Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Prime impressioni su due flauti Jupiter diMedici

  1. #1

    Data Registrazione
    Feb 2013
    Località
    Terre di mezzo
    Messaggi
    702

    Prime impressioni su due flauti Jupiter diMedici

    Ciao,

    Qualche impressione sui miei flauti. Con una premessa di ordine storico.

    Marchio taiwanese poco apprezzato (e molto disprezzato) in Italia, Jupiter ha un buon seguito all'estero con una serie di buoni prodotti didattici e da banda. Terzista di grosse dimensioni, alla fine degli anni '60 ha aperto una fabbrica di strumenti musicali insieme a Yamaha (Taiwan Yamaha Musical Instruments, poi Yamaha-KHS Music), proponendosi sempre come alternativa a basso costo del marchio giapponese. Negli ultimi venticinque anni ha deciso di "fare sul serio" nel mondo dei flauti, ed ha rilevato Altus, al cui progettista capo Shuichi Tanaka (ex Muramatsu) ha commissionato la revisione (insieme a William Bennett) dell'intero catalogo.

    Le due linee ideali – prezzo contenuto e solida progettazione – convergono nella serie diMedici (all'inizio "diMedici designed by Altus"), che in Italia dovrebbe aver venduto pochissimi pezzi, mentre sembrerebbe essere stata, a leggere in giro, un successone negli USA e in Asia. La serie è in fase di dismissione, a favore della serie Azumi by Altus. Purtroppo Azumi costa più di diMedici, la cui scomparsa lascia, a mio avviso, un vuoto nella fascia di prezzo più interessante in questi tempi grami.

    Di recente ho acquistato due flauti diMedici: un flauto in Do con testata d'argento e corpo in nichel placcato argento (modello 911RES), e proprio ieri un flauto in Sol interamente in nichel placcato argento (modello 1121ESA). Peccato aver finito i soldi, perché la collezione sarebbe stata completa con un bel flauto basso...

    Il flauto in Do è una meraviglia. È la copia quasi esatta, nelle forme, di un Muramatsu degli anni '80. Suonato accanto all'originale dalla mia insegnante non ha sfigurato: il Muramatsu aveva una testata con largo taglio ovale, che gli dava un attacco morbido e meditato; il diMedici ha una testata quasi quadrata e più stretta, dal suono nervoso e impulsivo. Il suono tenuto dei due flauti appartiene alla stessa famiglia, anche se il diMedici potrebbe essere un tantino più chiaro (come, del resto, è il suono Altus).

    La costruzione appare impeccabile. I fori sono perfettamente livellati, i tamponi sistemati alla perfezione. La sensazione in mano è di estremo equilibrio. Il corpo vibra meravigliosamente quando lo si suona. Persino la custodia è fatta benissimo.

    Il contralto è meno curato. Le testate placcate fanno sicuramente una certa differenza, nonostante il dibattito acceso sull'influenza dei materiali sul suono. Anche in questo caso le testate sono, si dichiara, fatte (o finite?) a mano. In ogni caso, qui la mano non dev'essere la stessa che nel flauto in Do, che non presenta nessuna sbavatura. All'interno della testata curva del contralto si nota che i margini del riser non sono perfettamente rifiniti. I bordi interni dei tubi di raccordo non sono ben levigati, e anche la placcatura (che in entrambi gli strumenti è anche interna) appare imperfetta. Fortunatamente, chiavi e fori sembrano disposti correttamente.

    A proposito delle chiavi: sono incise, come (a quanto sembra) piace agli americani. Di fronte alla sobria eleganza del Muramatsu e della sua copia taiwanese, questo sembra un candelabro da mercatone del mobile. Pazienza: ci metterò le dita sopra per coprirle...

    È presto per dire come suoni questo contralto, ma l'impressione è estremamente positiva. È un suono spesso, tondo, pieno, gonfio. Un suono incantatore, decisamente attraente. Ci sono suggestioni notturne, da chiaro di luna. Le prime due ottave sono facili e omogenee. Gli armonici delle note basse solidi e incantevoli. Dicono che la testata dritta di un flauto in Sol suoni meglio. A me piace di più quella curva, che ha forse un suono più cavernoso, più remoto.

    Dovrò farlo provare alla mia insegnante, in attesa di riuscire anch'io a farlo, stavolta per davvero, suonare.

    Ciao,
    Paolo

  2. #2

    Data Registrazione
    Feb 2013
    Località
    Terre di mezzo
    Messaggi
    702

    Re: Prime impressioni su due flauti Jupiter diMedici

    Nel messaggio precedente lamentavo l'imprecisione del taglio del pozzetto. Alla luce del sole, oggi ho dovuto constatare che le imprecisioni visibili erano la stessa patina di ossido che ricopriva parte del flauto al suo arrivo.

    Una volta pulita sfregando con un cotton fioc (rimasto nero!), non si notano imprecisioni di nessun tipo. Pur non trattandosi di metallo nobile, gli intagliatori hanno fatto un buon lavoro. Peccato che qualche commerciante non abbia altrettanto rispetto degli strumenti che vende.

    Paolo

  3. #3

    Data Registrazione
    Feb 2013
    Località
    Terre di mezzo
    Messaggi
    702
    A distanza di due anni, lascio una nota sul flauto in Do: usato in media due o tre ore la settimana, curato maniacalmente, portato una volta in assistenza per un piccolo danno, è praticamente identico a quando era nuovo. Meccaniche salde, senza movimenti laterali, omogenee e precise. Non so come avrebbe reagito sotto le mani di uno studente che lo usa più ore al giorno, ma per un utente occasionale si sta comportando molto bene.

    L'altro (che altrove mi spiegano non essere stato ossidato, ma aver avuto residui di fiamma da una revisione pre-vendita), mi piacerebbe tanto usarlo di più…

    Paolo

  4. #4
    Ciao confermo quanto dici in quanto posseggo sia muramatsu che jupiter in C acquistato come moletto ma rivelatosi in questi anni molto affidabile. Ho avuto anche un flauto basso jupiter dimedici che vendetti ora inutilizzo anni fa. Anche quest'ultimo davvero ottimo rapporto qualità prezzo


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Discussioni Simili

  1. Jupiter jts 587, prime impressioni
    Di juzam70 nel forum Tenore
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 31st May 2014, 00:59
  2. Prime impressioni Grassi AS 460
    Di Madaolio nel forum Contralto
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 23rd March 2013, 11:42
  3. Tenore J.Michael, prime impressioni
    Di juzam70 nel forum Tenore
    Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 19th March 2012, 19:31
  4. Sax J.michael ... prime impressioni
    Di juzam70 nel forum Contralto
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 2nd December 2011, 13:31
  5. Prime impressioni del mio Yamaha 675
    Di sancasax nel forum Soprano
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 12th April 2011, 09:36

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •