Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123
Risultati da 21 a 24 di 24

Discussione: SaxToClar: Ritorno al futuro... ma col dubbio...

  1. #21
    Come puoi vedere sul sito vandoren,tra i due becchi che hai (e son buoni) e il 5jb ci passa un'enorme differenza d'apertura e quindi anche di maggiore quantità d'aria e una differente impostazione. Vedrai che non riuscirai ad usare le canne di 3 almeno all'inizio (a meno che tu non abbia un compressore al posto dei polmoni) e che aumenteranno le difficoltà di intonazione:provalo attentamente,in maniera preventiva si può solo dire che c'è la stessa differenza tra i primi due e il terzo che passa tra prendere l'autostrada in direzione nord o sud:dipende da dove vuoi andare!
    il nero

  2. #22
    grazie per la tua opinione.

    per ora sono fermo e rifletto!
    vedremo se prenderò questo famigerato becco!

  3. #23
    Mi sono trovato nella stessa situazione di Shu qualche anno fa. Non suonavo il clarinetto da una vita (ovviamente in favore dei saxofoni) e ho dovuto gestire delle situazioni in cui avrei dovuto suonare il clarinetto. Questa esperienza, attraverso tentativi ed errori, mi ha portato a comprendere un po di cose:
    1. Cercare di riportare sul clarinetto i parametri di insufflazione, attacco delle note, posizione della testa e delle labbra ecc. che avevano successo sul saxofono è completamente controproducente.
    2. Nella scelta delle ance e dei bocchini da utilizzare sul clarinetto orientarsi sulle esperienze acquisite con becchi e ance per sax, ovvero cercare corrispondenze tra i parametri dei bocchini per sax e quelli per clarinetto, per trovare magari una sensazione (almeno in bocca) più "saxofonistica" è controproducente al massimo grado. In questo senso, nella mia esperienza, le sperimentazioni con 5Jb e altri becchi molto aperti non hanno avuto molto successo.
    3. Confrontandomi con diversi "doublers" ho verificato che la maggior parte evitano set-up estremi sia sul sax che sul clarinetto. Su quest'ultimo, in particolare vanno per la maggiore aperture medie con ance medie.
    4. La via più facile è la più ovvia: Pensare al clarinetto come uno strumento dove va sviluppata un'impostazione di clarinetto per ottenere un suono di... clarinetto! (Dimenticarsi il sax quando si suona il clarinetto).

    Alla fine, dopo varie sperimentazioni, ho trovato un'equilibrio valido per me (e soprattutto sfruttabile in situazioni che variano dalla classica al jazz ) con un bocchino Rico Reserve X10 e ance Vandoren Traditional 3/3,5.

  4. #24
    ti ringrazio!

    per ora vado avanti un po con quello che ho, magari provo legature diverse tra quelle che già ho.
    e soprattutto note lunghe e studio.

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •