Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 12 di 12

Discussione: Problema intonazione note acute - sax Ripamonti V- Jazz Custom VI

  1. #11
    Citazione Originariamente Scritto da dollysaxdolly Visualizza Messaggio
    Grazie a tutti per le risposte e gli interventi! ho provato a ridurre la corsa della palmari come consigliato, ma ho avvertito una "perdita" nel suono.

    D
    Se il problema intonazione è dovuto all'errata apertura delle chiavi palmari, è chiaro che provando a registrare le chiavi chiudendole sentirai un suono più controllato, e quindi meno "sparato".
    Come anche se togliessi addirittura del tutto la chiave, sentiresti ancora un suono più forte , ma magari crescente di un semitono......
    Come ti avevo consigliato anche il signor Ripamonti ti consiglia di controllare l'ottava con la stessa emissione di quella medio bassa.
    Potresti fare ancora un altra cosa che influisce sull'intonazione delle palmari, e cioè controllare l'apertura del portavoce sul chiver, che non sia molto aperto.
    Di solito una apertura normale non dovrebbe superare i 2 mm.

  2. #12
    come dice Tza il suono si costruisce negli anni .
    Mspecial poi ti ha dato una ulteriore dritta " controllare l'ottava con la stessa emissione di quella bassa."

    questo è il modo per procedere correttamente e senza il timore di combinare pasticci.
    il problema è che molti sassofonisti non sono in grado di applicare questa regola perché magari applicano dei correttivi .
    per questo il setup ed il sax che va bene per me magari non va bene per un altro sassofonista e discorso analogo per il sax e per l'altezza delle chiavi.

    ti dico come procedere se vuoi essere certo che il problema non sia tuo ma del sax e di conseguenza modificarlo a tuo piacimento.
    il principio è che il sax (tutte le note del sax) si possono suonare con la stessa unica emissione senza modificare né la pressione del labbro né il morso .
    questo che è un principio teoricamente molto semplice corrisponde all'atto pratico per intervalli molto piccoli e diventa più complicato per intervalli molto ampi.
    l'esempio tipico è suona un sol centrale con una unica emissione chiudi gli occhi e facendoti aiutare da una amica a tua insaputa falle premere il tasto del sol diesis.
    se il suono con la semplice pressione del tasto risulterà omogeneo ed intonato vorrà dire che sei in grado con una unica emissione di suonare due note ad un intervallo di un semitono.
    (questo espediente lo puoi replicare anche per intervalli più ampi sino ad una ottava come diceva Mspecial o addirittura ancora di più).

    Passiamo alla risoluzione del tuo problema .
    Suona la nota do diesis acuto (con il suono che ti piace quindi con il collo che preferisci) a quanto hai riferito dovrebbe essere intonata.
    quindi a tua insaputa fai aprire la prima palmare re. e vedi che succede.

    Io ho proceduto così per tutte le note del sax ma il mio intervento è stato radicale (tutti i sugheri e spessori del sax)
    nel tuo caso se hai correttamente valutato il problema potresti essere in grado di risolverlo con poco.
    (diversamente vorrà dire che il tuo riferimento non è corretto e quindi il do diesis è già fuori dalla " intonazione corretta"
    sax tenore selmer sba 1948 mk6 m 114906 bocchino francois louis

    ancia di plasticazza (bari) m

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •