Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 17

Discussione: Indecisioni vintage: Conn Chu berry, Buescher true tone, quali altri sax sono simili?

  1. #1

    Indecisioni vintage: Conn Chu berry, Buescher true tone, quali altri sax sono simili?

    Ciao a tutti,
    inizio questo thread (spero lunghissimo) perchè presto (tra un mesetto o due) prenderò un alto vintage.
    I motivi per cui mi sono imbarcato in questa difficilissima scelta: il fascino eterno di questi pezzi di storia del sax, il suono ormai per me troppo "tuppato" dei selmer moderni e varie laccature -sono felice possessore di un SA II per buona parte slaccato con cui suono spesso classica, ma di cui lamento molto spesso la poca consistenza di armonici sul registro grave- soprattutto per il rapporto qualità prezzo: un serie 3 costa 3mila e passa euro e suona meglio un grassi a momenti...per non parlare dell'intonazione orripilante. Preferisco spenderne 1000-1500 per un vintage.
    Leggendo qui da molte discussioni (anche troppe XD) i pareri di tanti sassofonisti, tra cui David Brutti felice possessore di tutta la famiglia chu berry, con cui ho studiato e di cui ho avuto modo di sentire il suono (incredibile), mi ero orientato verso i conn chu berry o i buescher.
    aiutatemi a scegliere, sono nell'indecisione totale.
    Stravedo per l'estetica del chu berry. Il microtuner è un dettaglio per cui ho sempre perso la testa, inoltre la finitura argentata con la campana oro è il mio sogno visto che prenderò un R&C con le stesse caratteristiche. Purtroppo gli annunci per chu berry qui in zona o sono in condizioni non eccelse, oppure sparano altissimo sul prezzo. Ne avrei visti un paio interessanti in zona Cuneo con un buon prezzo, ma ahimè senza la campana dorata.
    Pro del buescher: ne ho visti parecchi (true tone, TH&C, aristocrat) e mi piacciono molto, esteticamente meno del chu. Ho sentito il suono da alcuni filmati e ho visto che il buon vecchio Rascher (Dio lo abbia in gloria) suonava Buescher. Quindi come suono corrispondono in pieno al mio "target". I prezzi sono un po' più alti del chu, nei casi di aristocrat e TH&C, ma ho visto un true tone in condizioni fantastiche che era un vero gioiello.
    Se avete anche altri suggerimenti vi prego fatevi avanti, aiutatemi a diradare questa indecisione, anche se meravigliosa!
    lugapsax
    sax soprano SDA buffet crampon 1973, becco riffault. Sax alto serie II becco soloist D reworked Menaglio Sax tenore Jupiter becchi colletto sonor n°5, riffault R4, Pomarico ebony wood n°"11" reworked Clerici

  2. #2
    Citazione Originariamente Scritto da lugapsax Visualizza Messaggio
    Ciao a tutti,
    inizio questo thread (spero lunghissimo) perchè presto (tra un mesetto o due) prenderò un alto vintage.
    I motivi per cui mi sono imbarcato in questa difficilissima scelta: il fascino eterno di questi pezzi di storia del sax, il suono ormai per me troppo "tuppato" dei selmer moderni e varie laccature -sono felice possessore di un SA II per buona parte slaccato con cui suono spesso classica, ma di cui lamento molto spesso la poca consistenza di armonici sul registro grave- soprattutto per il rapporto qualità prezzo: un serie 3 costa 3mila e passa euro e suona meglio un grassi a momenti...per non parlare dell'intonazione orripilante.
    Hai provato a cambiare 1) modo di suonare 2) messa a punto dello strumento (sia del Serie II sia del Serie III)... 3) eventualmente bocchino.?

    Tutto quello che descrivi si verifica (escludendo che il modo di suonare del suonatore sia realmente incompatibile con lo strumento) quando sei in condizioni "lontane dell'essere ottimali".
    (poi usi anche un Soloist modificato... quindi questo conferma in parte le mie ipotesi, considerando il punto da cui parti e quello che vuoi idealmente ottenere...)

  3. #3
    Ciao tzadik, in questi anni ho cambiato molto il mio modo di suonare, ho cambiato miriadi di becchi (non uso più il soloist, preferisco becchi a camera larga e tonda come otto link, brilhart) e la messa a punto del Serie II è già "ultra", confermata anche da tanti saxofonisti che l'hanno provato. suona un gran bene, ma più di così (e non che suoni male)
    non va. Le caratteristiche sono ottimali, sono io che sono in cerca di un prodotto ben preciso dopo anni di vari test e studi.
    Non sono possessore di un SA 3, li ho provati in lungo e in largo e li ho trovati francamente imbarazzanti. E' da molto tempo che voglio prendere un altro sax con più "cavalli" da domare, da qui la decisione prima di prendere un bel vintage e poi un R&C in argento massiccio con la campana in oro.
    sono tutti strumenti che ho già provato, e che mi sono strapiaciuti, solo che allora non avevo le disponibilità economiche. Ora preferisco esplorare in lungo e in largo per fare una bella spesa una volta sola! =)
    lugapsax
    sax soprano SDA buffet crampon 1973, becco riffault. Sax alto serie II becco soloist D reworked Menaglio Sax tenore Jupiter becchi colletto sonor n°5, riffault R4, Pomarico ebony wood n°"11" reworked Clerici

  4. #4

    Data Registrazione
    Dec 2014
    Località
    Da qualche parte nel Varesotto
    Messaggi
    88
    I sono un fan dei Buescher, forse ti posso dare una mano. Il true tone è quello con l'impronta più classica ed era il preferito di Rasher. L'aristocrat sta in mezzo, ha un suono bello ed è versatile sia per jazz che per classica. Il TH&C è quello che mira di più al jazz. Ha un tono pieno ed elegante e se ti capita quello di prima serie è anche bello da vedere.
    Sax Alto: Selmer Bundy 1969 s/n 514xxx
    Becco: Otto Link Tone Edge Ebanite *8
    Ancia: Vandoren V16 2,5

  5. #5
    l'estetica conta molto,però...La campana dorata su sax "argentato" è bellissima ma ci possono correre un migliaio d'euro tra un Chu che ce l'ha ed uno che non ce l'ha e sinceramente mi pare così poco (vorrei dire per niente) influente sul suono:ci sono alti transitional a 5/600 euro senza doratura e,magari,ce ne vogliono più di mille per uno che ce l'ha,credo sia troppo. Il suono del Chu e del Buescher true tone non mi sembrano paragonabili pur essendo coevi,degli altri modelli non so perché non li ho mai posseduti e le uniche prove (per quel che valgono se le faccio io) che ho fatto sono state su strumenti di amici e conoscenti e quindi prove durate minuti,inutili per poter dire qualcosa. Buona caccia e buon divertimento.
    il nero

  6. #6
    Se lo trovi prova un The Martin Alto dei primi cinquanta. Un gran sax!
    Tenore Selmer Mark VI 154xxx con Otto Link Early Babbitt ebanite

  7. #7
    Moderatore L'avatar di Il_dario
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    CISNUSCULUM Isola_delle_noci_e_pappagalli
    Messaggi
    7,518
    Per quanto concerne i Conn, occorre fare una precisazione , non esiste un contralto modello "chu berry" .
    Quel nome preso da Leon Brown "Chu" Berry , tenorista degli anni '30 , si riferisce ai tenori di quel periodo della Conn , periodo dei Transitional ed anche per i contralti é stato un periodo di grandi variazioni costruttive .
    Quindi per una valutazione precisa anche economica occorre sapere se si sta parlando di un New Wonder , New Wonder II , di un Transitional o dei primi 6M , tutti comunque tassativanente con il microtuner piú altre cose
    La finitura argentata satinata e non, con campana dorata era molto in voga all'epoca , e non solo sui Conn , io ho un Alto Buescher True Tone con quella finitura ! E visto il mio motto , se lo vuoi provare (e non solo) fammi un fischio


    Schiaccio e baratto ergo sum
    Metronomico della "Ostello Quarna Nightmare Band"
    Anche se gioco in casa "il_padrino della cupola"
    Sax_Gallery

  8. #8
    Io non ho mai provato contralti vintage, ma i modelli che più mi attirano sono i conn 6m (mi piace il suono conn) ed esteticamente (perchè non l'ho mai neanche ascoltato) i Buscher Big B mi piacciono da morire.
    Sax tenore: Selmer SA80 II serie

  9. #9
    Sostenitore 2015
    Data Registrazione
    May 2015
    Località
    estremo ovest con vista sul golfo
    Messaggi
    1,234
    ...di contralti no, ma di tenori ho avuto i CONN Wonder e 10M e due Buescher Aristocrat... i Conn avevano di base un tono molto più scuro e avvolgente ricco di personalità, i Buescher invece hanno si un tono scuro ma più morbido e mieloso e molto equilibrato oltre ad una eccellente intonazione... sono strumenti contemporanei ma molto diversi tra loro, e a questo punto posso solamente consigliarti di riuscire a provarne quanto più possibile e trarre le tue personali conclusioni... a quanto si è potuto capire sembra di capire che tu sia un estimatore dei vintage, non sarebbe male a questo punto che con il tempo possa venire in possesso di tutti e due i modelli... auguri eehh...
    Yamaha YTS 82Z Custom UL [Ludovico...] Goldbeck Superb ref. Bucci / Cafè Primo Ibrid / Rico S.J. - La Voz
    Yamaha YTS 62 MK1 Purple Logo chiver G1 [Gian Battista...] Excalibur 8-9 EL ref. Bucci / Rico S.J. - Rigotti Gold
    Buescher Aristocrat 1° Art Decò 1939 [Sir Ferdinand...solo per la domenica]
    Conn C. Melody New Wonder II 1925 / Yamaha Wind Controller WX5 / WT11

  10. #10
    Ti consiglio quello che ho in firma, il King Voll True II, praticamente è uno Zephyr, lo trovi a prezzi ottimi in quanto la gente cerca quest'ultimo che è più conosciuto. Considera che il Voll True II è molto diverso dal più "rozzo" predecessore Voll True. Il Voll True II fu prodotto credo dal 1932 al 1937; nel 1938 la King non fece altro che rinominare questo sax Zephyr senza nessuna sostanziale modifica. Sono molto robusti, il mio è del 1935 e vedessi in che stato fantastico si trova la meccanica, persino la lacca è più integra del mio Selmer serie II. Una vera chicca.
    Selmer SA80II Tenore, Selmer Metal Jazz G, Vandoren Java 3
    Yamaha 62 Soprano, Bari 64, Hemke 2,5
    King Voll True II Alto, Meyer 5M, La Voz Medium

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •