Risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: Chu Berry alto da ritamponare?

  1. #1

    Chu Berry alto da ritamponare?

    Salve a tutti, premetto che sono principiante sul sax quindi il mio soffio non è tale da compensare i problemetti che talvolta possono avere gli strumenti. Con un tenore yamaha sto studiando con un bocchino 7 e ancia da 2 senza particolari problemi salvo le note basse dove ancora devo perfezionarmi (non ho nessun problema con bocchini apertura 5) mentre sul chu berry faccio una fatica immensa con apertura 5 (yamaha, soloist e meyer) e sono costretta ad usare ance da 1 o 1,5 oppure da 2 se il pezzo che suono rimane nell'ottava del pentagramma. il sax è stato fermo molti anni ed è stato conservato mettendo tappi di sughero sui tamponi infilati nelle gabbiette di metallo ed ha riposato così. I problemi del conn relativi alla mia emissione è che sembra "mangi aria" nel senso che non riesco a tenere 2 battute come sul tenore. le note basse dal re in giù stridono e vibrano in malo modo pur conservando il suono corretto. Il sax è stato mandato a revisionare 2 volte (perchè il problema non si risolveva) ma con la lucina sembrava che i tamponi tenessero. Ora vorrei risolvere il problema perchè lo stesso pezzo suonato sul tenore e suonato sul conn sembra eseguito da due persone diverse. Il Conn non mi permette buoni legati e nemmeno buoni passaggi da alto a basso inoltre devo ispirare spesso perchè manca aria, sustain e le note finali escono quasi mute. Ora chiedo consiglio a voi se è giusto procedere in questo modo:

    Farlo ritamponare completamente. Se non dovesse risolversi il problema controllare i piattelli e i grani.

    Può essere possibile che non passi la luce ma il sax "sfiati " lo stesso?
    Con le ance sintetiche le cose migliorano ma di poco, preferirei usare le ance in canna ma risulta tutto ingestibile e spesso sono costretta ad intervenire manualmente per alleggerirle
    Sax Contralto Conn New Wonder II 1930 con Selmer Soloist short shank, Meyer anni 70
    Sax Tenore Yamaha YTS 62 MK1 Purple Logo con Vandoren V16

  2. #2
    Moderatore L'avatar di Il_dario
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    CISNUSCULUM Isola_delle_noci_e_pappagalli
    Messaggi
    7,537
    Un controllo e magari un ritamponatura totale sicuramente non fa male ma ricordati una cosa : quando si dice che gli yamaha sono immediatie quindi adatti per imparare , mentre i vintage hanno.un suono nettamente migliore ma.bisogna lavorare per tirarlo fuori , una ragione ci sarà


    Schiaccio e baratto ergo sum
    Metronomico della "Ostello Quarna Nightmare Band"
    Anche se gioco in casa "il_padrino della cupola"
    Sax_Gallery

  3. #3
    È praticamente impossibile caipre dove sta il problema... senza
    1) vedere e provare il sassofono
    2) "vedere" come suoni, osservare come suoni e se è corretto il tuo modo di suonare...


    Le stato di chiusura dei tamponi non è "0" o "1".
    Può verificarsi che lo strumento (con una luce dentro) faccia passare luce... ma comunque chiuda.
    Può verificarsi che lo strumento non chiuda... ma non che ci siano tracce di luce.

    Tieni presente che, una condizione (non è l'unica... ma parliamo di condizioni funzionali dello strumento) per cui l'attacco di una nota sia pulito è che il tempo tra "tampone aperto" e "tampone chiuso" sia il più limitato possibile.
    In questo, ad allungare il tempo di chiusura intervengono vari fattori:
    1) tampone vecchio, quindi indurito nella pelle... ormai indurito anche nel feltro: devi esercitare più pressione per avere la chiusura
    2) il tampone, per via di come è fatta la meccanica del sassofono... chiude in maniera non uniforme lungo il camino. Con il passare del tempo, il tampone tenderà a chiudere più verso il lato dove è imperniata la chiave, cioè dietro (dal lato opposto del palmo della mano).


    Se suoni l'oboe... sull'oboe succede lo stesso fenomeno, soltanto che è il polpastrello che fa da tampone. E se non chiudi bene il foro (con il polpastrello) la nota non esce.

    ---- Qui siamo ancora a livello di condizioni funzionali dello strumento. ----


    Oltre agli aspetti funzionali... secondo me con un'ancia #1 su un bocchino #5 fai molta più fatica che con un ancia #2,5 su un bocchino #5.
    Perchè?
    Perchè se l'ancia è troppo morbida... oltre all'aria che mandi dentro lo strumento devi fare attenzione alla pressione delle labbra sull'ancia.

    La condizione per generare suono è che l'aria entri (con una certa pressione e una certa velocità) dentro lo strumento.
    Se l'ancia è troppo morbida, la pressione esercitata dalle labbra sull'ancia fa "chiudere" l'ancia sul bocchino... quindi hai l'aria non "passa" perchè non riesce a entrare nel bocchino.



    ------------------------------------------------------------
    Morale della favola:
    - fai provare gli strumenti a persone più capaci di te (sul sassofono)
    In base ai dati che ne ricavi...
    - prova ance più dure (... possibilmente non Vandoren... per le Vandoren avrai tempo, negli anni).
    - e (se si riterrà necessario) fai verificaare le condizionio funzionali dello strumento a un tecnico capace.

  4. #4
    Beh i tamponi sono vecchi si, e lo strumento è stato fermo per anni. l'ho fatto suonare ad una persona esperta, il riparatore che gentilmente mi ha risparmiato la sostituzione dei tamponi che alla vista erano messi bene ma probabilmente si erano induriti. Il problema in realtà sono io, che da principiante fatico psicologicamente a sostenere i difetti di suono nel tentativo di "scaldare" lo strumento - nel senso che, se avessi suonato per qualche mese probabilmente i tamponi si sarebbero riassestati in elasticità. Come emissione e suono, lo dico, ancora non ci siamo (ovviamente), sto cercando il mio equilibrio e mi trovo molto meglio sul tenore anche sul suonare con il solo chiver ma come tipo di suono finora mi piace molto il Conn con il soloist e le ance hemke o la voz. In ogni caso il sax ha problemi, sulle note dal re in giù "balbetta" e il problema lo devo risolvere. Ho suonato un altro conn e non avevo problemi (a parte la meccanica a cui ci si deve adattare).

    Altra domanda: il Conn ha un canneggio più largo o più stretto rispetto ad altri contralto moderni?
    Grazie per le risposte
    Sax Contralto Conn New Wonder II 1930 con Selmer Soloist short shank, Meyer anni 70
    Sax Tenore Yamaha YTS 62 MK1 Purple Logo con Vandoren V16

  5. #5
    Secondo me ti sei risposto da solo nel primo post "premetto che sono un principiante". I conn hanno canneggio più largo ma questo dovrebbe facilitarti maggiormente nell'emissione delle note basse. Più che ricercare il suono ora dovresti badare ad altre cose ben più importanti, tipo l'uso del diaframma, l'impostazione del labbro, la giusta altezza delle note...............se le note dal re in giu ti balbettano vuol dire che non spingi con il diaframma in modo costante. Se il sax non è efficiente inoltre si aggiungono solo difficoltà, e per chi è agli inizi non è un bene........
    Sax tenore: Selmer SA80 II serie

  6. #6
    Il diaframma forse è l'unico strumento umano che accomuna tutti gli strumenti a fiato, quello insomma lo so controllare. Il labbro no, devo studiarci. Le note basse escono male, balbettano - nel senso che invece di uscire un dooooooooo esce do-do-do-do-do - non per mancanza di emissione ma...per altri motivi che non so (quando balbetta l'oboe è perchè l'ancia è rifinita male oppure non chiude bene qualche chiave o qualche dito) il sax non lo conosco ancora bene ma la situazione non è normale. Lo riporto a revisionare e vi farò sapere..
    Sax Contralto Conn New Wonder II 1930 con Selmer Soloist short shank, Meyer anni 70
    Sax Tenore Yamaha YTS 62 MK1 Purple Logo con Vandoren V16

  7. #7
    Problema risolto dal riparatore, era la chiave del portavoce, il tampone si era staccato e non chiudeva bene. Il danno non era visibile con la luce interna. Ora è stato sistemato con riserva, forse va cambiato il tampone, vedremo più avanti se dà altri problemi. Ora il sax si comporta normalmente per fortuna...che sollievo!!!
    Sax Contralto Conn New Wonder II 1930 con Selmer Soloist short shank, Meyer anni 70
    Sax Tenore Yamaha YTS 62 MK1 Purple Logo con Vandoren V16

  8. #8
    E' un grande sax,tienilo caro...ed è pure facile. Nei tamponi vecchi,se non hai soldi per sostituirli,passa un po' di crema per le mani,poca,poca e per un po' migliorerà.
    il nero

  9. #9

    Data Registrazione
    Feb 2013
    Località
    Caslino d'Erba (CO)
    Messaggi
    88
    Tra l'altro quando passi sul conn l'emissione risulta di molto facilitata. Quegli strumenti "suonano" anche con gravi problemi meccanici, tamponi che non chiudono e scarsa manutenzione.

    Se li sistemi un attimo tiri fuori una ferrari

  10. #10
    Certo che lo tengo, ora che è a posto suona che è una meraviglia!!! I tamponi vanno abbastanza bene l'unica cosa è che per essere perfetto deve scaldarsi un pò, credo come suggerito che debbano essere un attimino ingrassati, li cambierò più avanti, per ora tengono
    Sax Contralto Conn New Wonder II 1930 con Selmer Soloist short shank, Meyer anni 70
    Sax Tenore Yamaha YTS 62 MK1 Purple Logo con Vandoren V16

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •