Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Buescher per studio pre accademico o altro?

  1. #1

    Buescher per studio pre accademico o altro?

    Hola !

    Sto pensando ad un sax alto per studio. L'alto non è il mio taglio di sax preferito, suono il tenore ed ambisco a cimentarmi con il saxello, tuttavia, per potere sostenere gli esami del pre accademico, devo per forza di cose suonare tre brani per alto e pianoforte. Gli esami, ovviamente, sono basati su brani di musica classica ed avendo l'alto, tra i sax, il più ampio repertorio per tale musica, sto pensando ad un sax per suonarci la musica classica.

    Da quello che so, anche se il mio maestro (come quasi tutti i suoi colleghi) vede solo selmer, il buescher è perfetto per la musica classica (vedi Raschèr e Raschèr saxophone quartet): suono scuro, intonato e raffinato. Tuttavia, il problema nasce dal fatto che con lo strumento ci devo anche studiare, quindi deve essere comodo da usare. La mia domanda quindi è: quale tipo di buescher, pur mantenendo il suo proverbiale suono, possiede la meccanica (con il Fa# acuto) idonea per poter effettuare lo studio senza le problematiche dei vintage in mano a dei pivelli?

    Gracias a todos los saxofonistas
    ... buon sax, sempre !!!

  2. #2
    Moderatore L'avatar di Il_dario
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    CISNUSCULUM Isola_delle_noci_e_pappagalli
    Messaggi
    7,803
    I Buscher veri (con il suono che hai in mente tu ) hanno una meccanica "vintage" , e non sono adatti (e forse nemmeno ammessi) ai corsi !
    I Buescher (di nome) nuovi sono sax contemporanei orientaleggianti ...
    Vedi un po' tu


    Schiaccio e baratto ergo sum
    Metronomico della "Ostello Quarna Nightmare Band"
    Anche se gioco in casa "il_padrino della cupola"
    Sax_Gallery

  3. #3
    Hola Il_dario,

    In realtà mi hanno detto che scale (con relative articolazioni, arpeggi, salti) e studi li posso suonare con il tenore, sono i solo i tre brani di alto e pianoforte che devo suonare con l'alto. Qualsiasi alto, basta che esegua quei brani.

  4. #4
    Moderatore L'avatar di Il_dario
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    CISNUSCULUM Isola_delle_noci_e_pappagalli
    Messaggi
    7,803
    Il problema non é l'alto che suona bene oppure no, il problema é la meccanica con cui lo suoni, se troppo diversa, avrá anche un bel suono, ma tu fai fatica e devi dedicarci tanto tempo per acquisire i meccanismi.
    Fatti prestare un alto contemporaneo, o affitalo ; poi pensi ad acquistare il sax che ti piace


    Schiaccio e baratto ergo sum
    Metronomico della "Ostello Quarna Nightmare Band"
    Anche se gioco in casa "il_padrino della cupola"
    Sax_Gallery

  5. #5

    Data Registrazione
    Dec 2014
    Località
    Da qualche parte nel Varesotto
    Messaggi
    89
    Il_dario ha totalmente ragione. Per uno che studia in accademia la priorità è la meccanica. Nei Buescher e derivati stencil dei modelli True Tone e/o Aristocrat, i modelli che Rascher utilizzava per la classica, il castelletto delle alterazioni è totalmente diverso da quelli moderni. Le chiavi alte sono un po' corte per chi ha le mani grandi, e le chiavi del do e del do diesis basso non sono nè grandi e neppure angolate come quelle dei sax moderni. Se poi l'alto non è il tuo sax di preferenza è inutile la ricerca spasmodica del suono, ma piuttosto è più utile la ricerca di uno strumento funzionale e dal discreto suono. Solo chi ha sempre suonato sax vecchi (come me) probabilmente si troverebbe meglio con un Buescher rispetto ad un sax "moderno". Saluti
    Sax Alto: Selmer Bundy 1969 s/n 514xxx
    Becco: Otto Link Tone Edge Ebanite *8
    Ancia: Vandoren V16 2,5

  6. #6

    Data Registrazione
    Sep 2011
    Località
    Condove ( Torino )
    Messaggi
    17
    Ciao Rapanello , io abito a Condove in provincia di Torino .
    Se sei delle mie parti puoi venire a trovarmi così ti faccio provare il mio Buescher Truetone del 1930 e il 275 Yamaha .
    Così in mezz'ora con un confronto in diretta ti fai un'idea delle differenze di meccanica tra i due .
    Per il suono ...... preferisco chiaramente il Buescher ma questo può essere soggettivo ...
    Ciao Maurizio
    Non mi rimane abbastanza tempo per imparare tutto quello che vorrei sapere ....

  7. #7
    Ciao Rapanello. Io al momento, oltre a un tenore Selmer, ho due Buescher (un tenore Aristocrat e un alto Big B). Strumenti prodotti alla fine degli anni quaranta e all'inizio dei cinquanta. Dal punto di vista timbrico e dell'intonazione sono eccezionali e da un punto di vista meccanico sono in una posizione intermedia fra le meccaniche vintage tipo Conn e l'impostazione moderna della meccanica che nasce con Il Balanced Selmer. Personalmente, suonando jazz e musica improvvisata, mi trovo benissimo. Hanno anche la caratteristica di essere molto leggeri. Ma condivido quanto scrivono AntoSax e Il_dario: nei conservatori sono poco interessati alla "personalità" timbrica e tutto verte sulla correttezza esecutiva e sullo sviluppo di una buona capacità interpretativa del testo. Quindi un Selmer, uno Yamaha o uno Yaganisawa possono andare benissimo per lo scopo. Ma il suono di un alto Buescher o Conn è tutta un'altra storia...
    Selmer Balanced Action 28XXX tenore
    Buescher Aristocrat III 346XXX tenore
    Buescher Big B 328XXX alto
    Clarinetto alto Buffet Prestige
    Theo Wanne Ambika HR 8 (t)
    Selmer D (cl)[/color][/b]

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •