Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 16 di 16

Discussione: Ben Wendel e Bob Reynolds provano alcuni sax

  1. #11
    Citazione Originariamente Scritto da Danyart Visualizza Messaggio
    boh, io invece continuo a notare un appiattimento stilistico dei saxofonisti attuali, emettono le note in maniera molto simile, ovviamente entro certi limiti, mentre nel periodo '50-60 ti trovavi dexter, ayler, coltrane, rollins, young getz, tutti diversissimi, boh
    niente di più vero... mi sembra di assistere all'intenzione di: ti sparo un sacco di note incasinate, ti confondo, non dicendoti nulla
    Tenore: Selmer SBA 49xxx
    Tenore: Selmer Mark VI 98xxx
    Tenore: Selmer Reference 36
    Algola Mark I (0.108")
    Rigotti Jazz 3M/3H - D'Addario jazz select 3H

  2. #12
    Se uno ti parla con un linguaggio che non conosci, non significa che lui non sta comunicando.
    Significa soltanto che tu non capisci quello che sta dicendo.

    Normale evoluzione. Come il linguaggio orale, anche il linguaggio improvvisativo e compositivo si evolve.

    Già è complicato confrontare personalità musicali che hanno operato nella stessa epoca, essendo o meno coetanei (Lester Young non era coetaneo né di Stan Getz, né di Coltrane).
    Figuriamoci confrontare personalità di epoche differenti, quando anche il mondo attorno a noi "cambia" ogni 5/10 anni.
    Si vende un "must" per coltraltisti nostalgici del vintage: Mouthpiece Café Espresso #6 per sax alto .

  3. #13
    Non sono forse stato chiaro in quello che volevo dire, io noto un appiattimento stilistico nell'emissione delle note, nel modo di porgerle, proprio dal punto di vista strumentale, che può anche essere bellissimo e perfetto ma a MIO PARERE, viene dal fatto che ormai tutti i grandi musicisti hanno studiato in qualche grossa scuola dove gli dicono cosa devono fare da quando si alzano a pisciare fino a quando vanno a dormire, forse così si capisce meglio! detto questo, invece, paradossalmente, attualmente ci sono mooooolte ma moooolte più direzioni stilistiche dal punto di vista musicale, tanto che dire jazz sembra riduttivo...e questo è il bello della musica attuale, dove dire contemporaneo mi fa quasi ridere, perchè tutto o quasi lo è
    Tenore Grassi ammaccato '77
    Tenore Grassi Wonderful slaccato '77
    Ottolink metal STM Usa 7*, Rigotti 3,5 Strong

    Alto Grassi '76 stonato ma bellissimo, Ottolink HR 7*, rigotti 3 strong

    LEGGERE IL REGOLAMENTO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  4. #14
    Secondo me bisogna rassegnarsi al fatto che gli USA sono diversi da noi e cercare di non viverlo come una sconfitta.
    L'energia che ha prodotto il Bebop qui non c'é mai stata.
    Amen; abbiamo altro di valore, anche per loro.

  5. #15
    https://www.youtube.com/watch?v=xgKXyy_oP90
    ascoltate un po quando si confronta con altri tenoristi di alto profilo.
    qui con W Smith III un altro sassofonista che suona niente male.
    e qui con Redman https://www.youtube.com/watch?v=tGPZ6aLWcnI

    direi che è meglio non stuzzicare il canadese .
    sax tenore selmer sba 1948 mk6 m 114906 bocchino francois louis

    ancia di plasticazza (bari) m

  6. #16
    ... è bravino anche sul fagotto.

    Si vende un "must" per coltraltisti nostalgici del vintage: Mouthpiece Café Espresso #6 per sax alto .

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •