Risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: Buescher per studio pre accademico o altro?

  1. #1

    Buescher per studio pre accademico o altro?

    Hola !

    Sto pensando ad un sax alto per studio. L'alto non è il mio taglio di sax preferito, suono il tenore ed ambisco a cimentarmi con il saxello, tuttavia, per potere sostenere gli esami del pre accademico, devo per forza di cose suonare tre brani per alto e pianoforte. Gli esami, ovviamente, sono basati su brani di musica classica ed avendo l'alto, tra i sax, il più ampio repertorio per tale musica, sto pensando ad un sax per suonarci la musica classica.

    Da quello che so, anche se il mio maestro (come quasi tutti i suoi colleghi) vede solo selmer, il buescher è perfetto per la musica classica (vedi Raschèr e Raschèr saxophone quartet): suono scuro, intonato e raffinato. Tuttavia, il problema nasce dal fatto che con lo strumento ci devo anche studiare, quindi deve essere comodo da usare. La mia domanda quindi è: quale tipo di buescher, pur mantenendo il suo proverbiale suono, possiede la meccanica (con il Fa# acuto) idonea per poter effettuare lo studio senza le problematiche dei vintage in mano a dei pivelli?

    Gracias a todos los saxofonistas
    ... buon sax, sempre !!!

  2. #2
    Moderatore L'avatar di Il_dario
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    CISNUSCULUM Isola_delle_noci_e_pappagalli
    Messaggi
    7,985
    I Buscher veri (con il suono che hai in mente tu ) hanno una meccanica "vintage" , e non sono adatti (e forse nemmeno ammessi) ai corsi !
    I Buescher (di nome) nuovi sono sax contemporanei orientaleggianti ...
    Vedi un po' tu


    Schiaccio e baratto ergo sum
    Metronomico della "Ostello Quarna Nightmare Band"
    Anche se gioco in casa "il_padrino della cupola"
    Sax_Gallery

  3. #3
    Hola Il_dario,

    In realtà mi hanno detto che scale (con relative articolazioni, arpeggi, salti) e studi li posso suonare con il tenore, sono i solo i tre brani di alto e pianoforte che devo suonare con l'alto. Qualsiasi alto, basta che esegua quei brani.

  4. #4
    Moderatore L'avatar di Il_dario
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    CISNUSCULUM Isola_delle_noci_e_pappagalli
    Messaggi
    7,985
    Il problema non é l'alto che suona bene oppure no, il problema é la meccanica con cui lo suoni, se troppo diversa, avrá anche un bel suono, ma tu fai fatica e devi dedicarci tanto tempo per acquisire i meccanismi.
    Fatti prestare un alto contemporaneo, o affitalo ; poi pensi ad acquistare il sax che ti piace


    Schiaccio e baratto ergo sum
    Metronomico della "Ostello Quarna Nightmare Band"
    Anche se gioco in casa "il_padrino della cupola"
    Sax_Gallery

  5. #5

    Data Registrazione
    Dec 2014
    Località
    Da qualche parte nel Varesotto
    Messaggi
    93
    Il_dario ha totalmente ragione. Per uno che studia in accademia la priorità è la meccanica. Nei Buescher e derivati stencil dei modelli True Tone e/o Aristocrat, i modelli che Rascher utilizzava per la classica, il castelletto delle alterazioni è totalmente diverso da quelli moderni. Le chiavi alte sono un po' corte per chi ha le mani grandi, e le chiavi del do e del do diesis basso non sono nè grandi e neppure angolate come quelle dei sax moderni. Se poi l'alto non è il tuo sax di preferenza è inutile la ricerca spasmodica del suono, ma piuttosto è più utile la ricerca di uno strumento funzionale e dal discreto suono. Solo chi ha sempre suonato sax vecchi (come me) probabilmente si troverebbe meglio con un Buescher rispetto ad un sax "moderno". Saluti
    Sax Alto: Selmer Bundy 1969 s/n 514xxx
    Becco: Otto Link Tone Edge Ebanite *8
    Ancia: Vandoren V16 2,5

  6. #6

    Data Registrazione
    Sep 2011
    Località
    Condove ( Torino )
    Messaggi
    18
    Ciao Rapanello , io abito a Condove in provincia di Torino .
    Se sei delle mie parti puoi venire a trovarmi così ti faccio provare il mio Buescher Truetone del 1930 e il 275 Yamaha .
    Così in mezz'ora con un confronto in diretta ti fai un'idea delle differenze di meccanica tra i due .
    Per il suono ...... preferisco chiaramente il Buescher ma questo può essere soggettivo ...
    Ciao Maurizio
    Non mi rimane abbastanza tempo per imparare tutto quello che vorrei sapere ....

  7. #7
    Ciao Rapanello. Io al momento, oltre a un tenore Selmer, ho due Buescher (un tenore Aristocrat e un alto Big B). Strumenti prodotti alla fine degli anni quaranta e all'inizio dei cinquanta. Dal punto di vista timbrico e dell'intonazione sono eccezionali e da un punto di vista meccanico sono in una posizione intermedia fra le meccaniche vintage tipo Conn e l'impostazione moderna della meccanica che nasce con Il Balanced Selmer. Personalmente, suonando jazz e musica improvvisata, mi trovo benissimo. Hanno anche la caratteristica di essere molto leggeri. Ma condivido quanto scrivono AntoSax e Il_dario: nei conservatori sono poco interessati alla "personalità" timbrica e tutto verte sulla correttezza esecutiva e sullo sviluppo di una buona capacità interpretativa del testo. Quindi un Selmer, uno Yamaha o uno Yaganisawa possono andare benissimo per lo scopo. Ma il suono di un alto Buescher o Conn è tutta un'altra storia...
    Selmer Balanced Action 28XXX tenore
    Buescher Aristocrat III 346XXX tenore
    Buescher Big B 328XXX alto
    Clarinetto alto Buffet Prestige
    Theo Wanne Ambika HR 8 (t)
    Selmer D (cl)[/color][/b]

  8. #8
    Grazie infinite per i preziosi consigli. Stando così le cose penso che la soluzione migliore sia quella di orientarmi su un Selmer 80 II, ma solo ed unicamente se ci sarà una vera occasione. Altrimenti farò diversamente.

    Grazie !!!!!
    ... buon sax, sempre !!!

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •