Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 16

Discussione: Soprani fascia medio/alta: Yanagisawa, Selmer, Sequoia, Yamaha....

  1. #1

    Soprani fascia medio/alta: Yanagisawa, Selmer, Sequoia, Yamaha....

    Ciao a tutti, sono in procinto di acquistare il mio primo sax soprano, e mi piacerebbe discutere con voi le diversità di queste marche sopra citate.
    Ho letto praticamente tutti gli articoli del forum, ma questi risalgono già a qualche anno fa, quindi avrei avuto piacere avere qualche opinione più recente...

    Il suono che mi interessa è più classico, non pratico jazz. L'unico soprano che ho suonato un po' di volte è stato un Yamaha Yas275 di un mio amico.

    Ho avuto modo di provare i Sequoiaqualche settimana fa, e dopo aver inserito il collo curvo (con quello dritto le note basse battevano, sicuramente per una mia impostazione sbagliata) ho cominciato a suonare senza nessun problema, dalle note più basse fino al sol sovracuto (questo un minimo di fatica la vuole).
    Ho provato sia il Soprano Lemon, che il K91 (tra l'altro una versione nuova, modificata rispetto a quella solita).
    Per chi non lo sapesse, i modelli lemon sono strumenti che hanno il fusto lasciato allo stato naturale, senza laccatura. Invece i K91 sono costruiti a partire da una lega contenente il 91% di rame, che dona un bel colore rossastro ma non solo: anche il suono è diverso!
    Che dire: mi sono proprio piacuti.

    Ora veniamo agli altri:
    Selmer: sono un felice possessore di un contralto SA80 II Jubilee e di un tenore SA80 standard, quindi un test ai selemr è d'obbligo anche se ho sentito commenti non proprio piacevoli e anche su Youtube il suono mi è sempre parso anonimo...
    Yamaha: non mi interessano particolarmente, quando avevo provato il contralto i Custom non mi hanno entusiasmato.

    Yanagisawa: sono loro il punto critico del discorso: pareri online dicono che sono i migliori soprani esistenti, sono belli, intonati, precisi, ecc...
    Vorrei assolutamente provarli, ma ho un piccolo problema con i rivenditori: il più vicino secondo le mie ricerche si trova a Bergamo (non faccio il nome, ma è molto conosciuto). Qualcuno ne conosce di più vicini a Treviso?
    Una cosa che mi lascia un po' perplesso sugli Yana è il fatto che dal sito sembrerebbe che sul 991 e 901 non ci siano i risuonatori di metallo, ma solo in plastica...mi sembra strano, sarebbe una mancanza abbastanza grossa su strumenti di questa fascia.
    Poi, la differenza di prezzo tra il S991 e l'S901 è proporzionata rispetto alla diversa fattura?

    Un grazie a chiunque ha letto, e BUON NATALE!
    Se qualcuno mi riesce ad aiutare, un grazie ed un prosecchino virtuale di ringraziamento!!

    Manuel

  2. #2
    Posso metterti una pulce nell'orecchio ?
    Come mai hai scartato i soprani di casa Rampone e Cazzani ?
    (Garbarek suona un loro soprano curvo two voices)
    Sul mercatino musicale ci sono due soprani curvi molto interessanti (non sono miei ovviamente)
    Roberto
    Tenore R1 jazz (2010)
    www.hifi4all.it

  3. #3
    Me li ero dimenticati... anche quelli sono belli!
    Anche per gli R&C avrei lo stesso problema degli Yana, cioè trovare un rivenditore.

    Adesso faccio un giro sul mercatino, grazie!

  4. #4
    Selmer e Rampone & Cazzani sono soprani per sopranisti: sono strumenti che vanno messi a punto (specialmente i R&C), vanno studiati a lungo.
    Non credo che la scelta vada fatta su uno strumento o sull'altro solo perchè Garbarek, Marsalis, Sam Newborn, Eli Degibri usano certi strumenti invece di altri.

    Soprani di concezione più giapponese permettono di saltare qualche "passaggio pratico": sono strumenti più immediati, permettono più libertà (a vari livelli), esattamente come alti/tenori/baritoni giapponesi.

    Oltre al fattore budget... uno strumento lo prendi anche perchè ha un determinato suono.

    Yanagisawa S99x e S90x sono strumenti radicalmente diversi ed è diverso anche il costo (tra uno e l'altro).
    Risuonatori in metallo vs. risuonatori in plastica: è una scelta di suono, voluta dal produttore... a livello di costo non cambia nulla per il produttore usare risuonatori in plastica al posto di quelli di in metallo.





    Comunque qua stiamo parlando di soprani di fascia alta...

  5. #5
    non suono il soprano, anzi non mi piace molto come taglio...

    però, secondo me, per la spesa che devi fare potrebbe non essere una perdita di tempo e risorse andare a Bergamo o fino a Quarna, ti prendi una giornata e la dedichi a questo. Stai cercando uno strumento nuovo che implica una spesa maggiore di uno usato.
    Se ti organizzi bene non dovresti avere problemi ma solo benefici e vedere realtà diverse fa SEMPRE bene.

    Riguardo Yanagisawa in generale ti dico che 991 e 901 non hanno enormi differenze strutturali. Il 991 lo sentirai più compatto e magari più comodo, ma sono sensazioni a volte personali. Per altri tagli si usa parecchio fare degli ibridi: 901 col collo del 902, ottone e bronzo assieme danno una qualcosa di diverso al suono (principio che anche tu hai notato col k91 vs lemon e com R&C fa col 2 voices).
    Riguardo i tamponi, il risonatore fa la differenza ma non migliora il suono: quelli in metallo non sono di qualità più alta di quelli in plastica (una muta presa da sola costa di più per ovvie ragioni di metriali). la qualità viene data dalla pelle del tampone, dal trattamento, dalla costruzione. Uno può scegliere metallo per avere un suono più brillantato e più proiettato, oppure plastica per un suono più caldo e più tondeggiante.
    Mi viene da pensare che se su entrambi i soprani yani hanno deciso di montare plastica è perchè han visto che con metallo il suono non era quello che piaceva a loro.
    E non sono proprio a conoscenza se su altri modelli e tagli, yanagisawa consideri i risonatori in metallo o monti ovunque quelli in plastica.

  6. #6
    Gli Yanagisawa S90x sono soprani monoblocco quindi non puoi cambiare chiver.
    I soprani Rampone sono ancora soprani monoblocco quindi nemmeno qui puoi cambiare i chiver.
    "Due Voci" vuol solo dire che la campana è di un materiale diverso del corpo: può essere un bene, può essere un male. (il resto è solo estetica...)



    Esisteva un S902R dove il collo era curvo: era stato segato il chiver, piegato, risaldato, rinforzato... e ovviamente era stato ricostruito tutto quello che serviva per farlo funzionare (tutta la meccanica del portavoce delle note più alte).
    Strumento realizzato in pochissimi esemplari, a prezzi un po' proibitivi.

    ---------------------------------------------------------------------
    L'assistenza pre&post vendita e la possibilità di personalizzazione che hai sui Sequoia (non solo sui soprani), sugli altri strumenti industriali, ahimè, te la scordi.

  7. #7
    Citazione Originariamente Scritto da schu Visualizza Messaggio
    ....Per altri tagli si usa parecchio fare degli ibridi....
    materiali diversi danno sfumature diverse. combinazioni di materiali diversi..... danno sfumature diverse.
    molti preferiscono un soprano monoblocco ad un soprano col collo divisibile. inoltre se dividi hai più materiale, meccaniche aggiuntive. più costo. con il benefit di poter inserire colli diversi (oh! magari anche di materiali diversi......)
    la cosa diventa quindi soggettiva!

    ma la domanda è: al primo sax soprano sei in grado di apprezzare e sfruttare queste cose? se guardo me stesso e mi guardo attorno, la risposta è no.

    ot. domanda di pura curiosità senza toni polemici: in cosa consiste l'assistenza pre&post vendita di Sequoia? non conosco e magari viene fuori un benefit che mi potrebbe portare in futuro a viaggiare, se ma dovessi prendere un sax nuovo.

    toranando alla questione originale: se hai possibilità dai una provata anche a Borgani e Keilwerth!

  8. #8
    Moderatore L'avatar di Il_dario
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    CISNUSCULUM Isola_delle_noci_e_pappagalli
    Messaggi
    8,012
    Soprani e non solo : Risuonatori di plastica o metallo : ci era stato spiegato da GB Corti di Yamaha che la scelta di montare sempre risuonatori di plastica anche sui modelli professionali era dettata dalla migliore riproducibilità e nell'ottica di avere un prodotto standard sempre uguale la plastica aiuta, probabilmente Yanagisawa segue le stesse scelte produttive .
    So che ultimamente a richiesta é possibile avere risuonatori di metallo su alcuni prodotti yamaha.
    Soprani : Collo monoblocco o no
    I soprani dritti sono nati con il collo diritto monoblocco, Yamaha ha iniziato a produrre con la serie professionale 62 il famoso collo curvo monoblocco, chiamato YSS 62R. Oggi considerato da qualcuno il Sacro Graal e molto ricercato . A livello di standardizzazione della produzione è sorto quindi il problema di quanti sax produrre con il collo diritto e quanti con il collo curvo , finchè qualcuno non ha avuto la "bella" idea di staccare il collo dal fusto e offrire al mercato un sassofono con entrambi i colli e lasciare al musicista la scelta di quale usare, il maggior costo di fornitura (due colli anzichè uno) è assorbito dalla produzione standardizzata . Chi ne ha fatto le spese a mio parare è la soliditá del sistema: se su un sax alto o tenore la dimensione del tenone é tale da garantire una buona solidità al montaggio , per il soprano l'innesto e la chiave d'ottava sono piccoli e delicati ed é facilissimo romperli o stortarli.
    Personalmente io non acquisterei mai un sax soprano con il collo staccabile e da questo punto di vista la scelta di Rampone&Cazzani , Yamaha per la serie 82Z ed altri produttori che propongono il collo monoblocco è vincente.
    Il fatto di prendere un sax con due colli e modificarlo per avere il collo monoblocco (saldando uno o l'altro a richiesta del cliente) é una modifica che alcuni artigiani (Lordsax é uno di questi) fanno e garantisce soliditá al sistema .

    Una precisazione sul modello Due Voci (Two Voices) di Rampone & Cazzani , prende il nome dall'incisione fatta sulla campana di una famosa acquaforte di Casanova che riproduce le due campane (due voci) del paese di Quarna Sotto dove ha vissuto l'artitsta e dove c'è la fabbrica della Rampone & Cazzani.
    Il fatto di avere due materiali diversi : Argento massiccio per la campana e Bronzo oppure Ottone per il fusto crea una diversa risonanza del sistema e quindi un suono piu ricco e complesso . La scelta di inserire alcune parti di argento massiccio (collo o campana) è una scelta abbastanza diffusa tra i produttori di sax professionali , la King con il famoso SilverSonic o attualmente la Yanagisawa che offre varie soluzioni con argento massiccio.
    Tale scelta impreziosisce il suono e il saxofono e non è dettata solo da una necessità estetica .


    Schiaccio e baratto ergo sum
    Metronomico della "Ostello Quarna Nightmare Band"
    Anche se gioco in casa "il_padrino della cupola"
    Sax_Gallery

  9. #9
    Ciao dico la mia in quanto ho posseduto diversi soprani.
    yanagisawa s992
    Pregi: suono corposo dovuto al bronzo ma vibra meno dell'ottone secondo me
    Difetti : peso maggiore rispetto allo stesso modello in ottone diciamo dai 200 ai 300 grammi in più
    Doppio chiver. Troppo delicato per i miei gusti preferisco il soprano monoblocco per i motivi già espressi da il Dario
    Yanagisawa s901 ottima meccanica ed ergonomia che è la stessa dei modelli 99x con doppio chiver.
    Relativamente leggero (rispetto ai soprani con lega di bronzo rame)
    Ottone vibra di più
    La serie 991 e 901 monta risuonatori di plastica. Nei modelli 992 o 902 in bronzo invece montano quelli di metallo. In questo caso forse fanno risuonare di più il bronzo
    Ciao


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  10. #10
    Il discorso "chiver intercambiale" non è stata una trovata commerciale per semplificare il controllo qualità e rendere meno costose alcune lavorazioni (ma per contro sono stati aggiunti pezzi di meccanica).

    La maggior parte dei soprani monoblocco in circolazioni oggi hanno in realtà il corpo prodotto in due pezzi che poi vengono saldati (saldati, non brasati... saldati!).
    Questo permette di aver maggior precisione sulla parte del corpo che è "corpo" e sulla parte del corpo che è "chiver".


    A livello acustico... c'è da sottolineare il fatto che su strumenti moderni (dal soprano Mark VI) in poi, è previsto che nel calcolo dell'impedenza ci sia una discontinuità vistosa nel canneggio.

    Su alti e tenori... questa discontinuità è messa sul tenone (e infatti ci sono due cm di canneggio cilindrico).
    Sui soprani monoblocco, c'è un "dosso" visibile.
    Sui soprani con il chiver intercambiale... come per alti e tenori, c'è il tenone.


    Detto questo...
    Un soprano con il chiver intercambiabile di fascia alta (si da per scontato che sia "ben assemblato") da meno problemi di un soprano monoblocco "mal realizzato".

    Credo che il 99% di chi suona musica contemporanea (... sassofonisti classici) ad altissimi livelli, usano tutti strumenti con il chiver intercambiale. E se questo, per suonare musica ad alta complessità tecnica (e fisica) non rappresenta un problema, evidentemente il problema non c'è... o è limitato al livello tecnico di chi suona.

    Non idea di come arrivino dalla fabbrica gli Yanagisawa, ma come per alti/tenori/baritoni... se c'è troppo gioco tra tenone e innesto, lo strumento funziona "male" e non solo per una questione di possibili perdite.

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •