozzina di becchi tra cui Dukoff vintage e Aizen ma TSSL
    concordo che il sax ha un bellissimo suono !

    tienici informati su cosa dirà/farà Ripamonti che è sempre molto disponibile come i suoi collaboratori

  4. #4

    Data Registrazione
    Aug 2015
    Località
    Padova ma Milanese
    Messaggi
    50
    Buonasera, anch'io per il custom VI in rame mi sono rivolto direttamente da Ripamonti. Gentili e disponibili ed ovviamente ti settano lo strumento in modo ottimale.
    Sax tenore S.A.80 II Jubilee
    Selmer Soloist-Otto Link Stm
    Legere Signature
    Fisarmonica super Lucchini Stradella

  5. #5
    Mi meraviglio che avendo consultato un tecnico non abbia controllato l'apertura delle chiavi palmari sinistre.......
    Di solito questo problema se non ci sono problemi seri di costruzione, si risolvono regolando l'apertura delle chiavi.
    Nel tuo caso che sono crescenti, devi diminuire l'apertura.
    Per creare spessore e diminuire l'apertura , prova a mettere del nastro adesivo sul sugherino del palmare , magari creando più strati finchè non senti la nota intonata.
    Inizia dal re , e controlla con l'accordatore se l'intonazione migliora man mano che riduci l'apertura.
    Ricorda quando fai l'ottava di mantenere la stessa emissione di fiato per esempio dal re medio basso al re acuto.
    Se così risolvi, e credo che dovresti risolvere al 90%, dopo dovresti sostituire il sugherino del palmare con uno più spesso equivalente agli strati di nastro adesivo usato più il sugherino originale.
    Naturalmente controllerai tutte le altre chiavi palmari sinistre gradualmente fino al fa o fa#.

  6. #6
    questo aspetto dell'altezza delle chiavi (nel tuo caso palmari ) è un bel problema.

    la mia esperienza è che in relazione alla intonazione rilevano alcuni aspetti (ancia bocchino emissione impostazione ) in maniera determinante.
    purtroppo l'intonazione è un concetto che non è solamente riferibile alla altezza della nota ma alle relazioni del suono inteso nel suo complesso.

    spesso può accadere (a me è successo di verificarlo con una miriade di sax ) che si ottenga una action (altezza chiavi al risparmio) che ti consente una intonazione perfetta ma "povera" .
    le alternative sono due o tre :
    o ti adegui alla linea di pensiero "dominante tra i riparatori" e abbassi come dice anche Mspecial quelle chiavi palmari.
    (ma potresti rendere il suono povero ma intonato)
    o modifichi l' altezza di tutte le altre chiavi alzandole cercando di trovare un punto di equilibrio dal punto di vista della intonazione ed omogeneità.
    (questo è un lavoro davvero complicato perchè devi poterlo fare con un riparatore che non soltanto sappia farlo ma che ti consenta di lavorare insieme : ogni apertura influenza in maniera determinante le relazioni tra le note e tutta una serie di aspetti secondari .)
    altro aspetto che devi considerare in questa seconda ipotesi è la tua capacità e consapevolezza in relazione alla emissione e gestione della impostazione.
    potresti essere costretto a riconsiderare l'emissione che diventa più difficoltosa e la azione delle dita che diventa più lenta nonchè una maggiore difficoltà a riempire il buco tra due note che desideri legare.

    di recente mi è successo più o meno la stessa cosa .
    prima di ritamponarlo faccio provare il mio sax ad un professionista e pur riconoscendo un suono straordinario identifica nella parte delle palmari un problema :
    rispetto alla sua abitudine ed al suo setup risultava crescente.
    il problema è che nel mio caso e con il mio setup questo non succedeva .
    dove sta la verità ?
    sax tenore selmer sba 1948 mk6 m 114906 bocchino francois louis

    ancia di plasticazza (bari) m

  7. #7
    La verità è che il suono te lo costruisci negli anni.
    È un processo che per qualcuno è più lungo, per qualcun altro è molto complicato...
    ... per pochissimo invece è una cosa naturale.

    ... ma l'intonazione la puoi misurare in maniera insindacabile.

    Altra cosa da ricordare è che ogni persona può avere delle tendenze personali nell'intonazione, tendenze che poi vengono mitigate o amplificate in peggio dallo strumento (sia dal tipo di strumento sia come è settato).

    I fattori su investigare sono molteplici... ma se la nota rimane intonata è più facile gestirla.
    Viceversa... invece.

    Quello che è complicato fare è fare settaggi di fino.
    ... cambi ancia = può cambiare leggermente la tendenza per l'intonazione.
    ... cambi bocchino = può cambiare leggermente la tendenza per l'intonazione.

    Quindi bisogna trovare un "punto di ottimo", variando alcuni parametri (postura, bocchino e ance) e vedere come procedere.

  8. #8
    dal canto mio posso dire che con buona pazienza e una limetta per le unghie sono riuscito a sistemare il sax come preferisco .
    sulle palmari l'intervento è stato semplice , un po più complicato per tutte le altre chiavi .
    magari ne parlerò diffusamente in altro messaggio.
    sax tenore selmer sba 1948 mk6 m 114906 bocchino francois louis

    ancia di plasticazza (bari) m

  9. #9
    Grazie a tutti per le risposte e gli interventi! ho provato a ridurre la corsa della palmari come consigliato, ma ho avvertito una "perdita" nel suono.
    successivamente sono riuscito a parlare direttamente col sig. Ripamonti che molto gentilmente è rimasto al telefono con me e mi ha consigliato di provare ptima di tutto a controllare l'emissione e quindi lavorare sul come io produco quelle note. sicuramente mi sta costando un pò di fatica e attenzione ma sicuramente sto ottenendo risultati tangibili. per il momento non voglio abbassare la corsa delle palmari per non perdere in qualità del suono. poi vediamo. sicuramente a complicare la cosa ultimamente sto provando diversi becchi (Aizen TSLS 9 e Drake SOS 8) ... ma quanto è bello studiare e ricercare e provare e riprovare... grazie a tutti perchè mi siete molto di aiuto!
    scusate se ho tardato nella risposta ma non sono molto pratico dell'utilizzo del forum
    ciao
    D
    Tenore: L.A. Ripamonti V- Jazz Custom-VI - Dukoff 8* / Aizen TSLS 9 / Drake SOS 8
    Alto: Selmer SA 80 II - Meyer 7
    Soprano: L.A. Ripamonti V-Jazz - Jody Jazz

  10. #10
    Un consiglio che posso darti se solo alcune note non sono intonate è quello di prendere un intonatore cromatico o una tastiera e di far suonare la nota di interesse, finché non ce l'hai chiarissima in testa. Te la puoi cantare anche, in modo da "farla tua".

    Poi suonala al sax, prestando attenzione che il la nota "ti canti" bene all'orecchio.

    Infine controlla con l'intonatore. Potresti scoprire che hai iniziato a suonarla intonata.

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •